Archivio Blog Cerchiamodenise - Gennaio - Dicembre 2012


Sito Ufficiale: www.cerchiamodenise.it - MISSING Denise Pipitone "Aiutaci a Trovarla" " Help us find her" " Nous aider à trouver" - Denise è Nata/Born on/Née le il 26/10/2000, Scomparsa/Disappearance/Disparue dal 01/09/2004 a Mazara del Vallo, (TP) Italy - Per informazioni utili/For useful information: 0039 340 5403309 - Official Web Site: www.cerchiamodenise.org - email: aiutiamo@cerchiamodenise.it / aiutiamo@cerchiamodenise.org -  Website: www.missingkids.it -  In caso di avvistamento, rivolgersi subito al più vicino posto di commissariato dei Carabinieri (112) o di Polizia (113)./If you think you have seen her, please immediately contact your nearest Police Station./Si vous reconnaissez Denise, adressez-vous au plus vite au poste de Police le plus proche.- Denise ha Bisogno di Noi!!
 Archivio Blog Gen 2007 - Dic 2007 - Archivio Blog Gen 2008 - Dic 2008 - Archivio Blog Gen 2009 - Dic 2009 - Archivio Blog Gen 2010 - Dic 2010Archivio Blog Gen 2011 - Dic 2011 - Archivio Blog Gen 2012 - Dic 2012
Home  

mercoledì 26 dicembre 2012

A breve nuova iniziativa in aiuto a Denise

Carissimi, a breve vi chiederemo di aderire ad un iniziativa, sperando che siate in tanti ad accoglierla. Mai nessuna madre dovrà patire tanto dolore per il rapimento di un figlio. Denise, oggi fa parte della responbabilità morale di ogni singolo cittadino, ogni madre in questo mondo dovrebbe sentirsi PARTE LESA!. Far del MALE A DENISE, e come far male a vostro FIGLIO/FRATELLO/NIPOTE ecc..Denise, è FIGLIA DEL MONDO, fa parte di tutti noi!! La vostra collaborazione è molto importante. Molto presto Vi darò ulteriori chiarimenti. (P. M) Grazie http://informazione.cerchiamodenise.it

____________________________________________________________________________________________________________________________________________

lunedì 24 dicembre 2012




E' Natale ogni volta che amiamo, ogni volta che doniamo. E' Natale quando le cose più belle della vita non si guardano con gli occhi ma si sentono con il cuore. E' Natale ogni volta che facciamo nascere l'amore nei nostri cuori! Un caloroso augurio di buon Natale. Auguri a tutti Voi da parte nostra! www.cerchiamodenise.it

Vi Ringraziamo per averci espresso il vostro pensiero di vicinanza in questo periodo particolare, per tramite messaggi, lettere ecc.. Grazie! (Piera Maggio)


______________________________________________________________________________________________________


PIERA MAGGIO: “SONO INDIGNATA, può fare da madre colei che accusata di aver fatto del male alla sorella, perché nessuno lo accerta, dove sono i servizi sociali?”
mercoledì 19 dicembre 2012 12.00



Mi chiedo è VI CHIEDO, è MAI POSSIBILE, come può questo ESSERE “Jessica Pulizzi” colei che è ACCUSATA del sequestro della sua sorellastra, diventata madre, ESSERE IN GRADO DI ALLEVARE UNA FIGLIA?.
Come mai i SERVIZI SOCIALI non siano ancora intervenuti?, visto che c’è un procedimento in corso contro di lei, di cui si è macchiata di un REATO GRAVISSIMO, “AVER FATTO DEL MALE ALLA SORELLA? NO ANCHE AD UNA PERSONA QUALUNQUE, UNA BAMBINA INDIFESA”

QUESTO ESSERE, è mai stata trattata da persone addette, a poter valutare LA SUA PERSONALITA’, e se è in grado di fare DA MADRE, O POTREBBE FARE DEL MALE ANCHE A SUA FIGLIA?
EBBENE CHIEDETEVELO ANCHE VOI! Grazie

Piera Maggio
Intercettata la sorellastra di Denise Pipitone: “Non dico dove l’ho messa” L’intercettazione risale all’11 settembre 2004 e si sente la voce di Jessica Pulizzi che parla all’ex fidanzato (entrambi sono imputati nel processo) e a sua madre. Nel corso dell’udienza di oggi a Marsala la difesa della mamma di Denise: "L'ispettore Todaro mente".
mercoledì 19 dicembre 2012 0.24
Il perito fonico trascrittore Fulvio Schimmenti, teste della ventisettesima udienza del processo che si celebra a Marsala riguardo il caso della piccola Denise Pipitone, è stato incaricato dalla Procura di trascrivere alcune conversazioni ambientali che coinvolgono Jessica Pulizzi, la sorellastra della bambina scomparsa da Mazara del Vallo e al centro anche di altre intercettazioni venute fuori recentemente. Questa trascritta oggi è una conversazione avvenuta al commissariato di polizia di Mazara l’11 settembre del 2004, pochi giorni dopo la scomparsa della bambina: si sente Jessica che parla prima con l'ex fidanzato Gaspare Ghaleb (entrambi sono imputati nel processo per il sequestro di Denise Pipitone) e poi con la madre Anna Corona che, invece, è indagata in un’inchiesta parallela. Al primo la sorellastra Jessica dice: “Nun ci lu ricu dunni la misi” (“Non glielo dico dove l’ho messa”), alla madre sussurra “Ma ‘a picciridda asciddrico” (“Ma la bambina è scivolata”). Frasi che mancano nella trascrizione di un altro perito - Queste frasi trascritte dal perito non erano presenti, invece, nella trascrizione effettuata da Roberto Genovese, un consulente del Tribunale, che al posto dei passaggi citati aveva riportato la dicitura “incomprensibile”. E l’avvocato Giacomo Frazzitta che difende la madre di Denise, Piera Maggio, ha fatto notare come nella trascrizione di Genovese mancassero tutti i passaggi chiave della vicenda. Il perito Schimmenti ha detto anche che da questa intercettazione si evince che Jessica Pulizzi si era accorta, a un certo punto, del microfono e, infine, ha fatto riferimento a una circostanza anomala constatata nel riascoltare le tracce dell’intercettazione: “Nel riascoltarle a distanza di tempo non sono riuscito più a sentire quello che avevo sentito prima. Quelle tracce era come se non fossero state salvate con il filtraggio, come se fossero gli originali”. Jessica Pulizzi renderà dichiarazioni in aula a gennaio - L’avvocato di Piera Maggio ha anche chiesto, davanti al Tribunale di Marsala, di procedere per falsa testimonianza contro l’ispettore Vincenzo Todaro che, dal suo punto di vista, sarebbe caduto in varie incongruenze nel corso della deposizione resa oggi. L’investigatore si è, nello specifico, contraddetto riguardo l’intercettazione ambientale effettuata il 24 novembre 2004 sullo scooter di Jessica Pulizzi. In quella conversazione si sentono delle voci che fanno riferimento a Denise e Todaro si è più volte smentito nel ricostruire quella circostanza. A conclusione dell’udienza odierna, infine, uno dei legali di Jessica Pulizzi ha detto che l’assistita renderà dichiarazioni al processo a gennaio. Le prossime udienze sono state fissate per l'11 e il 22 gennaio 2013. Fonte: http://www.fanpage.it/intercettata-la-sorellastra-di-denise-pipitone-non-dico-dove-l-ho-messa/
__________________________________________________________________________________________________________________________________


Denise, il legale della madre accusa un poliziotto di falsa testimonianza
mercoledì 19 dicembre 2012 0.15

Nel corso dell'udienza in cui stava deponendo l'ispettore di polizia Vincenzo Todaro, che coordinava una delle sale d'ascolto delle intercettazioni, l'avvocato di parte civile Giacomo Frazzitta, legale di Piera Maggio, madre di Denise, ha chiesto che "si proceda per falsa testimonianza" contro l'investigatore per le contraddizioni in cui sarebbe caduto in aula. Divergenze tra periti sulle intercettazioni. MARSALA (TRAPANI) - Nel corso dell'udienza del processo per la scomparsa di Denise Pipitone in cui stava deponendo l'ispettore di polizia Vincenzo Todaro, che tra l'ottobre e il novembre 2004 coordinava una delle sale d'ascolto delle intercettazioni, l'avvocato di parte civile Giacomo Frazzitta, legale di Piera Maggio, madre di Denise, ha chiesto che "si proceda per falsa testimonianza" contro l'investigatore per le contraddizioni in cui sarebbe caduto in aula parlando dell'intercettazione ambientale effettuata sullo scooter di Jessica Pulizzi il 24 novembre 2004. Pulizzi, sorella (per parte di padre) della bambina rapita, è accusata di concorso in sequestro di minorenne, e il suo ex fidanzato Gaspare Ghaleb, 27 anni, è accusato di false dichiarazioni al pm. Durante l'intercettazione, intorno alle 19.30, si sentono due voci maschili. Una dice: "Va pigghia a Denise, ma Peppe chi ti rissi?" ("Vai a prendere Denise, ma Peppe che ti ha detto", ndr) e l'altra rispondere: "Ma dunni l'ha purtari?" ("Ma dove la devo portare?", ndr). Il poliziotto ha detto che le voci sono state ascoltate "alcuni secondi dopo lo spegnimento dello scooter, sul quale Jessica e la sorella Alice, poco prima, parlavano di regali natalizi, argomenti futili, non abbiamo registrato". Poco prima, invece, aveva detto che di tali argomenti le due sorelle parlavano dopo essere rientrate a casa. L'intercettazione fu effettuata a Mazara, in via Pirandello, davanti l'abitazione di Pulizzi. "L'indomani - ha continuato l'ispettore Todaro - abbiamo svolto attività di riscontro per vedere se in zona c'erano altre bambine che si chiamavano Denise. Dagli accertamenti fatti al Comune di Mazara del Vallo abbiamo scoperto diverse Denise. Abbiamo sentito 13 genitori, tutti papà, per vedere se qualcuno la sera prima erano prima passati da via Pirandello e tutti hanno risposto negativamente". Intanto, a seguito dei contrasti avuti nella precedente udienza con l'avvocato Frazzitta, Piero Pulizzi, padre naturale di Denise e parte civile, ha revocato il suo mandato al legale, sostituendolo con Vito Perricone. Intanto, emergono divergenze tra periti su importanti intercettazioni che riguardano il processo. Fulvio Schimmenti, perito incaricato dalla Procura di Marsala di trascrivere intercettazioni effettuate sia nell'abitazione di Jessica Pulizzi, imputata con l'accusa di concorso in sequestro di minorenne, che nella stanza del commissariato Mazara in cui l'11 settembre 2004 la sorellastra di Denise e la madre Anna Corona attendevano di essere interrogate, ha trascritto alcune frasi che però per il perito trascrittore del Tribunale, Roberto Genovese, risultano "incomprensibili". In commissariato, secondo Schimmenti, si sente Jessica che, parlando con l'allora fidanzato Gaspare Ghaleb, dice: "Un ci lu ricu dunni a misi" ("Non glielo dico dove l'ho messa", ndr), mentre alla madre sussurra: "Ma comunque a picciridda asciddicò " ("Ma comunque la bambina scivolò", ndr). Per l'avvocato di parte civile Giacomo Frazzitta le conversazioni risultano incomprensibili per Genovese "proprio in tutti i punti fondamentali delle intercettazioni". Schimmenti si è detto d'accordo con il legale, dichiarando: "Dissi a Genovese di ascoltare ancora". Schimmenti ha, poi, affermato: "A distanza di due anni dall'ascolto e dal salvataggio delle intercettazioni filtrate, non ho più trovato quelle filtrate e salvate su hard disk esterno. Poi, ho dovuto lavorare sui files audio che mi consegnò Roberto Genovese, che erano gli originali non filtrati. Jessica si accorse di un microfono nel bagno di casa e anche di quello in commissariato, ma in questo secondo caso dopo la frase "a casa c'ha purtai". Successivamente, sul microfono piazzato in commissariato si sente un ticchettio, come se qualcuno vi picchiasse sopra con un dito". Fonte: http://livesicilia.it/2012/12/18/denise-il-legale-della-madre-accusa-poliziotto-di-falsa-testimonianza_233047/

_____________________________________________________________________________________________________________________________________


Denise: Jessica intercettata: "Non dico dove l'ho messa"
mercoledì 19 dicembre 2012 0.17

Nella conversazione intercettata al commissariato di polizia di Mazara dell'11 settembre del 2004, si sente Jessica Pulizzi dire all'ex fidanzato Gaspare Ghaleb, (entrambi imputati nel processo per il sequestro di Denise Pipitone): "Nun ci lu ricu dunni la misi" ("non glielo dico dove l'ho messa", ndr). Successivamente, la sorellastra della bambina, scomparsa il primo settembre 2004, sussurra alla madre, Anna Corona, indagata in un'inchiesta parallela: "Ma 'a picciridda asciddrico'" ("ma la bambina e' scivolata", ndr). Lo ha rivelato il perito fonico trascrittore Fulvio Schimmenti, teste della ventisettesima udienza del processo che si celebra davanti al Tribunale di Marsala.
Schimmenti e' stato incaricato dalla Procura di Marsala di trascrivere alcune conversazioni ambientali, ma delle frasi riportate oggi in aula non c'e' traccia nella trascrizione effettuata da un altro perito, Roberto Genovese, consulente del Tribunale. Nella versione di Genovese, al posto dei passaggi citati si trova la dicitura "incomprensibile". "Nella trascrizione di Genovese si incontrano 'gli incomprensibili' in tutti i passaggi chiave della vicenda Pipitone" ha constatato l'avvocato Giacomo Frazzitta, legale di Piera Maggio, madre di Denise. "Dissi a Genovese di riascoltare ancora le tracce", ha aggiunto Schimmenti che ha inoltre riferito un altro elemento rilevante: "Dall'intercettazione al commissariato si evince anche che Jessica Pulizzi dopo aver sussurrato la nota frase 'quannu era con Alice? pigghiai e a casa ci la purtai' ("quando ero con Alice ho preso e gliela ho portata a casa", ndr), si accorse della presenza di un microfono e ci picchetto' sopra col dito". Schimmenti ha infine raccontato di una circostanza anomala. "Dopo aver trascritto le tracce audio filtrate - ha detto - avevo salvato una copia dei file 'lavorati' per averne un riscontro. Ma nel riascoltare, a distanza di tempo, le tracce salvate, non sono riuscito piu' a sentire quello che avevo sentito prima. Quelle tracce era come se non fossero state salvate con il filtraggio, come se fossero gli originali. Riprovando a pulirle, non sono riuscito piu' a ottenere lo stesso risultato. Alla fine effettuai il riascolto sulle tracce che mi invio' Genovese".
LEGALE DELLA MADRE ACCUSA L'ISPETTORE DI POLIZIA DI FALSA TESTIMONIANZA - "Chiediamo che si proceda per falsa testimonianza contro l'ispettore Vincenzo Todaro". E' la richiesta avanzata, davanti al Tribunale di Marsala dove e' ripreso il processo per il sequestro della piccola Denise Pipitone, dall'avvocato Giacomo Frazzitta, legale di Piera Maggio, madre della bambina scomparsa a Mazara del Vallo (Trapani) il primo settembre 2004. Nel corso della deposizione resa oggi, secondo Frazzitta, l'ispettore in servizio alla Squadra mobile di Trapani, e' caduto in varie incongruenze.

L'investigatore, responsabile della sala intercettazioni, primo teste dell'udienza del processo a Jessica Pulizzi, sorellastra per parte di padre di Denise e accusata di concorso in sequestro, e dell'ex fidanzato Gaspare Ghaleb, per false dichiarazioni al pm, si e' contraddetto riguardo all'intercettazione ambientale effettuata il 24 novembre 2004, qualche mese dopo la scomparsa della bambina, sullo scooter "Scarabeo" di Jessica Pulizzi, davanti alla sua abitazione in via Pirandello a Mazara. Nella conversazione captata, di cui oggi e' stata acquisita la trascrizione su richiesta di Frazzitta, si sente una voce maschile dire: "Va pigghia a Denise. Ma Peppe, chi ti rissi?" ("Vai a prendere Denise, ma Peppe cosa ti ha detto?", ndr). E un altro uomo rispondere: "Ma d'unni l'ha purtare?" ("Dove la devo portare?", ndr). Todaro si e' smentito piu' volte nel ricostruire questa circostanza, raccontando prima che il dialogo era stato intercettato qualche secondo dopo che Jessica e sua sorella Alice (indagata di reato connesso) parcheggiarono il motorino su cui le due avrebbero parlato di "argomenti futili riguardanti le vacanze natalizie".

Poco dopo, pero', il poliziotto ha sostenuto che quel dialogo tra le due sarebbe avvenuta "dopo il loro ingresso nell'abitazione" e che proprio per il contenuto poco rilevante della conversazione, all'epoca "non si prosegui' con la registrazione dell'intercettazione ambientale in casa". A proposito dell'intercettazione tra i due uomini, invece, l'ispettore ha riferito: "All'epoca abbiamo verificato al Comune se c'erano altre bambine o ragazze a Mazara con il nome di Denise. Ho sentito informalmente 13 persone, papa' di queste ragazze per verificare se per caso fossero passati da via Pirandello quella sera e tutti hanno risposto negativamente". Presenti in aula i genitori della piccola scomparsa all'eta' di 4 anni, Piero Pulizzi e Piera Maggio. A seguito dei dissapori avvenuti nella precedente udienza, il padre di Denise ha revocato il proprio mandato all'avvocato Frazzitta, legale di Piera Maggio, e ha affidato l'incarico all'avvocato Vito Perricone.
DENISE: MADRE, CHI OSTACOLA VERITA' E' COMPLICE SEQUESTRO -"Chiunque non porti la verita' in quest'aula reitera e diventa complice del sequestro di mia famiglia". Lo ha affermato Piera Maggio, madre di Denise Pipitone, la bambina scompara a Mazara del Vallo (Trapani) il primo settembre 2004, al termine della ventottesima udienza del processo per il sequestro della piccola che si celebra davanti al Tribunale di Marsala e vede imputati la sorellastra di Denise, Jessica Pulizzi, e l'ex fidanzato Gaspare Ghaleb, accusati rispettivamente di concorso in sequestro e false dichiarazioni ai Pm.

DENISE: JESSICA RENDERA' DICHIARAZIONI IN AULA A GENNAIO - Jessica Pulizzi rendera' dichiarazioni al processo in cui e' imputata del sequestro della sorellastra Denise Pipitone, la bambina scomparsa a Mazara del Vallo (Trapani) il primo settembre 2004. Lo ha annunciato uno dei suoi legali, Fabrizio Torre, a conclusione dell'udienza odierna davanti al Tribunale di Marsala. "Potrebbe essere ascoltata nell'udienza del 22 gennaio", ha detto il presidente del collegio giudicante, Riccardo Alcamo. Oggi e' stato sentito anche l'ex dirigente del commissariato di polizia di Mazara (Trapani) Ruggiero Borzacchiello. "All'inizio pensavamo che si trattasse di una scomparsa - ha detto in aula Borzachiello - e iniziammo la ricerca a partire da via Domenico La Bruna (abitazione della piccola Denise Pipitone, ndr), controllando anche la zona limitrofa con l'ausilio delle unita' speleologiche". Le prossime udienze sono state fissate per l'11 e il 22 gennaio 2013. Nella ventottesima udienza saranno ascoltati il consulente Paolo Agate e altri rappresentanti delle forze dell'ordine, ultimi testi citati dalla pubblica accusa. Fonte: http://affaritaliani.libero.it/cronache/denise-poliziotto181212.html

Le prossime udienze sono fissate per il 11 e 22 gennaio 2013, giorno in cui Jessica Pulizzi, imputata del sequestro di Denise, renderà dichiarazioni al processo. Lo hanno dichiarato i suoi legali.
__________________________________________________________________________________________________________________

DENISE: MADRE, CHI OSTACOLA VERITA' E' COMPLICE DEL SEQUESTRO DI MIA FIGLIA

martedì 18 dicembre 2012 23.38

- "Chiunque non porti la verita' in quest'aula reitera e diventa complice del sequestro di mia figlia". Lo ha affermato Piera Maggio, madre di Denise Pipitone, la bambina scomparsa a Mazara del Vallo (Trapani) il primo settembre 2004, al termine della ventisettesima udienza del processo per il sequestro della piccola che si celebra davanti al Tribunale di Marsala e vede imputati la sorellastra di Denise, Jessica Pulizzi, e l'ex fidanzato Gaspare Ghaleb, accusati rispettivamente di concorso in sequestro e false dichiarazioni ai Pm.
http://informazione.cerchiamodenise.it/

__________________________________________________________________________________________________________________

Facebook, twitter, you tube, profili, gruppi, sito, blog ufficiali per Denise
martedì 18 dicembre 2012 23.27

Missing Denise Pipitone Mp
http://it-it.facebook.com/people/Missing-Denise-Pipitone-Mp/1286693723(original)

Piera Denise Mp Maggio https://www.facebook.com/missing.d.mp
https://www.facebook.com/missing.d.mp

Missing Denise Mp - cerchiamodenise.it - Gruppo fondato da Piera Maggio https://www.facebook.com/pages/Missing-Denise-Mp-cerchiamodeniseit-Gruppo-fondato-da-Piera-Maggio/227346334003135?sk=wall

(Fan) Fans Missing Denise Pipitone Mp
http://www.facebook.com/pages/Fans-Missing-Denise-Pipitone-Mp/301565724282?ref=ts

Missing Children Denise Pipitone
http://www.facebook.com/profile.php?id=1569051687

(Gruppo) "VOGLIAMO DENISE LIBERA, VOGLIAMO GIUSTIZIA,VOGLIAMO IN GALERA I COLPEVOLI!".
https://www.facebook.com/groups/80318663328/?bookmark_t=group

(Gruppo) ♥ MISSING - UNITI PER DENISE - UNITED FOR DENISE - UNIS POUR DENISE ♥
https://www.facebook.com/groups/69815248033

(Gruppo) Missing Denise - I Bambini non si Toccano! The children do not touch! ♥ https://www.facebook.com/groups/153587665456

(Gruppo) Missing Children denise Pipitone PP
http://www.facebook.com/group.php?gid=161911585456

FotoAlbum Denise: http://fotoalbum.cerchiamodenise.it/

You Tube Denise Pipitone: http://www.youtube.com/user/denisepipitone04

Su twitter Missing Denise Mp
@MissingDeniseMp : https://twitter.com/#!/MissingDeniseMp

( Official Web Site/Sito Ufficiale): http://www.cerchiamodenise.org/ http://www.cerchiamodenise.it/
(Blog Ufficiale/Official Blog): http://informazione.cerchiamodenise.it/
(Forum): http://friends.cerchiamodenise.it/

___________________________________________________________________________________________________________________________

Denise: ventisettesima udienza. Strane coincidenze o gravi indizi?
martedì 18 dicembre 2012 0.38


Mazara del Vallo, 18/12/2012. Si terrà oggi presso il tribunale di Marsala, la ventisettesima udienza del processo per il sequestro di Denise Pipitone, rapita il 1’ settembre 2004, che vede imputata la sorellastra Jessica Pulizzi. Secondo il legale Giacomo Frazzitta, avvocato della famiglia di Denise, vi sono strane coincidenze o gravi indizi nei fatti emersi dall’indagine, che riguardano le persone indagate (*).
Nel frattempo Piera Maggio, madre della bambina, ha lanciato una iniziativa attraverso il suo blog http://informazione.cerchiamodenise.it , nella quale chiede a tutti gli utenti in facebook (e in rete) di pubblicare nella propria pagina un messaggio in cui si chiede giustizia per Denise. “Invito tutti ad aderire alla mia iniziativa", esorta Piera Maggio: "per chiedere insieme che Denise non sia una storia passata, ma una bambina in carne ed ossa lontana dalla famiglia che va cercata. Al di là di tutte le sentenze e i tribunali voglio che dicano dove si trova mia figlia, non cerco vendetta ma solo giustizia e comunque voglio avere indicazioni riguardo al luogo dove l’hanno portata. A me non basta solo una condanna, ma informazioni precise per ritrovarla. Mi rivolgo direttamente a Jessica Pulizzi ed Anna Corona e ai loro legali che possano sollecitare la loro collaborazione”.

Ufficio Pubblica Informazione
Cerchiamo Denise Onlus
ufficiostampa@cerchiamodenise.it

****
(*) A cura di Giacomo Frazzitta

Ricapitoliamo quello che sta succedendo nel processo per i rapitori di Denise Pipitone.

1) abbiamo scoperto che l'orario nel foglio di presenze dell'hotel Ruggero II di Mazara ove lavorava la madre di Jessica Pulizzi la Sig.ra Anna Corona e' stato apposto dalla sua amica e collega F.sca Adamo, ma questa intervistata dalla troupe di "chi l'ha visto" nel 2010 e sentita più volte nel 2004 dagli inquirenti non l'aveva mai riferito . Potrebbe esser stata una dimenticanza e quindi questo fatto non significa nulla .
2) la persona che guida la Ford Fiesta, il 1 settembre del 2004, che va a sbattere nel marciapiede, secondo quanto riferisce il testimone oculare ha dei capelli biondi con una ciocca rossa. L'amica di Anna Corona, la sig.ra F.sca Adamo all'udienza ha riferito che in quel periodo portava i capelli chiari con una mèche rossa. Consideriamo anche questa una coincidenza e la valutiamo come tale.
3) la nonna di Jessica riferisce di esser stata avvisata, da sua figlia Anna Corona alle 12:15, di andare a casa dalle ragazze perché era successo una cosa grave. Anche questo consideriamolo come un cattivo ricordo della signora anziana che avrebbe confuso date e fatti.
4) la nonna sentita in udienza dice di avere saputo che Denise Pipitone era figlia del suo ex genero Piero Pulizzi " quando l'hanno trovata", così si esprime letteralmente la nonna . Ma scusate hanno trovato Denise e noi no ne sappiamo nulla ? beh, no, si tratta certamente di un lapsus dell'anziana signora.
5) gli agenti che si recano senza mandato di perquisizione a casa di Anna Corona, questa li fa accomodare, così lei ci riferisce nella casa al piano terra della vicina, fatto questo confermato anche dalla vicina di casa che è stata sentita al processo qualche settimana fa. Scopriamo, dopo che sentiamo il M.llo Di Girolamo, che la signora Corona fa ispezionare spontanemente dimostrando collaborazione, la casa della vicina e non quella propria . Certamente si sarà confusa!
In conclusione questi sopra riportati sono le ultime novità processuali della vicenda a cui aggiungiamo l'ennesima intercettazione captata sul motorino di Jessica Pulizzi, ove è possibile rilevare due voci che dicono in dialetto: " vai a pigliare a Denise, ma Peppe cosa ti ha detto? È l'altra voce risponde dove la devo portare? Al di la' di tutto, quello che più mi sconvolge, è' la risposta.
Infatti volendo ragionare sempre in maniera garantista potremmo dire che si tratta di due persone che casulamente si aggiravano attorno al motorino di Jessica e parlavano di un'altra Denise, ma la risposta fuga qualsiasi dubbio perché con la frase dove la devo portare si fa esplicito riferimento ad un "pacco persona" quindi ad un sequestrato !!
______________________________________________________________________________________________________

Atto Camera Interrogazione a risposta scritta 4-19029
lunedì 17 dicembre 2012 17.30

Il deputato di Italia dei Valori Francesco Barbato ha presentato un'interrogazione parlamentare che, prendendo spunto dal caso di Denise Pipitone, chiede l'istituzione di una superprocura in Italia che si dedichi alle persone scomparse, specialmente i minori.
Atto Camera

Interrogazione a risposta scritta 4-19029
presentata da
FRANCESCO BARBATO
mercoledì 12 dicembre 2012, seduta n.733

BARBATO. -
Al Presidente del Consiglio dei ministri, al Ministro della giustizia.
ogni anno in Italia scompaiono circa 9 mila persone di cui 3 mila bambini all`anno -
alla luce dei fatti esposti in premessa se non si ritenga di assumere iniziative normative per istituire una procura italiana degli scomparsi nella quale convergere tutti i casi esistenti in Italia in maniera tale da formare un pool altamente specializzato e specifico di magistrati per questa tipologia di reato in quanto i magistrati sono già oggi oberati anche dai procedimenti ordinari, affinché non abbia più ad accadere come nel caso Pipitone rispetto al quale vi sono stati 11 magistrati in 8 anni che ogni volta hanno ricominciato le indagini secondo un proprio punto di vista anche alla procedendo anche alla ottimizzazione di tecniche in uso in altri Paesi per addivenire a punto cruciale in Europa per lo scambio e l`acquisizione di notizie, indagini, tecniche, procedimenti d`avanguardia per favorire l`individuazione degli scomparsi ed in special modo dei bambini. (4-19029)
______________________________________________________________________________________________

CHI L'HA VISTO? Denise Pipitone - 12 dicembre 2012
lunedì 17 dicembre 2012 17.22

CHI L'HA VISTO?
Denise Pipitone - 12 dicembre 2012
http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-80abf304-ea93-4516-a88a-a6163643bb8e.html
Inserite questa immagine di Denise Pipitone, sul vostro profilo o nella home page del sito.
lunedì 17 dicembre 2012 14.41
INSERITE NEL VOSTRO PROFILO FACEBOOK MARTEDì 18, L'IMMAGINE DI DENISE, ASSIEME A QUESTO SLOGAN: VOGLIAMO DENISE LIBERA, VOGLIAMO SUBITO UNA GIUSTA GIUSTIZIA, I BAMBINI NON SI TOCCANO, IN GALERA I COLPEVOLI DEL SEQUESTRO DI DENISE !! (fatelo girare in rete, condividete e fate condividere) Piera Maggio http://informazione.cerchiamodenise.it/
♥ UNITI PER DENISE ♥ Gruppo su Facebook: VOGLIAMO DENISE LIBERA, VOGLIAMO GIUSTIZIA,VOGLIAMO IN GALERA I COLPEVOLI!
domenica 16 dicembre 2012 21.16
(CARISSIMI INVITATE I VOSTRI CONTATTI AD ISCRIVERSI)
♥ UNITI PER DENISE ♥ BENVENUTI a questo nuovo gruppo, stiamo dando la possibilità a molti AMICI di unirsi a NOI senza limiti di richieste. Grazie a tutti (INIZIATIVA IN ONORE A DENISE PIPITONE) condividete https://www.facebook.com/groups/80318663328/?bookmark_t=group

________________________________________________________________________________________________________________________

           

Inserite questa immagine di Denise Pipitone, sul vostro profilo o nella home page del sito.

INSERITE NEL VOSTRO PROFILO FACEBOOK  L'IMMAGINE DI DENISE, ASSIEME A QUESTO SLOGAN: VOGLIAMO DENISE LIBERA, VOGLIAMO SUBITO UNA GIUSTA GIUSTIZIA, I BAMBINI NON SI TOCCANO, IN GALERA I COLPEVOLI DEL SEQUESTRO DI DENISE !! (fatelo girare in rete, condividete e fate condividere) Piera Maggio http://informazione.cerchiamodenise.it

♥ UNITI PER DENISE ♥ Gruppo su Facebook: VOGLIAMO DENISE LIBERA, VOGLIAMO GIUSTIZIA,VOGLIAMO IN GALERA I COLPEVOLI!

(CARISSIMI INVITATE I VOSTRI CONTATTI AD ISCRIVERSI)
♥ UNITI PER DENISE ♥ BENVENUTI a questo nuovo gruppo, stiamo dando la possibilità a molti AMICI di unirsi a NOI senza limiti di richieste. Grazie a tutti (INIZIATIVA IN ONORE A DENISE PIPITONE) condividete https://www.facebook.com/groups/80318663328/?bookmark_t=group

_____________________________________________________________________________________________________________________

Denise Pipitone strane coincidenze o gravi indizi ?
sabato 15 dicembre 2012 2.20


Ricapitoliamo quello che sta succedendo nel processo per i rapitori di Denise Pipitone.
1) abbiamo scoperto che l'orario nel foglio di presenze dell'hotel Ruggero II di Mazara ove lavorava la madre di Jessica Pulizzi la Sig.ra Anna Corona e' stato apposto dalla sua amica e collega F.sca Adamo, ma questa intervistata dalla troupe di "chi l'ha visto" nel 2010 e sentita più volte nel 2004 dagli inquirenti non l'aveva mai riferito . Potrebbe esser stata una dimenticanza e quindi questo fatto non significa nulla .

2) la persona che guida la Ford Fiesta, il 1 settembre del 2004, che va a sbattere nel marciapiede, secondo quanto riferisce il testimone oculare ha dei capelli biondi con una ciocca rossa. L'amica di Anna Corona, la sig.ra F.sca Adamo all'udienza ha riferito che in quel periodo portava i capelli chiari con una mèche rossa. Consideriamo anche questa una coincidenza e la valutiamo come tale .

3) la nonna di Jessica riferisce di esser stata avvisata, da sua figlia Anna Corona alle 12:15, di andare a casa dalle ragazze perché era successo una cosa grave . Anche questo consideriamolo come un cattivo ricordo della signora anziana che avrebbe confuso date e fatti .

4) la nonna sentita in udienza dice di avere saputo che Denise Pipitone era figlia del suo ex genero Piero Pulizzi " quando l'hanno trovata", così si esprime letteralmente la nonna . Ma scusate hanno trovato Denise e noi no ne sappiamo nulla ? beh, no, si tratta certamente di un lapsus dell'anziana signora .

5) gli agenti che si recano senza mandato di perquisizione a casa di Anna Corona, questa li fa accomodare, così lei ci riferisce nella casa al piano terra della vicina, fatto questo confermato anche dalla vicina di casa che è stata sentita al processo qualche settimana fa. Scopriamo, dopo che sentiamo il M.llo Di Girolamo, che la signora Corona fa ispezionare spontanemente dimostrando collaborazione, la casa della vicina e non quella propria . Certamente si sarà confusa!

In conclusione questi sopra riportati sono le ultime novità processuali della vicenda a cui aggiungiamo l'ennesima intercettazione captata sul motorino di Jessica Pulizzi, ove è possibile rilevare due voci che dicono in dialetto: " vai a pigliare a Denise, ma Peppe cosa ti ha detto? È l'altra voce risponde dove la devo portare? Al di la' di tutto, quello che più mi sconvolge, è' la risposta.
Infatti volendo ragionare sempre in maniera garantista potremmo dire che si tratta di due persone che casulamente si aggiravano attorno al motorino di Jessica e parlavano di un'altra Denise, ma la risposta fuga qualsiasi dubbio perché con la frase dove la devo portare si fa esplicito riferimento ad un "pacco persona" quindi ad un sequestrato !! (Giacomo Frazzitta)

_______________________________________________________________________________________________________________________________

BENVENUTI a questo nuovo gruppo, (Gruppo) "VOGLIAMO DENISE LIBERA, VOGLIAMO GIUSTIZIA,VOGLIAMO IN GALERA I COLPEVOLI!".
sabato 15 dicembre 2012 2.06

Carissimi poichè siete in tanti con le vostre richieste di iscrizione, stiamo dando la possibilità a molti AMICI di facebook ad unirsi a NOI senza limiti di richieste. Grazie a tutti UNITI PER DENISE https://www.facebook.com/groups/80318663328/?bookmark_t=group

________________________________________________________________________________________________________________________

Droga, condannato lo zio di Jessica Pulizzi, imputata per il sequestro di Denise Pipitone. Jessica Pulizzi, è la nipote di Claudio Corona che ha patteggiato tre anni per droga e per traffico e spaccio di stupefacenti
sabato 15 dicembre 2012 1.42

MARSALA. Ha patteggiato la pena ed è stato condannato a tre anni di carcere per traffico e spaccio di droga il pregiudicato Claudio Corona, 43 anni, zio di Jessica Pulizzi, imputata davanti al Tribunale di Marsala nel processo per il sequestro di Denise Pipitone, la bambina scomparsa da Mazara del Vallo il primo settembre 2004. A condannare Corona, arrestato lo scorso 20 marzo nell'operazione «Tonno bianco», è stato il giudice delle udienze preliminari di Marsala Francesco Parrinello. Hanno, inoltre, patteggiato anche Francesco Gancitano (tre mesi di reclusione e mille euro di multa in continuazione con una precedente condanna, per un totale di 4 anni e 2 mesi) e Francesco Garofalo (un anno e otto mesi). L'organizzazione criminale di cui avrebbero fatto parte i tre condannati avrebbe gestito lo smercio della droga (eroina, cocaina, hashish) in diversi centri del Trapanese. Lo stupefacente veniva acquistato a Palermo, mentre la base operativa dell'organizzazione sarebbe stata in un bar di Mazara del Vallo. Fonte:
http://www.gds.it/gds/edizioni-locali/trapani/dettaglio/articolo/gdsid/229339/

________________________________________________________________________________________________________________________

ARCHIVIO BLOG CERCHIAMODENISE
mercoledì 12 dicembre 2012 0.30

Visitate l'archivio del Blog : informazione.cerchiamodenise.it
ARCHIVIO BLOG CERCHIAMODENISE.IT Archivio Blog Gen 2007 - Dic 2007 Archivio Blog Gen 2008 - Dic 2008 Archivio Blog Gen 2009 - Dic 2009
Archivio Blog Gen 2010 - Dic 2010 Archivio Blog Gen 2011 - Dic 2011
ALCUNI DEI NOSTRI LINKS
_________________________________________________________________________________________________________________

INIZIATIVA IN ONORE A DENISE PIPITONE
mercoledì 12 dicembre 2012 0.19

Carissimi unitevi a NOI, il 18 dicembre 2012, giorno della 27esima udienza del processo per il sequestro della NOSTRA DENISE, INSERITE NEL VOSTRO PROFILO FACEBOOK L'IMMAGINE DI DENISE, ASSIEME A QUESTO SLOGAN: VOGLIAMO DENISE LIBERA, VOGLIAMO SUBITO UNA GIUSTA GIUSTIZIA, I BAMBINI NON SI TOCCANO, IN GALERA I COLPEVOLI DEL SEQUESTRO DI DENISE !! (fatelo girare in rete, condividete e fate condividere) Piera Maggio

________________________________________________________________________________________________________________________________

Denise Pipitone, vacilla l'alibi per Jessica Pulizzi.
sabato 8 dicembre 2012 19.30

Denise, spunta una nuova intercettazione
"Vai a prendere la bimba". "Dove la porto?"
Il dialogo registrato sullo scooter di Jessica Pulizzi venti giorni dopo la scomparsa della piccola.

Denise Pipitone, vacilla l'alibi per Jessica Pulizzi.

21:50 - Colpo di scena nel processo in corso per la scomparsa della piccola Denise Pipitone. Un'intercettazione ambientale effettuata il 24 novembre 2004 sullo scooter di Jessica Pulizzi, sorellastra della piccola, accusata di concorso in sequestro di minore, registra il dialogo tra due persone. "Va pigghia a Denise" (Va a prendere Denise, ndr), dice qualcuno. E una seconda persone risponde: "Ma d'unni l'ha purtare" (Ma dove la devo portare, ndr).
A rivelarla è stata Giacomo Frazzitta, legale di Piera Maggio e Piero Pulizzi, genitori di Denise, che ha chiesto la trascrizione dell'intercettazione ambientale. I pm Sabrina Carmazzi e Francesca Rago non si sono opposti mentre la difesa si è riservata di pronunciarsi. I due imputati - oltre alla Pulizzi c'è l'ex fidanzato Gaspare Ghaleb, che deve rispondere di false dichiarazioni al pm - oggi non erano in aula.

Nel corso dell'udienza fiume sono stati ascoltati gli investigatori che parteciparono all'attività di ricerca nelle ore successive alla denuncia di scomparsa. Si scopre così che i carabinieri furono depistati perché la prima volta che si recarono nell'abitazione di Anna Corona, madre di Jessica ed indagata di reato connesso in un secondo filone investigativo, furono fatti entrare a casa di una vicina anche se fu fatto credere loro di trovarsi invece nell'appartamento di Corona.

Ma è l'intercettazione la vera novità. Qualcuno, esattamente 24 giorni dopo la scomparsa della piccola, dice: "Va pigghia a Denise. Ma Peppe, chi ti rissi?" (Va a prendere Denise. Ma Peppe che ti ha detto?, ndr). E una seconda persone risponde: "Ma d'unni l'ha purtare" (Ma dove la devo portare, ndr). ( TG COM 24)
__________________________________________________________________________________________________________

DENISE: 26esima udienza del processo per il sequestro di Denise. COLPO DI SCENA DOPO 8 ANNI SI SCOPRE IL RILEVATORE SATELLITARE POSTO DA SUBITO SULLA VETTURA DI ANNA CORONA, MADRE DELL'IMPUTATA, LA STESSA E' INDAGATA.
venerdì 7 dicembre 2012 9.56

(COMUNICATO) Mazara del Vallo, 07/12/2012. Si terrà oggi presso il Tribunale di Marsala, la ventiseiesima udienza del processo contro Jessica Pulizzi per il rapimento di Denise Pipitone. La novità più importante è legata al fatto che da un interessamento dell’avvocato Giacom... o Frazzitta, legale di Piera Maggio, è emerso che in fase di indagine gli inquirenti avevano posto un rilevatore satellitare nell'auto di Anna Corona, madre dell'imputata e indagata anch'essa per aver collaborato nel rapimento della minore. In particolare lo strumento può fornire indicazioni sugli spostamenti della donna, verificando se vi sono discordanze tra le dichiarazioni rese e i percorsi registrati elettronicamente. Il dato più eclatante della vicenda è che nessuna delle parti private sapeva che vi era un satellitare installato (neanche il legale della famiglia di Denise) e quindi per anni non si è approfondito il dato tecnico. “Questi sono i misteri della giustizia o della malagiustizia” commenta Piera Maggio “adesso scopriamo anche che vi sono elementi di indagine così importanti di cui si era omessa ogni indicazione. E’ incredibile che ciò sia accaduto anche perché se non era per il mio legale questa risultanza non sarebbe emersa. E intanto sono passati otto anni e non è ancora chiara la conferma sui fatti accaduti“. Ufficio Pubblica Informazione Associazione Cerchiamo Denise ufficiostampa@cerchiamodenise.it
________________________________________________________________________________________________________________

INCREDIBILE SCOPERTA CASO DENISE. 26esima udienza
venerdì 7 dicembre 2012 9.27

MISSING DENISE - 07 NOVEMBRE 2012, 26esima UDIENZA
OGGI Venerdì 7 dicembre riprende il processo contro Jessica Pulizzi per il rapimento di Denise Pipitone, nel frattempo dall'ultima udienza abbiamo verificato che effettivamente era stato posto un rilevatore satellitare nell'auto di Anna Corona madre dell'imputata e indagata anch'ella per aver collaborato nel rapimento della minore . In...
particolare sono stati attenzionati gli spostamenti della Corona nella notte dopo il sequestro e nei giorni successivi . Questi spostamenti sono stati valutati attraverso l'analisi degli spostamenti del cellulare perché nessuno delle parti private sapeva che vi era un satellitare installato . Misteri della giustizia o della malagiustizia .

Il mistero del satellitare installato sull'autovettura di Anna Corona

Creato 05 Dicembre 2012 Pubblicato 05 Dicembre 2012
Scritto da giacomo frazzitta

Il procedimento cne vede la Sig.ra Anna Corona indagata per aver concorso con la figlia Jessica Pulizzi nel sequestro della piccola Denise Pipitone, e' in fase di indagine .

Invero la posizione della sig.ra Corona si e' aggravata dopo l'opposizione alla richiesta di archiviazione proposta dalla difesa di Piera Maggio .

Infatti dalla lettura degli atti emergeva che la sig.ra Corona si era spostata da Mazara del Vallo a Carini nella notte seguente al rapimento della tenera Denise .

Tale dato emergeva dalla lettura degli spostamenti del cellulare di Anna Corona.

Infatti la stessa era stata cercata dal sistema di ricerca della TIM nelle celle di Carini e poi a seguire in altre celle lontane da Mazara del vallo nella notte tra l'1 e il 2 settembre.

La difesa di Piera Maggio dopo essersi rivolta al Prof. Roberto Cusani ordinario di Telecomunicazioni presso l'università " La Sapienza" di Roma ebbe conferma che la tesi dello spostamento era corretta .

A seguito di ciò la Procura della Repubblica di Marsala ha chiesto al Giudice per le Indagini Preliminari di procedere ad Incidente Probatorio al fine di nominare un perito per la valutazione di questi dati, considerando anche gli spostamenti dei giorni seguenti al 3 settembre fino al 22 settembre.

Infatti risultavano altri spostamenti verso la città di Carini anche nelle giornate successive.

Orbene in quella sede la Procura non informo' il Giudice e le parti dell'esistenza di un rilevatore satellitare installato il 3 settembre nell'autovettura della Corona .

All' udienza scorsa il Dott. Sfameni, ex dirigente del Commissariato di P.S. Di Mazara del Vallo, rispondendo ad una domanda dell'avv. frazzitta, ha aperto uno squarcio nella vicenda affermando che il 3 settembre del 2004 venne installato un satellitare nell'autovettura della Corona .

Ad oggi sono in corso degli accertamenti .

incredibile! Un vero Mistero !

________________________________________________________________________________________________
ARCHIVIO BLOG CERCHIAMODENISE.IT Archivio Blog Gen 2007 - Dic 2007 Archivio Blog Gen 2008 - Dic 2008 Archivio Blog Gen 2009 - Dic 2009
Archivio Blog Gen 2010 - Dic 2010 Archivio Blog Gen 2011 - Dic 2011

_____________________________________________________________________________________________________________

Venerdì, Dicembre 07, 2012

Denise: 26esima udienza del processo.

Mazara del Vallo, 07/12/2012. Si terrà oggi presso il Tribunale di Marsala, la venticinquesima udienza del processo contro Jessica Pulizzi per il rapimento di Denise Pipitone. La novità più importante è legata al fatto che da un interessamento dell’avvocato Giacomo Frazzitta, legale di Piera Maggio, è emerso che in fase di indagine gli inquirenti avevano posto un rilevatore satellitare nell'auto di Anna Corona, madre dell'imputata e indagata anch'essa per aver collaborato nel rapimento della minore. In particolare lo strumento può fornire indicazioni sugli spostamenti della donna, verificando se vi sono discordanze tra le dichiarazioni rese e i percorsi registrati elettronicamente. Il dato più eclatante della vicenda è che nessuna delle parti private sapeva che vi era un satellitare installato (neanche il legale della famiglia di Denise) e quindi per anni non si è approfondito il dato tecnico. “Questi sono i misteri della giustizia o della malagiustizia” commenta Piera Maggio “adesso scopriamo anche che vi sono elementi di indagine così importanti di cui si era omessa ogni indicazione. E’ incredibile che ciò sia accaduto anche perché se non era per il mio legale questa risultanza non sarebbe emersa. E intanto sono passati otto anni e non è ancora chiara la conferma sui fatti accaduti“.
______________________________________________________________________________________________________________

Mercoledì, Novembre 28, 2012

Denise: 25esima udienza del processo. ascoltati gli inquirenti.
Oggi si terrà presso il tribunale di Marsala, la 25esima udienza del processo per il sequestro di Denise Pipitone. Saranno convocati in aula l’ex-capo della squadra mobile di Mazara del Vallo, Antonio Sfameni, e altri dirigenti di polizia, che saranno ascoltati in merito al contenuto delle indagini svolte dopo il sequestro della bambina. “Vista la mole di novità emerse dalla scorsa udienza” dice Piera Maggio “che confermano quando da me sostenuto da sempre, in questa occasione i magistrati si concentreranno prevalentemente sull’aspetto investigativo perché sia analizzato tutto il lavoro svolto in questi anni dagli organi inquirenti. E’ un aspetto importante e complesso che può inquadrare le eventuali responsabilità delle persone indagate. Comunque a tutt’oggi gli imputati, a distanza di anni, tra falsità, incongruenze nelle dichiarazioni e omissioni, non hanno ancora detto alcunché riguardo a dove possa trovarsi in questo momento Denise, che è quello che più mi importa”.

Ufficio Pubblica Informazione
Associazione Cerchiamo Denise
ufficiostampa@cerchiamodenise.it

_________________________________________________________________________________

Venerdì, Novembre 16, 2012

Denise: oggi la 24esima udienza del processo

Marsala, 16/11/2012. Oggi la ventiquattresima udienza del processo per il sequestro di Denise Pipitone, in cui è imputata la sorellastra della bambina, Jessica Pulizzi. Giornata significativa secondo il legale di Piera Maggio, Giacomo Frazzitta, in quanto è atteso dai testi in aula un riscontro significativo in merito ai fatti oggetto del processo, che potrebbe portare luce sulle dinamiche del 1’ Settembre 2004, data in cui la minorenne scomparve davanti a casa, a Mazara del Vallo. “Udienza dopo udienza questa complicata matassa, ingarbugliata da menzogne e depistaggi, va sciogliendosi, rappresentando davanti agli occhi di tutti ciò che a nostro avviso era chiaro fin da principio”- commenta Piera Maggio – “e oggi attendo anch’io dei riscontri. Sono prudente, valuteremo”.

Ufficio Pubblica Informazione
Associazione Cerchiamo Denise
ufficiostampa@cerchiamodenise.it

***

16/11/2012 -
Denise, in aula l’ex fidanzato di Jessica


Con la testimonianza di Fabrizio Foggia, 27 anni, è ripreso oggi davanti al tribunale di Marsala il processo per la scomparsa della bambina avvenuta a Mazara del Vallo il primo settembre 2004

MARSALA. Con la testimonianza di Fabrizio Foggia, 27 anni, ex fidanzato di Jessica Pulizzi, è ripreso oggi davanti al tribunale di Marsala il processo per la scomparsa della piccola Denise Pipitone, avvenuta a Mazara del Vallo il primo settembre 2004, quando aveva poco meno di quattro anni. Imputati sono Jessica Pulizzi, 25 anni, sorella (per parte di padre) della bambina rapita, che è accusata di concorso in sequestro di minorenne, e il suo ex fidanzato Gaspare Ghaleb, 27 anni, accusato di false dichiarazioni al pm.

"Ho conosciuto Jessica - ha dichiarato Foggia rispondendo alle domande del pm Sabrina Carmazzi - quando avevo 14 o 15 anni. Siamo stati fidanzati fino a quando ne avevo 17. Sapevo che i genitori di Jessica avevano dei dissidi, alla cui base c'era un'altra donna frequentata da Piero Pulizzi. Me lo ha confidato Jessica".

Quella di oggi è la ventiquattresima udienza del processo, nel corso della quale, si legge in una nota dell'associazione "Cerchiamo Denise" dai testi che saranno ascoltati in aula è atteso "un riscontro significativo in merito ai fatti, che potrebbe portare luce sulle dinamiche del 1 settembre 2004".

Piera Maggio, madre di Denise, ha spiegato che "udienza dopo udienza questa complicata matassa, ingarbugliata da menzogne e depistaggi, va sciogliendosi, rappresentando davanti agli occhi di tutti ciò che a nostro avviso era chiaro fin da principio e oggi attendo anch'io dei riscontri". Dopo Fabrizio Foggia, saranno chiamati a deporre altri cinque testi. Parecchi vuoti di memoria nella deposizione resa da Fabrizio Foggia. Solo dopo la lettura, da parte del pm Sabrina Carmazzi, di stralci del verbale redatto dai carabinieri il 14 gennaio 2006, quando Foggia fu interrogato per la prima volta, il teste ha detto di ricordare alcune delle dichiarazioni allora rese. "Con Jessica ci siamo incontrati - dichiarò nel gennaio 2006 il teste - anche dopo la scomparsa di Denise. Ero al forno dove lavoravo, il panificio di Antonio Marrone. Poi, ci siamo allontanati assieme con il suo ciclomotore".

Era l'11 dicembre 2004 e gli investigatori avevano piazzato una "cimice" sullo scooter di Jessica, imputata per il sequestro di Denise. Nell'intercettazione si sente Jessica che dice: "Purtroppo ci ho provato e ora ammazzo a tutti" e l'ex fidanzato che replica: "Anche per errore ammazzasti a quella?"

A chi si riferiva con "quella" ha chiesto il pm. "Parlavamo delle galline di lu zi Paulo - ha risposto Foggia - padre del mio amico Salvatore Bonasoro, che mi aveva messo a disposizione la casa di campagna per l'incontro con Jessica e una volta era accaduto che era morta una gallina".

A verbale, inoltre, Fabrizio Foggia aveva dichiarato: "Jessica mi diceva che doveva fare un danno a Piera Maggio (madre di Denise, ndr), come bruciarle la macchina e mi chiese di trovare persone di malaffare che potessero fare questo. Ma io non l'ho aiutata e cercavo di dissuaderla da questi propositi. Mi disse che come aveva sofferto lei (per la relazione tra il padre Piero Pulizzi e Piera Maggio, ndr), adesso stavano soffrendo altri. Mentre ero sul ciclomotore, ho insistito per sapere se aveva a che fare con la sparizione di Denise, ma lei era evasiva e io mi sono spaventato".

Rispondendo alle domande dell'avvocato di parte civile Giacomo Frazzitta, Foggia ha però dichiarato che "non ricorda" se l'11 dicembre 2004 chiese a Jessica se sapeva qualcosa sulla sparizione di Denise.

La frase "ora ammazzo a tutti" non la pronunciò Jessica Pulizzi, ma l'ex fidanzato Fabrizio Foggia. E' emerso nel corso del controinterrogatorio del teste effettuato dagli avvocati di parte civile nel processo per il sequestro di Denise.

La conversazione tra i due giovani è dell'11 dicembre 2004, quando Jessica andò a trovare Foggia nel panificio in cui questi lavorava, e fu intercettata perché gli investigatori avevano piazzato una "cimice" sul ciclomotore dell'imputata. "Ora ammazzo a tutti. Anche per errore l'ammazzasti a quella?" il Foggia lo disse in risposta all'affermazione Jessica: "Purtroppo ci ho provato". Oggi, in aula, il teste ha dichiarato che parlavano delle galline che erano all'interno dell'abitazione di campagna del padre del suo amico Salvatore Bonasoro, che gli mise a disposizione la casa per l'incontro con l'allora fidanzata. Fonte: http://www.gds.it/gds/edizioni-locali/trapani/dettaglio/articolo/gdsid/223561/

_____________________________________________________________________________

Venerdì, Ottobre 26, 2012

Denise: oggi compie 12 anni. Ventitreesima udienza del processo.

Mazara del Vallo 26/10/2012. Oggi Denise Pipitone compie 12 anni. Ma è un triste anniversario ricordando che ormai manca da casa da oltre 8 anni. Imputata per il rapimento è la sorellastra, Jessica Pulizzi, e proprio oggi presso il Tribunale di Marsala si terrà la ventitreesima udienza del processo.

L’auspicio della madre di Denise è che la bambina possa tornare sana e salva a casa, ma le continue difficoltà sotto il profilo giudiziario e gli anni di lotta per mantenere alta l’attenzione dell’opinione pubblica hanno inevitabilmente appesantito la situazione.
Piera Maggio si dice stanca di un atteggiamento poco collaborativo (se non addirittura depistante) da parte dei familiari dell’imputata che hanno costruito attorno alla vicenda una fitta coltre di menzogne e versioni dei fatti contraddittorie e in generale poco attendibili.
“Sono una mamma che ha perso la propria esistenza e il proprio mondo da tanti anni” – ammette la stessa Piera Maggio – “e oggi i giorni trascorrono grigi e senza più felicità. Cerco di farmi forza per dare giustizia alla mia bambina. E’ il momento della verità, sono i giorni in cui occorre finalmente dare un volto e un nome a chi ha fatto del male a mia figlia, ed è importante proprio per ricostruire i fatti e trovare forse la più tenue traccia che possa riportarla a casa”.

http://informazione.cerchiamodenise.it

Ufficio Pubblica Informazione
Associazione Cerchiamo Denise
ufficiostampa@cerchiamodenise.it

_________________________________________________


Venerdì, Ottobre 12, 2012

ventiduesima udienza

____________________________________________________________________________________________________________

Venerdi, Settembre 28, 2012

Denise: ventunesima udienza del processo. Ascoltati i parenti dell’imputata.

Mazara del Vallo 28/09/2012. Finita la pausa estiva, si terrà presso il Tribunale di Marsala, la ventunesima udienza del processo per il sequestro della piccola Denise Pipitone, scomparsa da Mazara del Vallo il primo settembre 2004, quando aveva poco meno di quattro anni.

Tra le persone chiamate dai giudici a deporre: Alice Pulizzi (vera sorella di Jessica, l’imputata per il sequestro) anch’essa indagata per falsa testimonianza ai PM, i nonni materni di Jessica e gli zii tra cui Claudio Corona, arrestato nel Marzo scorso per traffico di stupefacenti.

“Mi auguro che dicano la verità e non si coprano uno con l’altro” dichiara Piera Maggio, madre della piccola Denise, “finalmente vengono portati davanti ai giudici alcuni familiari della principale imputata nel processo, tra cui persone che hanno già avuto in passato problemi anche gravi con la giustizia”.

Già il primo di settembre la mamma di Denise aveva evidenziato di non trovarsi in accordo con alcuni decisioni dei magistrati che avevano escluso elementi peritali favorevoli all’accusa, quindi l’auspicio è che tali conclusioni siano riammesse nel procedimento, in stretta considerazione che il processo nasce con lo scopo di dare giustizia ad una bambina rapita.

http://informazione.cerchiamodenise.it

Ufficio Pubblica Informazione
Associazione Cerchiamo Denise
ufficiostampa@cerchiamodenise.it

***
(Chi L'Ha visto? ) Denise Pipitone - 3 ottobre 2012 - SCONCERTANTI NOVITA', ULTIMI SVILUPPI SUL SEQUESTRO DI DENISE PIPITONE
http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-639eb8b6-962a-4bcc-9bce-ca3ca5f29aac.html
inserire immagini......

***

E la nonna disse: "Quando l'hanno trovata..."
Venerdì 28 Settembre 2012 - 21:27

MARSALA (TRAPANI) - "All'inizio della sua deposizione, tra le 18.10 e le 18.22, la teste Antonietta Lo Cicero, riferendosi alla bambina scomparsa, ha detto: 'quando l'hanno trovatà..., poi si è guardata intorno e si è fermata. L'affermazione, forse, è sfuggita. Possiamo ascoltare la registrazione". Per l'avvocato di parte civile, Giacomo Frazzitta, si tratta di "un colpo di scena" maturato nella fase finale dell'udienza di oggi del processo, in fase di svolgimento davanti il Tribunale di Marsala, per il sequestro di Denise Pipitone, scomparsa da Mazara del Vallo (TP) il primo settembre di otto anni fa. Imputati sono Jessica Pulizzi, 25 anni, sorella (per parte di padre) della bambina rapita, che è accusata di concorso in sequestro di minorenne, e il suo ex fidanzato Gaspare Ghaleb, 27 anni, accusato di false dichiarazioni al pm. La teste Antonietta Lo Cicero ascoltata oggi è la nonna materna di Jessica Pulizzi. Alla donna, l'avvocato Frazzitta, legale di Piera Maggio, madre di Denise, ha inoltre contestato che, subito dopo la scomparsa della bimba, dichiarò agli inquirenti che la figlia Anna Corona (indagata in un secondo filone d'inchiesta) le telefonò per "dirle, preoccupata e agitata, tra le 12 e le 12.15, di andare a casa dalle figlie, perché era accaduta una cosa molto grave". "Se il 2 settembre 2004 - ha continuato l'avvocato Frazzitta - lei era in commissariato, non è possibile che sua figlia le ha telefonato il giorno 1?. Se è stato così, Anna Corona avrebbe saputo della scomparsa di Denise ancor prima della madre, Piera Maggio". Lo stesso avvocato, infine, ha affermato che "nell'abitazione di Antonietta Lo Cicero, nel quartiere Mazara 2, c'é uno scantinato al quale si accede attraverso una botola che non è stato controllato dalle forze dell'ordine". E che "i carabinieri, subito dopo la scomparsa della bambina, perquisirono, per errore, l'appartamento dei vicini di casa di Anna Corona". Prossime udienze 12 e 16 ottobre.
***
Correzione prossime udienze 12 e 26 ottobre

***

Denise: una parente,"Jessica al mercato nel giorno del sequestro"
16:14 28 SET 2012

(AGI) - Trapani, 28 set. - La mattina del primo settembre del 2004, giorno della scomparsa di Denise Pipitone, la sorellastra Jessica Pulizzi, imputata di concorso nel sequestro della piccola, si sarebbe trovata nel mercato di Mazara del Vallo nei pressi dell'abitazione di via La Bruna, da dove spari' la bambina. Lo ha sostenuto in aula, nel corso del processo davanti al Tribunale di Marsala, Francesca Lo Cicero, la settantenne zia di Anna Corona, madre di Jessica Pulizzi. La sua testimonianza e' apparsa lacunosa, e a tratti contraddittoria. La donna, seconda teste della giornata, ha riferito di aver incontrato un mercoledi' Jessica, in compagnia della sorella minore Alice, mentre era al mercato insieme alla nonna, Antonietta Lo Cicero, sorella della testimone. Francesca Lo Cicero ha, tuttavia, tentennato nel collocare temporalmente l'accaduto. "Mercoledi', intorno alle 9,30- 10 -ha detto- sono andata al mercato con mia sorella Antonietta e, quando stavamo andando via dopo aver fatto alcuni acquisti, abbiamo incontrato Jessica e Alice che ci hanno riferito di trovarsi li' per mangiare dei panini. Non ricordo pero' se sia stato il primo o il 4 settembre del 2004". Un serrato controesame dell'avvocato Giacomo Frazzitta, legale della madre di Denise, Piera Maggio, ha messo in luce contraddizioni nelle dichiarazioni della teste che, incalzata dalle domande, ha infine affermato: "L'incontro e' avvenuto il giorno che e' sparita la bambina". Ma anche in questo caso e' emersa un'altra incongruenza. L'avvocato Frazzitta ha riferito di una telefonata alle 11,25 del primo settembre 2004 al cellulare della testimone partita dal telefono fisso della nonna di Jessica, insinuando il dubbio che le due donne non fossero insieme in quel momento. Su questo punto, la prozia di Jessica Pulizzi ha risposto in modo vago: "Non ricordo - ha detto - puo' anche darsi che fosse mio cognato a chiamarmi". Sulla sparizione di Denise, poi, la teste ha detto di "esserne venuta a conoscenza soltanto tramite la tv" e di non averne parlato con la sorella. Amareggiata Piera Maggio. "Dalla testimonianza -ha commentato- si evince che Jessica Pulizzi si trovasse nei pressi di casa mia la mattina del sequestro di Denise. Si continua a notare -ha proseguito- una reticenza da parte dei testi che dicono di non ricordare e poi, per alcuni punti di loro interesse, ricordano tutto".
(AGI). Fonte: http://www.agi.it/cronaca/notizie/201209281614-cro-rt10199-denise_una_parente_jessica_al_mercato_nel_giorno_del_sequestro
_________________________________________________________________________________________________________________________

Sabato, Settembre 01, 2012

DENISE: OTTO ANNI FA, IL PRIMO DI SETTEMBRE

Mazara del Vallo, 1 Settembre 2012. E’ in corso di svolgimento presso VISIR RESORT in via del Mare 211 a Mazara del Vallo (TP), una conferenza stampa per riepilogare la vicenda della piccola Denise Pipitone e delle indagini relative. Presenti Piera Maggio, madre della bambina rapita, e Giacomo Frazzitta, il suo legale, per fare il punto della situazione di fronte a giornalisti e operatori dell’informazione.

Seguirà comunicato stampa.

Ufficio Pubblica Informazione
Associazione Cerchiamo Denise
ufficiostampa@cerchiamodenise.it


***
DENISE: COMUNICATO DI PIERA MAGGIO PER IL 1' SETTEMBRE 2012

Mazara del Vallo, 1 Settembre 2012. Sono trascorsi ormai otto anni dalla scomparsa di Denise Pipitone, e ad oggi ancora nulla di certo è emerso circa il sequestro. L’unica tangibile verità è il dolore di una madre, Piera Maggio, che lotta senza sosta per il ritrovamento della figlia: è riuscita a muovere l’opinione pubblica internazionale, a introdurre delle modificazioni nella normativa e a presentare le proprie battaglie dinnanzi al Parlamento Europeo. Queste azioni positive di ricerca sono però gravemente appesantite dalle difficoltà sotto il profilo giudiziario e nei rapporti con le istituzioni: “E’ tutto scandaloso” – si sfoga Piera Maggio – “sono passati otto anni e sento ancora lontana la giustizia, quella con la G maiuscola”. Un vero e proprio resoconto, una drammatica analisi delle vicende che ha affrontato dalla data del rapimento della figlia, Piera Maggio critica aspramente la magistratura per i continui trasferimenti dei magistrati in seno alla Procura e per la mancata valutazione di importanti aspetti peritali. Non risparmia nemmeno le istituzioni, a partire dalla ex-Presidenza della Repubblica, nella quale è stata accolta ma solo dopo essersi incatenata davanti al Quirinale e conclude “non ho certo trovato la porta spalancata”. Appelli e trasmissioni televisive, che ci hanno abituato a vederla sul grande schermo indomita e combattiva, sono per lei oggi fonte di grande stanchezza, di tutta la fatica adoperata per “sollevare all’attenzione pubblica internazionale il caso di Denise e dei bambini scomparsi”. E chiede aiuto a tutte le persone che sappiano raccogliere il suo appello: “Non abbandonate Denise a un destino che lei non ha scelto di avere. Aiutatemi ad acquistare la fiducia, perché oggi io non so più chi sono i buoni e chi i cattivi”.


Il comunicato integrale è disponibile al link sottostante:

http://www.cerchiamodenise.it/denise/comstampa1092012.pdf


COMUNICATO STAMPA - 1 settembre 2004 – 1 settembre 2012 - Otto lunghi anni dalla scomparsa di Denise

Sono trascorsi 8 lunghi anni dall'ignobile gesto commesso ai danni di mia figlia Denise e oggi come allora sento lontana la “Giustizia”, quella con la “G” maiuscola. Mi riferisco sia alle competenze della magistratura, ma anche più in generale agli impegni e alle promesse delle istituzioni italiane che avrebbero dovuto attivarsi per ritrovare mia figlia.

Comunque procediamo per gradi, e partiamo dall’ambito giudiziario, perché è attualmente in corso il processo contro gli accusati per il rapimento di mia figlia. Ben 11 magistrati si sono alternati in questi 8 anni, ed in particolare cito: il Procuratore Sciuto a cui e' succeduto l'attuale Procuratore Di Pisa ed inoltre in ordine cronologico i sostituti Dr. Boccia, Dr.ssa Angioni, Dr.ssa Puliatti ( della Procura presso il Tribunale per i minorenni di Palermo), Dr.ssa Avila, Dr. Imperato, Dr.ssa Sessa, Dr.ssa Cerroni, Dr. Brandini, Dr.ssa Carmazzi.

Loro svolgono quella che io definisco la "giustizia dei magistrati", ma spesso questo tipo di lavoro non soddisfa i danneggiati: a titolo di esempio, troppi e continui cambiamenti non hanno certamente giovato al procedimento. Il processo per il sequestro di mia figlia Denise ha la stringente necessità di una particolare attenzione specialmente nella memoria storica degli atti giudiziari e di indagine, vista la mole di informazioni relative. E invece non appena i magistrati erano in sintonia con i 350.000 atti e avevano cominciato a districarsi nell'ingarbugliata matassa fatta dal consulente tecnico della Procura Dott. ( oggi avvocato) Genchi, ecco che giungeva il trasferimento. I continui trasferimenti (anche richiesti dagli stessi magistrati) invalidavano definitivamente la possibilità di poter venire a capo della situazione. L’ultima partenza in ordine cronologico è stata quello del Dr. Brandini approdato alla vicina Procura di Termini Imerese.

Ebbene ad oggi non ho più notizie dell'indagine riaperta nel 2010 . A mezzo del mio legale abbiamo depositato in Procura nei mesi scorsi un sollecito diretto ad avere notizie sull'esito dell'indagine e sulle decisioni che la Procura ha preso .

Abbiamo chiesto di sapere ufficialmente se l'indagine va avanti o se si deve procedere con una richiesta di rinvio a giudizio o con una richiesta di archiviazione nei confronti del filone che vede coinvolta la madre dell'attuale imputata Jessica Pulizzi, ossia Anna Corona.

Nel processo principale a volte vengono fissate le udienze a cadenza temporale lentissima.
Mi chiedo se sia normale o giusto che i magistrati possono lasciare indagini così laboriose e complesse (oltre che costose per lo stato) possano essere frammentariamente gestite da più persone e tutto ciò senza che gli organi di controllo della magistratura o del ministero intervengano a fare le verifiche del caso…

Mi chiedo se dopo un calvario giudiziario come quello che sto passando qualcuno mi risarcirà degli errori commessi e di quelli che si continuano a commettere. Una giustizia senza continuità è di fatto un' ingiustizia legalizzata. Se i medici sbagliano devono rispondere dei loro errori, così come tutte le altre categorie sociali. Sono però a chiedermi: e se l’errore viene commesso da un magistrato, quest’ultimo sconterà i propri sbagli nel nostro paese?

Durante il processo che si sta svolgendo come parte lesa ci sentiamo “menomati” dei nostri consulenti tecnici di parte che non sono stati ammessi a contro dedurre e mi riferisco in particolare al Prof. Roberto Cusani, ordinario di telecomunicazioni alla Sapienza di Roma, che potrebbe apportare un importante contributo alla verità o alle falsità che stanno emergendo in dibattimento, e che invece è stato messo da parte.

Il Tribunale ha ritenuto ammissibili interrogazioni su “sogni ed esoterismo” piuttosto che sugli argomenti forniti come contributo da un luminare nel campo della telecomunicazioni.
Spero che questo Tribunale possa rivedere la assurda posizione assunta processualmente nell'escludere il nostro consulente. Riassumendo non ho più notizie dell'indagine e il processo ristagna dall'inizio dell'anno sulla farraginosa consulenza dell'ex dottore oggi avvocato Genchi.

Senza contare che non mi risulta che alcuno abbia approfondito le gravi affermazioni che Genchi fece su un Poliziotto allora capo del Commissariato di Mazara del Vallo e sulla vicinanza tra la moglie di quest’ultimo e Anna Corona, madre dell'accusata...

E' tutto scandaloso: sia i Procuratori che si trasferiscono sia i Poliziotti che possono inquinare le indagini.
Se questo è stato l’ambito giudiziario, non migliore sorte è toccata alle ricerche di mia figlia sotto il profilo delle istituzioni. Decine e decine di incontri, di promesse, di strette di mano; rassicurazioni di politici, parlamentari, ministri e delegati…. Ognuno ha fatto a gara per mostrare il proprio interessamento al caso di mia figlia, peccato però che pochissimi abbiano davvero deciso di “continuare” e insistere sull’argomento. Il caso Denise per molte persone è stato un evento “mordi e fuggi”, che ha rappresentato forse una opportunità di promozione personale.

Ho sollecitato le istituzioni italiane a farsi carico della vicenda di Denise, come anche di tutti i bambini scomparsi. Inutili sono stati gli appelli alla Chiesa perché venisse lanciato un comunicato a favore di una bambina. Altrettanto inutile l’appello all’ex- Presidente della Repubblica a riconoscere ufficialmente Denise come “figlia di tutti gli italiani”. Era un messaggio forte di solidarietà nazionale, da esprimere a favore di tutti i bambini scomparsi, dei quali proprio il capo dello stato dovrebbe essere il primo sostegno morale.

Alcuni potranno dire che sono stata ricevuta al Quirinale, altri però sanno che ho dovuto incatenarmi per avere un po’ di attenzione… quindi non direi di aver trovato la porta spalancata. I nostri politici hanno altri pensieri, e quando vengono coinvolti direttamente nei problemi della gente comune, sono decisamente infastiditi e cercano di liquidare la situazione nel più breve tempo possibile e al “costo” più basso possibile (non mi riferisco affatto all’aiuto economico che non si è mai visto, ma a quello personale e morale).

Ho lottato perché venisse approvata una modifica di legge per punire i responsabili di sequestri di minorenni in modo esemplare. Grazie all’interessamento di qualche saggio politico, la normativa ha fatto un piccolo passo avanti: ma quanti sforzi per muoversi nella direzione giusta, quanta fatica per un risultato la cui utilità era palese agli occhi di tutti !

Centinaia di appelli in televisione e trasmissioni di settore dedicate, con una forza costante applicata alle iniziative per la diffusione dell’immagine di mia figlia, hanno condotto il caso davanti all’attenzione dei media internazionali e ho avuto la possibilità di essere ospite al Parlamento Europeo, dove dinnanzi alla commissione che si occupa dei minori ho potuto esprimere un serio giudizio circa le modalità di intervento e di allerta nelle prime fasi delle “scomparse” dei minori. Soltanto che nulla di ciò che ho proposto è poi stato realmente recepito. Se un bambino viene rapito oggi, succede esattamente quello che è sempre successo in passato; non c’è stato in otto anni un miglioramento dell’efficacia della risposta delle istituzioni nelle prime fasi del sequestro di un minore. L’unica cosa che forse è stata cambiata è la risposta della gente comune, che forse dopo tante battaglie e impegno, ha capito che la voce di una madre non deve rimanere inascoltata, perché i fatti orribili capitano a tutti, in Sicilia e in Lombardia, e non si circoscrivono a quelli di cui viene detto “è nella famiglia”. E’ sempre “nella famiglia”, solo che sono tante le famiglie colpite e la gente ha cominciato a capire che non si può dormire sonni tranquilli quando si è genitori e senza le istituzioni che ti tutelano. Chiedo l'aiuto di tutti. Non abbandonate Denise, a un destino che lei non ha scelto di avere. Aiutatemi ad acquistare la fiducia, perché oggi io non so più chi sono i buoni e chi i cattivi .

Mazara del Vallo 01/09/2012 http://www.cerchiamodenise.it/denise/comstampa1092012.pdf Piera Maggio

___________________________________________________________________________________________________________________________________
Venerdi, Agosto 31, 2012
DENISE: 8 ANNI DALLA SCOMPARSA, SI ORGANIZZA UNA CONFERENZA

Mazara del Vallo. Domani 1 settembre 2012 alle ore 10:00 presso VISIR RESORT in via del Mare 211 a Mazara del Vallo (TP), sarà tenuta una conferenza stampa per riepilogare la vicenda della piccola Denise Pipitone e delle indagini relative. Fondamentale sarà la presenza di Piera Maggio, la quale interverrà con la lettura di un comunicato per esprimere il suo dolore e la sua opinione in merito alla scomparsa della figlia. Sarà presente anche l’avvocato Giacomo Frazzitta, legale della famiglia, il quale esporrà un riassunto delle vicende legali che hanno rappresentato questi anni di ricerca. Sono invitati giornalisti e operatori dell’informazione per un più ampio dibattito sulla situazione odierna.

Ufficio Pubblica Informazione
Associazione Cerchiamo Denise
ufficiostampa@cerchiamodenise.it
_____________________________________________________________________________________________________________________________________________

Venerdi, Luglio 13, 2012

Denise: ventesima udienza. Il perito Genchi in aula per la quinta volta consecutiva.

Mazara del Vallo 13/07/2012 - Per la quinta udienza consecutiva, il consulente dell'accusa Gioacchino Genchi verrà ascoltato, in Tribunale, a Marsala, nel processo per il sequestro della piccola Denise Pipitone, scomparsa da Mazara del Vallo il primo settembre 2004, quando aveva poco meno di quattro anni.

Imputati sono la 25enne Jessica Pulizzi, sorella (per parte di padre) della bambina rapita, che è accusata di concorso in sequestro di minorenne, e il suo ex fidanzato Gaspare Ghaleb, 27 anni, accusato di false dichiarazioni al pubblico ministero. Genchi, incaricato dalla Procura di Marsala, riferirà sull'esame dei tabulati telefonici relativi alle intercettazioni effettuate in fase d'indagine. In particolare sui luoghi in cui, poco prima (e dopo) la scomparsa della bambina, è stata rilevata, con telefonate e sms, la presenza dei telefoni cellulari in uso a Jessica Pulizzi, alla madre Anna Corona (indagata in un secondo filone d'inchiesta) e di altre persone in contatto con le due donne. Genchi, in questa fase del processo dovrà inoltre rispondere alle domande degli avvocati di parte civile.

http://informazione.cerchiamodenise.it

Ufficio Pubblica Informazione
Associazione Cerchiamo Denise
ufficiostampa@cerchiamodenise.it
________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

Giovedi, Giugno 21, 2012

Piera Maggio: Oggi, oltre al dolore, sdegno e tanta rabbia



Commento di Piera Maggio, su quanto sta emergendo durante le udienze con l'escussione di Genchi:

"Provo sdegno e delusione, al dolore si aggiunge tanta rabbia per ciò che non si è fatto per riportare a casa mia figlia.
Nonostante siano passati quasi 8 anni, la mia sofferenza aumenta, sapere che ci sono dei responsabili che hanno contribuito a non fare ritrovare Denise, non mia da pace. Dovrebbero vivere un solo giorno, di quello che da anni vivo io, per capire cosa si prova. Spero che la giustizia non si faccia attendere ancora per anni. Chi ha colpa deve pagare, ma soprattutto devono parlare e dire dove si trova la mia bimba" (Piera Maggio)

Denise, la "bambina sequestrata" >>

Mi viene chiesto spesso di parlare della storia di Denise.

Ho ritenuto opportuno specificare quale è il contesto nel quale hanno avuto luogo gli avvenimenti che hanno interessato mia figlia, una bambina che giocava e sorrideva come tante altre e che amava la sua famiglia, e che un giorno è stata sequestrata davanti a casa, da una mano ignobile. Esiste un tessuto sociale che genera, mantiene e protegge l'illegalità.

L'opinione comune in merito al sequestro di minorenni è naturalmente una ferma condanna. Tutti ci dichiariamo colpevolisti quando viene arrestato chi ha violato l'innocenza di un bambino o chi lo ha ucciso. Questo però solo a parole. Nei fatti la paura di essere coinvolti in problemi che non ci riguardano contribuisce ad alimentare le possibilità di azione dei criminali; il nostro silenzio colpevole nasconde e mistifica la realtà di un mostro che sfrutta l'omertà per colpire innocenti; in alcuni casi la mentalità retrograda e ignorante giustifica le azioni di chi commette il male perché pensa di essersi vendicato di un presunto torto subito.
E' così che nascono i delinquenti: nascono dalla gente che li circonda, che li fa crescere, che li tollera e che li affianca. Da soli nulla sono e nulla rimangono, invece traggono nella loro forma mentale il pieno supporto da coloro con cui hanno contatti, compresi quelli che pensano di non aver contribuito al male perché hanno voltato la faccia dalla parte opposta.

Il non fare è agire a favore, perché questa è una partita che si vince solo con una presa di posizione netta e in controtendenza, non con la piacevole tranquillità delle proprie mura domestiche, che franano senza rimedio quando poi il criminale prende di mira anche noi. L'abbiamo lasciato crescere, e non ci ha "risparmiato" solo perché non ci siamo opposti alla sua esistenza.
C'è chi come me, tutti i giorni, combatte non solo con chi mi ha rubato la vita portando via mia figlia, che per me era tutto. Lotto anche e soprattutto con la mentalità che in modo complice e subdolo giustifica ciò che è successo e con un perbenismo fatto solo di parole sterili e vuote.

E' inutile fare bei discorsi e poi far finta di non vedere e di non sentire. Bisogna innanzi tutto chiedersi se esiste un torto così grande che sia pagabile con la vita di una bambina. Ma quale danno mai può richiedere questo prezzo per essere "risarcito"? E così tra l'indifferenza prudente dei molti, chi ha fatto il male cammina tranquillo per strada e si sente autorizzato anche a ridere dei problemi che ha causato, circondato da persone povere di ogni grado di umanità e socialità.

Invece di isolare il criminale, egli trova anche la compagnia dei deboli, che si fanno plagiare da questa apparente sicurezza e diventano essi stessi emissari del male. Io non ho paura di guardare in faccia chi mi ha fatto atti di questa efferatezza, ma mi ripugna l'idea di associare il concetto di "essere umano" all'indifferenza di queste persone.

A distanza di anni il loro silenzio è sempre più colpevole e la presunta innocenza non può giustificare chi non ha fatto nulla per aiutare una bambina. Sono tanti i bambini del mondo che mancano da casa per colpa di criminali senza scrupoli che non si sono fermati di fronte alla loro innocenza.
I bambini scomparsi non hanno la possibilità di chiedere aiuto e quindi dobbiamo essere noi a diventare la loro voce; lo nostre azioni devono restituire loro la speranza di tornare a casa.


(Piera Maggio)





Venerdi, Giugno 15, 2012
Denise: diciannovesima udienza


Genchi al processo per Denise Pipitone: "La Corona a Palermo il 2 settembre del 2004"
Venerdì 15 Giugno 2012 18:24

Per la quarta udienza consecutiva,
il consulente dell'accusa Gioacchino Genchi è stato ascoltato, in Tribunale, a Marsala, nel processo per il sequestro della piccola Denise Pipitone, scomparsa da Mazara del Vallo il primo settembre 2004, quando aveva poco meno di quattro anni.

Imputati sono la 25enne Jessica Pulizzi, sorella (per parte di padre) della bambina rapita, che è accusata di concorso in sequestro di minorenne, e il suo ex fidanzato Gaspare Ghaleb, 27 anni, accusato di false dichiarazioni al pubblico ministero. Genchi, rispondendo alle domande dell'avvocato di parte civile Giacomo Frazzitta (legale di Piera Maggio, madre di Denise), ha continuato a riferire sull'esito dell'incarico affidatogli dalla Procura di Marsala, cioé sull'esame dei tabulati telefonici relativi alle intercettazioni effettuate in fase d'indagine. E in particolare sui luoghi in cui, poco prima e dopo la scomparsa della bambina, è stata rilevata, con telefonate e sms, la presenza dei telefoni cellulari in uso a Jessica Pulizzi, alla madre Anna Corona (indagata in un secondo filone d'inchiesta) e di altre persone in contato con le due donne. Nel pomeriggio, Genchi risponderà alle domande degli avvocati Gioacchino Sbacchi e Fabrizio Torre, difensori di Jessica Pulizzi.

La mattina del 2 settembre 2004
il telefono cellulare di Anna Corona fu agganciato, prima delle 7, da alcune celle nella zona tra Alcamo e Trappeto, viaggiando in direzione di Palermo". Ad affermarlo, davanti al Tribunale di Marsala, è stato Gioacchino Genchi, consulente dell'accusa ascoltato nel processo per il sequestro della piccola Denise Pipitone, scomparsa da Mazara del Vallo il primo settembre 2004, quando aveva poco meno di quattro anni. Imputati sono la 25enne Jessica Pulizzi, figlia di Anna Corona e sorella (per parte di padre) della bambina rapita, che é accusata di concorso in sequestro di minorenne, e il suo ex fidanzato Gaspare Ghaleb, 27 anni, accusato di false dichiarazioni al pm. "Quanto detto da Genchi - ha commentato l'avvocato di parte civile Giacomo Frazzitta, legale di Piera Maggio, madre di Denise - conferma le prime dichiarazioni di Giuseppe D'Assaro".

Quest'ultimo, pluriomicida, ex marito della sorella di Piero Pulizzi
(padre sia di Denise che di Jessica), aveva raccontato agli inquirenti che la bambina rapita era stata portata a Villagrazia di Carini (Pa), nell'abitazione di Antonino Cinà, suo genero, indagato in un secondo filone d'inchiesta assieme ad Anna Corona, allo stesso D'Assaro e ad altre persone. "Dalla consulenza di Genchi - ha aggiunto Frazzitta - è emerso che quando, il 2 settembre 2004, verso le 8.30, Anna Corona ritornò a Mazara del Vallo, il fratello Marcello Corona partì alla volta di Palermo, proseguendo, poi, verso la provincia di Messina". All'andata, infatti, il suo telefono cellulare, ha spiegato Genchi, fu agganciato da celle nei pressi di Palermo, Capo d'Orlando e Sant'Agata di Militello. "Fino al primo settembre 2004 - ha inoltre affermato Genchi - ci sono migliaia di contatti telefonici tra Anna Corona, Jessica Pulizzi, Gaspare Ghaleb con utenza telefonica di Antonino Cinà, ma dal 2 settembre s' interrompono rapporti. Cinà disattiva l'utenza telefonica e ne attiva un'altra". Fonte: http://livesicilia.it/2012/06/15/genchi-al-processo-per-denise-pipitone-la-corona-a-palermo-il-2-settembre-del-2004

***
Denise, forse portata a Palermo - Dalla deposizione del perito informatico Genchi, sull'esame dei tabulati telefonici e spostamenti, è emerso che la mattina del sequestro della piccola Denise Pipitone, il telefono di Anna Corona si agganciò a varie celle nel percorso tra Mazara del Vallo, luogo del rapimento, e Villagrazia di Carini (Palermo).
Marsala, 15-06-2012

E' ripreso questa mattina, al tribunale di Marsala, il processo sul rapimento di Denise Pipitone, avvenuto il 1° settembre del 2004. Due sono gli imputati del procedimento: Jessica Pulizzi, sorellastra per parte di padre di Denise, accusata di concorso in sequestro di minorenne, e il suo ex fidanzato Gaspare Ghaleb, che deve rispondere del reato di false dichiarazioni al pubblico ministero. La madre di Jessica pulizzi, invece è indagata per lo stesso reato della figlia.

Dalla deposizione del perito informatico Genchi, sull'esito dell'incarico affidatogli dalla Procura di Marsala e cioé sull'esame dei tabulati telefonici e spostamenti, relativi alle intercettazioni effettuate in fase d'indagine, è emerso che la mattina del 2 settembre 2004, il giorno dopo il sequestro della piccola Denise Pipitone, il telefono di Anna Corona si agganciò a varie celle nel percorso tra Mazara del Vallo, luogo del rapimento, e Villagrazia di Carini (Palermo).

La circostanza - emersa oggi dall'esame dei tabulati esposto dal consulente Gioacchino Genchi nel corso del processo a Marsala - secondo il legale di parte civile Giacomo Frazzitta conferma le prime dichiarazioni rese agli inquirenti da Giuseppe D'Assaro, pluriomicida e ex marito di una sorella di Pietro Pulizzi, padre dell'imputata Jessica Pulizzi e della bambina rapita. D'Assaro raccontò che Denise venne portata a Villagrazia di Carini, nell'abitazione di suo genero Antonino Cinà. Nel corso dell'udienza Genchi ha anche parlato di rapporti frequenti di Cinà con Anna Corona e la figlia Jessica, "con migliaia di contatti telefonici che si sono interrotti dopo il sequestro - ha affermato il perito - e il 2 settembre Cinà attivò una nuova utenza, che non fu mai intercettata". Fonte: http://www.rainews24.it/it/news.php?newsid=166382




Denise: diciannovesima udienza



Denise: diciannovesima udienza. continua l'escussione di Genchi


Mazara del Vallo 15/06/2012 - Riprende questa mattina, al tribunale di Marsala, il processo sul rapimento di Denise Pipitone, avvenuto il 1° settembre 2004. In programma, c'è la prosecuzione della diciannovesima udienza del procedimento, continua a deporre il perito informatico Genchi, riferirà sull'esito dell'incarico affidatogli dalla Procura di Marsala. E cioé sull'esame dei tabulati telefonici e spostamenti, relativi alle intercettazioni effettuate in fase d'indagine. Oggi sarà la volta con le domande delle parti civili, inizierà il legale di Piera Maggio, avv. Frazzitta Giacomo, in aula saranno presenti anche i consulenti delle parti civili, prof. Roberto Cusani, e il dott. Pietro Indorato. Due sono gli imputati del procedimento: Jessica Pulizzi, sorellastra per parte di padre di Denise, accusata di concorso in sequestro di minorenne, e il suo ex fidanzato Gaspare Ghaleb, che deve rispondere del reato di false dichiarazioni al pubblico ministero. La madre di Jessica Pulizzi, invece è indagata per lo stesso reato della figlia. Dalla scorsa udienza i due nuovi rappresentanti dell'accusa sono Anna Maria Sessa, che già per un periodo di tempo è stata il rappresentante dell'accusa in questo processo, e Sabrina Carmazzi.

Informazione.cerchiamodenise.it




Venerdi, Giugno 08, 2012
In AIUTO a Denise!!

IN AIUTO A DENISE!! ♥ ♥
Denise, ha bisogno di VOI per essere RITROVATA!! Diffondete le nostre pagine, soprattutto il sito web ufficiale, dove si trova tutto il materiale necessario per la ricerca: http://www.cerchiamodenise.it QUESTO E' UN AIUTO, IMPORTANTE PER DENISE! Grazie
***
Denise a besoin de VOUS afin d'être RETROUVEE!! Diffusez cette page, surtout le site internet officiel, où se trouve tout le matériel nécessaire pour la recherche : http://www.cerchiamodenise.it CECI EST UNE AIDE IMPORTANTE POUR DENISE! MERCI



Scegli le Varie misure banner Denise qui

Scarica e Fai un collegamento ipertestuale tra Banner e sito ufficiale: www.cerchiamodenise.it o www.cerchiamodenise.org





Venerdi, Maggio 25, 2012
Giornata internazionale per i bambini scomparsi

25 maggio 2012 - Oggi ricorre la giornata internazionale per i bambini scomparsi. Nei primi tre mesi di quest'anno sono 439 i minori italiani e stranieri scomparsi. Questo fenomeno è grave, le risorse per contrastarlo non esistono, ancora si fa poco, tante sono le PAROLE CHE AGGIUNGONO ALTRE PAROLE... E I FATTI ? ESISTE UN MONDO SOMMERSO DEI SCOMPARSI PARI AL NOSTRO, ANCHE SE NON LI VEDIAMO, LORO CI SONO E NON VANNO DIMENTICATI !! BISOGNA AIUTARE, PREVENIRE E SOSTENERE LA RICERCA NEL TEMPO. QUALCOSA SI POTREBBE FARE, nuove linee guida per le ricerche. VEDI IL LINK: http://www.cerchiamodenise.it/news.htm NEWS DENISE



Lettera di Piera Maggio per la Giornata Internazionale dei Bambini Scomparsi 25/05/2011 http://www.cerchiamodenise.it/web/gmbs2011.pdf




Giovedi, Maggio 24, 2012

www.cerchiamodenise.it Home Page siti ufficiali: www.cerchiamodenise.org

Aiutate a contribuire nelle ricerche di Denise Pipitone

Scaricate il Banner, inserendolo nella Home Page del vostro sito, collegando il Link ad uno dei Siti Ufficiali:
www.cerchiamodenise.it o www.cerchiamodenise.org
Please respect the: Policy for Denise's photo broadcasting - Si prega di rispettare la: Policy per la diffusione dell'immagine di Denise


Scegli le Varie misure banner Denise qui

Scarica e Fai un collegamento ipertestuale tra Banner e sito ufficiale: www.cerchiamodenise.it o www.cerchiamodenise.org




Lunedi, Maggio 21, 2012
Sostienici con 5X1000

Associazione "Cerchiamo Denise" onlus Sostienici con il 5X1000

(AIUTACI AD AIUTARE DENISE, E I BAMBINI SCOMPARSI) SOSTENERE CON IL 5X1000, NON SIGNIFICA USCIRE DEI SOLDI DI TASCA PROPRIA. SAPPIATE CHE SE NON SIAMO NOI A SPECIFICARE A CHI DEVOLVERE IL 5X1000 CON LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI CUD ECC.. SARANNO GLI ALTRI A DECIDERE PER NOI.. E MAGARI VERRANNO DEVOLUTI A CHI NON CONOSCIAMO... RIFLETTIAMOCI A te non costa nulla per noi è di vitale importanza. Grazie!
per maggiori informazioni visita il sito con questo link:
http://www.cerchiamodenise.it/associazione/5x1000.htm




Mercoledi, Maggio 16, 2012

5X1000 Ass. "Cerchiamo Denise" onlus, Un piccolo gesto a te non costa nulla, per noi è di vitale importanza
(versione2) da ritagliare per la diffusione

*************************************************************************************************************************************




Lunedi, Maggio 14, 2012
(MATTINO 5) PIERA MAGGIO, IN QUESTA INTERVISTA ESPRIME TUTTO LO SDEGNO E IL DOLORE, PER I FATTI EMERSI IN QUESTI GIORNI. UNA MADRE CHE NON HA PACE, FINO A QUANDO NON TROVERà DENISE. Puntata intera MATTINO 5 Giovedì 10 maggio 2012.
http://www.video.mediaset.it/video/mattino_5/full/301327/giovedi-10-maggio.html#tf-s1-c1-o1-p1




Giovedi, Maggio 10, 2012
Denise: indignazione e rabbia

Denise: indignazione e rabbia

Mazara del Vallo, 10/05/2012.
Indignazione e rabbia. Queste le espressioni di chi ha assistito alla diciottesima udienza del processo per il sequestro di Denise Pipitone. A quanto riferito in aula dal consulente della procura di Marsala, Gioacchino Genchi, una persona vicino alle forze dell'ordine di Mazara del Vallo, in reiterato contatto con la madre dell'imputata, agì ai fini di eludere il sistema di intercettazioni, della cui esistenza le due donne erano state poste a conoscenza. Davanti al giudice il perito ha precisato: "Stefania Letterato fornì il suo telefono ad Anna Corona e questo emerge dalle intercettazioni". Ai tempi la sig.ra Letterato era fidanzata (ora sposata) con l'ex-dirigente del Commissariato di Polizia di Mazara del Vallo, Antonio Sfameni, mentre Anna Corona, madre di Jessica Pulizzi, è indagata ella stessa per il sequestro di Denise. Più che comprensibile l'indignazione della madre della bambina, Piera Maggio, che a distanza di anni dal sequestro della figlia, non può che provare rabbia di fronte a fatti di tale gravità. Lei stessa esprime il suo rammarico per il modo in cui sono state condotte le indagini: "Provo sdegno e delusione e al dolore si aggiunge tanta rabbia per ciò che non si è fatto per mia figlia. Sono passati quasi otto anni e la mia sofferenza non ha fatto altro che accrescere; e mi sento beffata sapendo che ci sono dei responsabili che addirittura possono aver contribuito a non far ritrovare mia figlia, esattamente come sostenuto dal consulente della procura. Tutto questo non mi da pace: se solo queste persone vivessero un giorno di quelli che io da anni sto attraversando sicuramente capirebbero quanto male sono riusciti a causare". E conclude precisando: "Oggi dagli organi inquirenti non accetto più scuse perché i fatti sono gravi e i comportamenti vergognosi: chi ha colpa deve pagare".

Ufficio Pubblica Informazione
Associazione Cerchiamo Denise
ufficiostampa@cerchiamodenise.it




Martedi, Maggio 08, 2012
Processo Denise: 18° udienza

PIERA MAGGIO: SDEGNO E TANTA RABBIA
Commento di Piera Maggio, su quanto sta emergendo durante le udienze con l'escussione di Genchi,
"PROVO SDEGNO E DELUSIONE, AL DOLORE SI AGGIUNGE TANTA RABBIA PER CIO' CHE NON SI E' FATTO PER RIPORTARE A CASA MIA FIGLIA. NONOSTANTE SIANO PASSATI QUASI 8 ANNI, LA MIA SOFFERENZA AUMENTA, SAPERE CHE CI SONO DEI RESPONSABILI CHE HANNO CONTRIBUITO A NON FARE RITROVARE MIA FIGLIA, NON MI DA PACE. DOVREBBERO VIVERE UN SOLO GIORNO, DI QUELLO CHE DA ANNI VIVO IO, PER CAPIRE COSA SI PROVA. CHI HA COLPA DEVE PAGARE".

"Stefania Letterato fornì il suo telefono ad Anna Corona e questo emerge dalle intercettazioni». A dichiararlo è stato il consulente dell'accusa Gioacchino Genchi. (Stefania Letterato, all'epoca dei fatti fidanzata dell'allora dirigente del commissariato di polizia di Mazara del Vallo, Antonio Sfameni, che poi ha sposato.)

informazione.cerchiamodenise.it

***
Processo Denise, il mistero di una telefonata
TRAPANI. "Stefania Letterato fornì il suo telefono ad Anna Corona e questo emerge dalle
intercettazioni». A dichiararlo è stato il consulente dell'accusa Gioacchino Genchi, ascoltato per la terza udienza consecutiva in Tribunale a Marsala, nel processo per il sequestro della piccola Denise Pipitone, scomparsa da Mazara del Vallo (TP) il primo settembre 2004.
Gli imputati sono Jessica Pulizzi, 25 anni, sorella (per parte di padre) della bambina rapita, che è accusata di concorso in sequestro di minorenne, e il suo ex fidanzato Gaspare Ghaleb, 27 anni, che deve difendersi dall'accusa di false dichiarazioni al pubblico ministero. Genchi ha continuato a riferire sull'esito dell'incarico affidatogli dalla Procura di Marsala, e cioè sull'esame dei tabulati telefonici relativi alle intercettazioni effettuate in fase d'indagine. Anche nell'udienza di oggi è stato affrontato il tema relativo all'amicizia tra Anna Corona, madre di Jessica
Pulizzi, indagata in un secondo filone d'inchiesta, e Stefania Letterato, all'epoca dei fatti fidanzata dell'allora dirigente del commissariato di polizia di Mazara del Vallo, Antonio Sfameni, che poi ha sposato. Genchi ha ribadito che «con l'avvio delle intercettazioni si interruppero i contatti
telefonici tra Corona e Letterato e quest'ultima smise di usare il suo telefono cellulare, mentre prima i contatti telefonici tra le due donne erano stati numerosissimi».
Il consulente ha detto di avere riferito, a suo tempo, queste circostanze ai magistrati della Procura di Marsala che conducevano l'inchiesta, evidenziando che non spettava a lui
avviare un'indagine per scoprire se c'era stata una fuga di notizie circa la decisione di intercettare i telefoni di Anna Corona. Su questi temi, Genchi, secondo il quale «è chiaro che Anna Corona ebbe subito consapevolezza di essere intercettata», continuerà a deporre il prossimo 15 giugno. Fonte: http://www.gds.it/gds/sezioni/notizie-brevi/dettaglio/articolo/gdsid/197277/




Denise: Diciottesima udienza

Denise: diciottesima udienza. Riprende il processo, Genchi sul banco dei testimoni

Mazara del Vallo 8 maggio 2012
- Con la terza parte della deposizione del consulente Gioacchino Genchi, riprende, stamane, davanti al Tribunale di Marsala, il processo per il sequestro della piccola Denise Pipitone, scomparsa da Mazara del Vallo (Tp), il 1 settembre 2004, quando aveva poco meno di quattro anni. Alla sbarra degli imputati ci sono la 25enne Jessica Pulizzi, sorella (per parte di padre) della bambina rapita, che è accusata di concorso in sequestro di minorenne, e il suo ex fidanzato Gaspare Ghaleb, 27 anni, che deve difendersi dall'accusa di false dichiarazioni al pubblico ministero. Genchi continua a riferire sull'esito dell'incarico affidatogli dalla Procura di Marsala. E cioé sull'esame dei tabulati telefonici e spostamenti, relativi alle intercettazioni effettuate in fase d'indagine. Nelle sue deposizioni, ha detto che: "Ad un certo punto dell'indagine per il sequestro di Denise, Stefania Letterato (all'epoca fidanzata, poi moglie, dell'allora dirigente del commissariato di polizia di Mazara del Vallo) sparirà dai tabulati delle intercettazioni. "Io suggerii al pm di intercettare i maggiori contatti di Anna Corona, tra cui c'era la Letterato, ma da quel momento si interruppero contatti e credo ci sia stata consapevolezza di essere intercettati". Ciò viene confermato da i tabulati telefonici, e da una serie di anomalie. Stanno continuando ad emergere fatti e novità clamorose, sui primi momenti del sequestro di Denise, Piera Maggio su quanto è emerso ha detto " Se si trovassero al mio posto cosa avrebbero fatto, nel sentire tutto lo schifo che è successo. Sono veramente desgnata e delusa"

informazione.cerchiamodenise.it




Venerdi, Aprile 27, 2012

Associazione "Cerchiamo Denise" onlus



Stampa 5X1000 Ass. "Cerchiamo Denise" onlus, da utilizzare a strisce per la diffusione
(versione1)

5X1000 Ass. "Cerchiamo Denise" onlus, Un piccolo gesto a te non costa nulla, per noi è di vitale importanza
(versione2) da ritagliare per la diffusione

Presentazione dell'Associazione "Cerchiamo Denise" onlus

http:// www.cerchiamodenise.it/ associazione/ presasscerchiamodeniseonlus .pdf





Venerdi, Aprile 20, 2012

DENISE, TI VOGLIAMO UN MONDO DI BENE TESORO!
clicca
♥ ♥ Sono tantissime le persone che ti AMANO. Grazie per il vostro affetto! DENISE, SEI ENTRATA NEI CUORI DI TUTTI!! ♥ ♥
Un dolce sorriso, uno sguardo meraviglioso... lei: una piccola donnina che come una stella vaga nei nostri pensieri, che come una fiamma nell'oscurità della notte, scalda i nostri cuori e riaccende in noi la speranza di riabbracciarla, RICORDA DENISE: c'è sempre un angioletto che ti guarda dall'alto e che ti guiderà nei momenti più difficili, fino al giorno in cui ritornerai e potrai sussurrare ancora una volta: "MAMMA TI VOGLIO BENE!!" (Piera Maggio)


***
ALCUNI DEI NOSTRI LINKS

Per lasciare commenti andate sulla bacheca del Forum/Pour tous ceux qui aimeraient envoyer un message de solidarité à la fillette, le forum est actif http://friends.cerchiamodenise.it . Amici di Denise/Denise's friends"





Giovedi, Aprile 19, 2012
Caso Denise: Novità clamorose

NOVITA' CLAMOROSE, DURANTE IL PROCESSO SUL SEQUESTRO DI DENISE SONO EMERSE IN AULA, DOPO LA DEPOSIZIONE DEL CONSULENTE INFORMATICO GIOACCHINO GENCHI, INCARICATO DALLA PROCURA DI MARSALA, NEL CORSO DELL'INDAGINE, DI ANALIZZARE LE INTERCETTAZIONI AMBIENTALI, E INCROCI DI TABULATI, SUL SEQUESTRO DELLA PICCOLA DENISE PIPITONE.
Servizio su Denise Pipitone, puntata di Chi L'ha Visto? del 18 aprile 2012: http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-1ea9b2cb-819d-4585-81d6-3e1c1f21b596.html




Mercoledi, Aprile 18, 2012
Piera Maggio: 'Chi ha colpa paghi'

Piera Maggio: "Chi ha colpa paghi"

(17 Aprile 2012 nella categoria 18 aprile 2012) - 'Quando ho avuto conferma che qualcuno, invece di aiutare a cercare mia figlia, pensava a pararsi, avrei voluto urlare in aula'.
Quando ho avuto conferma che qualcuno, invece di aiutare a cercare mia figlia, pensava a pararsi, avrei voluto urlare in aula'. Lo afferma Piera Maggio, madre di Denise Pipitone, ricordando i momenti dell'udienza in cui il consulente ha evidenziato anomalie nelle intercettazioni telefoniche che interessarono Stefania Letterato. 'Con il mio legale prenderemo provvedimenti per verificare se ci fu negligenza - anticipa - e chi ha colpa, anche morale, deve pagare, non solo con la giustizia divina ma anche con quella terrena'. In questa direzione, la madre di Denise critica la Procura, 'perché mi sarei aspettata - dice - una presa di posizione più dura nei confronti di chi non ha condotto le indagini come avrebbe dovuto e su chi doveva approfondire certe anomalie che stanno diventando pubbliche con il processo'. Riguardo agli eventuali provvedimenti da assumere, l'avvocato di Piera Maggio, Giacomo Frazzitta, precisa: 'Aspettiamo che venga completata l'audizione del consulente Gioacchino Genchi e se non sarà fatta chiarezza su certi aspetti, chiederemo di essere sentiti dal procuratore di Caltanissetta'. Fonte: http://www.trapaniok.it/it/18-aprile-2012/172821-piera-maggio-chi-ha-colpa-paghi
***
Denise, il consulente Genchi in aula: Miriade di anomalie in intercettazioni Dubbi su Stefania Letterato, moglie di un investigatore.

(17 Aprile 2012 nella categoria 18 aprile 2012) - Denise, il consulente Genchi in aula: Miriade di anomalie in intercettazioni
'Una miriade di anomalie nelle intercettazioni' è stata riscontrata dal consulente Gioacchino Genchi, che ieri mattina ha ripreso l'audizione davanti il Tribunale di Marsala, nell'ambito del processo per il sequestro della piccola Denise Pipitone, avvenuto a Mazara del Vallo il 1° settembre 2004. Nel procedimento, la ventiseienne Jessica Pulizzi, sorella (per parte di padre) della bambina rapita, è accusata di concorso in sequestro di minorenne, mentre il suo ex fidanzato, Gaspare Ghaleb di 27 anni, deve risponedere dell'accusa di false dichiarazioni al pubblico ministero.
Il perito informatico, come aveva già fatto lo scorso 14 marzo nella prima parte della sua audizione, ha esposto il risultato delle intercettazioni, soffermandosi soprattutto sui contatti telefonici tra la madre dell'imputata, Anna Corona, indagata in un secondo filone d'inchiesta, e una sua amica, Stefania Letterato, fidanzata (ora moglie) dell'allora dirigente del Commissariato di Polizia di Mazara del Vallo, Antonio Sfameni.
Gioacchino Genchi, dall'esame dei tabulati telefonici risalenti alla fase d'indagine, ha evidenziato contatti più che quotidiani tra le due amiche, 'ma con l'avvio delle intercettazioni nei confronti della Letterato - ha detto - si interrompono i loro contatti e, cosa singolare, si interrompe l'uso di quella utenza telefonica della Letterato, mentre in entrambe le utenze di Anna Corona i contatti si interrompono il 22 settembre (del 2004, ndr)'. Il consulente ha però tenuto a precisare che 'il sistema non è una pentola a tenuta stagna e possono essere sfuggite alcune intercettazioni, ma ne sono entrate altre, come quelle relative a indagini di mafia nella zona di Belmonte Mezzagno (Palermo) ma smistate a Mazara del Vallo'. Di contro, non fu intercettato il testo di un sms inviato con addebito da Anna Corona a Stefania Letterato alle 17 del 3 settembre, due giorni dopo il sequestro di Denise, mentre il 15 settembre la Corona scrisse all'amica 'Una buonanotte se non hai fatto male a nessuno'; un altro sms risulta inviato alle 15,36 del 22 settembre dalla Corona che si trovava temporaneamente in Brianza, ancora alla Letterato: 'Puoi tel. è urgente', 'ma il 21 settembre iniziarono le intercettazioni della Letterato e quel cellulare non venne più attivato - precisa Genchi - e il messaggio non fu mai recapitato, quindi non troviamo una corrispondenza nel tabulato'. Attraverso un'altra utenza, Anna Corona, quello stesso giorno provò a più riprese a contattare l'amica dalla Brianza, ma il cellulare, quando non risultò spento o irrangiungibile, squillò senza alcuna risposta. Il consulente ha poi precisato che un'utenza Omnitel della Corona non venne intercettata prima del 21 settembre ed ha quindi elencato tutte le telefonate tra le due amiche con cadenza quotidiana, anche dai rispettivi luoghi di lavoro'. Il perito ha inoltre ricordato che 'l'intercettazione della Letterato cessa il 5 ottobre 2004 e dal quel momento la donna riprende regolarmente a telefonare'', come si evincerebbe dai tabulati. Genchi ha anche riferito ai giudici di avere evidenziato all'epoca la necessità di ulteriori accertamenti, 'mettendo sotto controllo - ha ricordato - l'utenza telefonica di Antonino Sfameni e mi fu detto di concentrarmi su altro'. L'audizione del perito proseguirà l'8 maggio. Fonte: http://www.trapaniok.it/it/18-aprile-2012/172820-denise-il-consulente-genchi-in-aula-miriade-di-anomalie-in-intercettazioni/




Martedi, Aprile 17, 2012
Denise: DICIASSETTESIMA UDIENZA

www.cerchiamodenise.it Home Page siti ufficiali: www.cerchiamodenise.org


GIALLO DENISE, LA MAMMA IN AULA: "QUALCUNO DEPISTÒ LE INDAGINI"

Martedì 17 Aprile 2012 - 18:43
MARSALA - Torna ancora a parlare la mamma della piccola Denise Pipitone. «Ascoltando quanto è emerso dal lavoro svolto dal consulente della Procura di Marsala Gioacchino Genchi mi veniva voglia di mettermi a urlare in aula. Mi pare evidente che qualcuno non ha affatto aiutato a trovare mia figlia, anzi ha depistato le indagini». È quanto ha detto Piera Maggio, madre di Denise Pipitone, la bambina scomparsa da Mazara del Vallo (Tp) il primo settembre 2004, al termine dell'udienza del processo davanti al Tribunale di Marsala, che vede imputata, per concorso in sequestro di minorenne, la 25enne Jessica Pulizzi, sorella (per parte di padre) della bambina rapita. «Avevo suggerito alla Procura - ha spiegato Genchi nel corso della sua audizione - di intercettare anche un'altra utenza telefonica con cui Stefania Letterato era in contatto, non sapevo che fosse del commissario di polizia di Mazara Antonio Sfameni, ma mi fu detto di approfondire in altre direzioni». Stefania Letterato, amica di Anna Corona (madre di Jessica Pulizzi e indagata in un secondo filone d'inchiesta), all'epoca dei fatti era fidanzata di Sfameni, che poi sposò. L'audizione di Genchi, a cui la Procura di Marsala, dopo la scomparsa di Denise, affidò l'incarico di esaminare i tabulati telefonici relativi alle intercettazioni, dovrebbe concludersi nell'udienza dell'8 maggio prossimo. Fonte: http://www.leggo.it/news/cronaca/giallo_denise_la_mamma_in_aula_qualcuno_depisto_le_indagini/notizie/176284.shtml - http://trapani.blogsicilia.it/la-madre-di-denise-pipitone-qualcuno-depisto-le-indagini/84351/




Denise: DICIASSETTESIMA UDIENZA DEL PROCESSO
DENISE: DICIASSETTESIMA UDIENZA. CONTINUA LA DEPOSIZIONE DI GIOACCHINO GENCHI

(INFORMAZIONE) Mazara del Vallo - Oggi 17 aprile, Riprende davanti al Tribunale di Marsala, la diciassettesima udienza del processo per il sequestro della piccola Denise Pipitone, scomparsa da Mazara del Vallo l'1 settembre 2004, quando aveva poco meno di quattro anni. Alla sbarra ci sono Jessica Pulizzi, 25 anni, sorellastra della bambina rapita, che è accusata di concorso in sequestro di minorenne, e il suo ex fidanzato Gaspare Ghaleb, 26 anni, che deve difendersi dall'accusa di false dichiarazioni al pubblico ministero. In un altro filone d'indagine Anna Corona, madre dell' imputata Jessica Pulizzi, anch'essa è indagata per concorso in sequestro di minorenne.
Continua, la deposizione di Gioacchino Genchi, sentito nella scorsa udienza del 14 marzo, al termine della sua lunga deposizione, inaspettatamente ha anticipato alcuni aspetti non chiari avvenuti già nei primi giorni dal sequestro di Denise. Genchi, fu incaricato di analizzare alcune intercettazioni ambientali e incroci di tabulati, per procedere alla corretta identificazione di alcuni soggetti intestatari e utilizzatori delle numerosissime schede telefoniche emerse dall'acquisizione del traffico delle celle di Mazara del Vallo e del territorio circostante e per l'intera giornata del rapimento della bimba. Fu così che si arrivò a Jessica Pulizzi, oggi imputata insieme all'ex fidanzato, italo-tunisino Gaspare Ghaleb.

informazione.cerchiamodenise.it





Domenica, Aprile 08, 2012

BUONA PASQUA DOLCE DENISE, OVUNQUE TU SEI! A VOI TUTTI AUGURIAMO CHE questa Pasqua vi porti amore, gioia e serenità, Auguri!


ALCUNI DEI NOSTRI LINKS

Per lasciare commenti andate sulla bacheca del Forum/Pour tous ceux qui aimeraient envoyer un message de solidarité à la fillette, le forum est actif http://friends.cerchiamodenise.it . Amici di Denise/Denise's friends"
***

Locandina Universale Multilingua:
Locandina Missing Denise EUR - Ita-Ing-Fra - Age progression 2008 (jpg)




Mercoledi, Aprile 04, 2012

www.cerchiamodenise.it Home Page siti ufficiali: www.cerchiamodenise.org

Archivio Blog Gen 2007 - Dic 2007 - Archivio Blog Gen 2008 - Dic 2008 - Archivio Blog Gen 2009 - Dic 2009 - Archivio Blog Gen 2010 - Dic 2010 - Archivio Blog Gen 2011 - Dic 2011 - Home



IL DIRITTO DI GRIDARE: "MOSTRO !"
Ci sono reati che vengono commessi contro la persona. E sono gravi. Ma ci sono azioni che pur danneggiando una o più specifiche persone, sono da considerare reati contro l'umanità. Tutto ciò per la gravità e l'efferatezza che li caratterizza.... continua a leggere link: http://www.cerchiamodenise.it/associazione/gridaremostro.pdf (Maggio Piera)




Mercoledi, Marzo 21, 2012
Articolo la Sicilia, l'arresto di Claudio Corona, per traffico di droga 20 marzo 2012 - http://www.cerchiamodenise.it/web/coronadroga.pdf

Martedi, Marzo 20, 2012
ARRESTATO Claudio Corona...

ATTENZIONE: CLAUDIO CORONA, NON E' LO ZIO DI DENISE PIPITONE, COSI' COME E' STATO RIPORTATO DA ALCUNI ORGANI D'INFORMAZIONE. NON C'E' NESSUNA RELAZIONE DI PARENTELA CON DENISE PIPITONE. CLAUDIO CORONA E' LO ZIO DI JESSICA PULIZZI, FRATELLO DELLA MADRE ANNA CORONA, INDAGATA PER IL SEQUESTRO DELLA PICCOLA. JESSICA, E' IMPUTATA DEL SEQUESTRO DI DENISE, DI CUI E' LA SORELLASTRA. JESSICA PULIZZI E DENISE PIPITONE, SONO SORELLASTRE, HANNO IN COMUNE IL PADRE. PENSIAMO CHE CI SARA' ANCORA TANTO DA SCOPRIRE.....
***
Sei arresti per Droga in un blitz a Trapani, c'è anche zio sorellastra Denise Pipitone
20 marzo, 2012 - Palermo - (Adnkronos) - Sono accusati di spaccio di sostanze stupefacenti, eroina, cocaina e hashish, a Mazara del Vallo. - E' in corso un'operazione antidroga nel trapanese, dove la Squadra mobile ha fermato sei persone con l'accusa di spaccio di sostanze stupefacenti, eroina, cocaina e hashish, a Mazara del Vallo (Trapani). Secondo quanto accertato dagli investigatori la base dell'organizzazione era in un bar. In carcere anche Claudio Corona, fratello di Anna Corona, la madre di Jessica Pulizzi, imputata del sequestro della piccola Denise Pipitone di cui e' la sorellastra.
Fonte: http://www.adnkronos.com/IGN/Regioni/Sicilia/Sei-arresti-per-Droga-in-un-blitz-a-Trapani-ce-anche-zio-sorellastra-Denise-Pipitone_313108803850.html




Giovedi, Marzo 15, 2012

Processo Denise: Clamorose dichiarazioni di Gioacchino Genchi.

Ieri 14 marzo, al Tribunale di Marsala, è stato ascoltato il consulente informatico Gioacchino Genchi, per il processo sulla scomparsa di Denise Pipitone, avvenuta nel 2004.

Genchi fu incaricato di analizzare alcune intercettazioni ambientali e incroci di tabulati, per procedere alla corretta identificazione di alcuni soggetti intestatari e utilizzatori delle numerosissime schede telefoniche emerse dall'acquisizione del traffico delle celle di Mazara del Vallo e del territorio circostante e per l'intera giornata del rapimento della bimba. Fu così che si arrivò a Jessica Pulizzi, oggi imputata insieme all'ex fidanzato, il tunisino Gaspare Ghaleb.

Al termine della sua lunga deposizione, inaspettatamente ha anticipato: (CHE 80% DELLA NON RIUSCITA DEL RITROVAMENTO DI DENISE, E' STATO DOVUTO AI CONTATTI AVVENUTI TRA ANNA CORONA E STEFANIA LETTERATO, HA DETTO CHE SAPEVANO DI ESSERE INTERCETTATE, I LORO CONTATTI TERMINARONO BRUSCAMENTE. INOLTRE STRANAMENTE NON ESISTE NESSUNA INTERCETTAZIONE TELEFONICA RIGUARDO STEFANIA LETTERATO) la deposizione di Genchi, riprenderà alla prossima udienza. Questa dichiarazione inaspettata ha colto di soppresa tutti in aula, facendo sussultare in particolar modo Piera Maggio.
Stefania Letterato, era l'amica stretta di Anna Corona, all'epoca del rapimento di Denise era gia' fidanzata (e ne e' diventata la moglie) dell'allora commissario di Mazara del Vallo. In merito a Stefania Letterato, Anna Corona madre di Jessica, deponendo nella scorsa udienza del processo, ha ricordato: "Eravamo amiche, mi veniva a trovare a casa quando finiva di lavorare e, a volte, la sera andavamo a mangiare la pizza assieme...

La Corona, è stata ascoltata in merito a presunti spostamenti effettuati in diverse zone delle provincie di Trapani e Palermo, proprio il giorno che seguì la scomparsa della bambina. Lo si evincerebbe dai tabulati telefonici di una delle utenze di Anna Corona; tabulati che, comunque, è ancora oggetto di accertamenti tecnici nell'ambito del secondo filone di indagine riguardante il rapimento di Denise.
La deposizione di Gioacchino Genchi, riprenderà nella prossima udienza del 17 aprile




Mercoledi, Marzo 14, 2012

Denise: Genchi a processo, intercettati 12 mln contatti telefonici
(AGI) - Trapani, 14 mar. - "Abbiamo raccolto una mole di dati che, a mia memoria storica, non ha precedenti nella storia giudiziaria internazionale, tra "dodici milioni di contatti telefonici intercettati" e "l'acquisizione delle mappe Bts (stazioni radio base)". Lo ha detto il perito Gioacchino Genchi, consulente dell'accusa quale esperto in telefonia, nel processo per il sequestro della piccola Denise Pipitone, avvenuto il primo settembre 2004 a Mazara del Vallo. Il tecnico e' stato ascoltato per tutto il pomeriggio dal Tribunale di Marsala presieduto da Riccardo Alcamo, nella ripresa del procedimento a carico della venticinquenne Jessica Pulizzi, sorellastra della bambina rapita (entrambe sono figlie di Pietro Pulizzi), accusata di concorso in sequestro di minorenne, e del suo ex fidanzato, Gaspare Ghaleb di 27 anni, che deve rispondere dell'accusa di false dichiarazioni al pubblico ministero. Genchi e' stato chiamato a riferire gli esiti dell'esame condotto sui tabulati telefonici e sulle intercettazioni riguardanti i principali indagati nell'inchiesta, con l'obiettivo di desumere i loro spostamenti il giorno della scomparsa di Denise e in quelli seguenti. "Il primo settembre 2004 Jessica Pulizzi utilizzo' una sola delle sue utenze cellulari - ha ricordato Genchi - mentre un altro apparecchio era in uso alla madre, Anna Corona, pur risultando inutilizzato dal 3 agosto al 3 settembre 2004 per mancanza di credito". Il perito ha anche affermato che "ad un certo punto dell'indagine, Stefania Letterato sparira' dai tabulati delle intercettazioni". Stefania Letterato, amica di Anna Corona, all'epoca del rapimento di Denise era gia' fidanzata (e ne e' diventata la moglie) dell'allora commissariato di Mazara del Vallo. In merito a Stefania Letterato, Anna Corona, deponendo nella scorsa udienza del processo, ha ricordato: "Eravamo amiche, mi veniva a trovare a casa quando finiva di lavorare e, a volte, la sera andavamo a mangiare la pizza assieme; ma dopo la scomparsa di Denise, Stefania mi fece capire che non voleva piu' frequentarmi". La Procura di Marsala, comunque, affido' poi l'attivita' investigativa ai carabinieri. L'audizione del perito sta proseguendo con l'esame degli spostamenti effettuati da Jessica Pulizzi il giorno del sequestro. (AGI) . Fonte: http://www.agi.it/in-primo-piano/notizie/201203142003-ipp-rt10138-denise_genchi_a_processo_intercettati_12_mln_contatti_telefonici





Denise: SEDICESIMA UDIENZA DEL PROCESSO
(DENISE: SEDICESIMA UDIENZA)
Mazara del Vallo - Oggi 14 marzo, presso il Tribunale di Marsala, si terra' la sedicesima udienza del processo per il rapimento di Denise, che vede imputati la sorellastra Jessica Pulizzi 25 anni, per sequestro di minorenne e il suo ex-ragazzo italo-tunisino, Gaspare Ghaleb 26 anni, per falsa testimonianza ai PM. Verrà ascoltato Gioacchino Genghi, che dovrà riferire sull'esito dell'incarico affidatogli dalla Procura di Marsala. E cioé sull'esame dei tabulati telefonici relativi alle intercettazioni effettuate in fase d'indagine.





Giovedi, Marzo 01, 2012


CHI L'HA VISTO? PUNTATA DEL 29 FEBBRAIO 2012
LE ULTIME SCONVOLGENTI NOVITA' SUL SEQUESTRO DI DENISE. VI RINGRAZIAMO PER TUTTI I MESS. DI SOLIDARIETA' RICEVUTI, DENISE HA BISOGNO DELL'AIUTO DI NOI TUTTI PER ESSERE RITROVATA! GRAZIE - Link:
http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-203d3765-49c2-4f74-84bd-04a9cb3f7fd7.html

‎YOU TUBE canale: denisepipitone04 - (1°Parte) Sei Denise Pipitone? Voi che ne pensate? "Dagli esami di comparazione dei R.I.S" http://www.youtube.com/ watch?v=88qJjFHy1Fo - ‎(2°Parte) Sei Denise Pipitone? Voi che ne pensate? "Dagli esami di comparazione dei R.I.S" http://www.youtube.com/ watch?v=Y1txDc4csl0&feature =related
***

Denise, mancano prove esami clinici: cade alibi sorellastra

MARSALA. Viene meno un alibi per Jessica Pulizzi, imputata davanti al Tribunale di Marsala per concorso nel sequestro della piccola Denise Pipitone, scomparsa da Mazara del Vallo (Tp) il primo settembre 2004. Tra le carte dell'Asp di Trapani non c'é traccia della richiesta di rimborso per le analisi del sangue, il cui prelievo - secondo quanto dichiarato sia dalla madre, Anna Corona (indagata, sempre per concorso nel sequestro, in un altro filone d'inchiesta), che dalla dottoressa Antonietta Di Liberti, biologa, titolare di un laboratorio analisi cliniche di Mazara - sarebbe stato effettuato proprio la mattina in cui sparì la bambina. Lo scorso 6 dicembre, in aula, la Di Liberti dichiarò che Jessica (sorellastra di Denise), la mattina del primo settembre 2004, si era recata nel suo laboratorio di analisi per eseguire il prelievo "tra le 10 e le 11". Denise sparì tra le 11,30 e le 11,45 circa. A provare l'affermazione nessuna registrazione certa della prestazione. Il registro, infatti, non si trova più e il pc, secondo la biologa, si sarebbe guastato. La Procura di Marsala ha dunque disposto un accertamento nell'Asp, per verificare l'eventuale esistenza della richiesta di rimborso delle asserite analisi del sangue. Nella documentazione dell'Asp, però, non c'é traccia della richiesta. Non c'é prova che Jessica Pulizzi, la mattina del primo settembre 2004, poco prima del sequestro, si sia davvero recata nel laboratorio di analisi cliniche della Di Liberti. Fonte: http://www.gds.it/gds/sezioni/notizie-brevi/dettaglio/articolo/gdsid/189269/
***
Denise: mancano prove esami clinici, cade alibi sorellastra - Jessica Pulizzi e' imputata per concorso sequestro della piccola. Fonte Ansa: http://www.ansa.it/web/notizie/regioni/sicilia/2012/02/28/visualizza_new.html_105986074.html
***
Imputata senza alibi - Nessuna prova per l'alibi di Jessica Pulizzi al momento della scomparsa di Denise Pipitone. Ulteriori accertamenti anche sulle dichiarazioni rese da Anna Corona
Dove si trovava Jessica Pulizzi nel preciso momento della scomparsa di Denise Pipitone, avvenuta a Mazara tra le 11.30 e le 12.00 del primo settembre del 2004? È stato scardinato l'alibi dell'imputata con l'esito degli accertamenti, fatti presso l'Asp di Trapani, dal quale non risulta alcuna registrazione delle analisi effettuate proprio quel giorno. In discussione, quindi, la testimonianza della dottoressa Antonietta Diliberti che nell'udienza del 6 dicembre dichiarò che Jessica si era recata presso il suo laboratorio per il prelievo. Ma di ciò non c'è alcuna prova poiché il registro sarebbe andato perso e il pc si è guastato. L'avvocato Giacomo Frazzitta, come già preannunciato per altri testimoni chiamati a deporre, avanzerà alla procura, richiesta di accusa per falsa testimonianza. Diventa critica quindi la posizione dell'imputata così come quella della madre, Anna Corona, chiamata a deporre nella scorsa udienza. Si trovava a lavoro in hotel nel momento della scomparsa, come dimostra la firma riportata nel registro delle presenze. Firma contestata dalla perizia grafologica effettuata dal consulente del legale di Piera Maggio. Risulterebbe essere stata apposta da un'altra mano. Sono sedici udienze fatte con dichiarazioni che contrastano l'una fra l'altra, alla ricerca di una verità sommersa in un contesto umano fatto di legami e risentimenti che di volta in volta aggiungono un tassello al quadro della scomparsa di Denise aggiungendo sempre nuove indicazioni. Fonte: http://www.telesud3.com/cronaca/imputata-senza-alibi---10298.asp




Mercoledi, Febbraio 22, 2012
INTERVISTA DEL 21/02/2012 A PIERA MAGGIO, E L'AVV. GIACOMO FRAZZITTA, SULLE ULTIME NOVITA' SUL SEQUESTRO DI DENISE, CHIARIMENTI SULLA DEPOSIZIONE IN AULA DEL 14/02/2012, DI ANNA CORONA, INDAGATA DI REATO CONNESSO. TV LOCALE DI MAZARA DEL VALLO. LINK: http://www.televallo.it/dituttodipiu.htm -
http://www.televallo.it/frazzitta%20piera%20maggio.wmv




Venerdi, Febbraio 17, 2012
I tabulati tel. smentiscono Anna Corona

Sequestro di Denise, in Tribunale primo esame su tabulato telefonico
Per chiarire gli spostamenti Anna Corona, indagata per reato connesso.

"Il cellulare era con me, non l'ho dato a nessuno, e non mi sono spostata da Mazara del Vallo". é stata la risposta secca di Anna Corona, madre di Jessica Pulizzi, la venticinquenne accusata di avere avuto un ruolo nel sequestro della piccola Denise Pipitone (sua sorella per parte di padre), avvenuto il 1° settembre 2004 a Mazara del Vallo.
La teste, deponendo dinanzi al Tribunale di Marsala, è stata ascoltata in merito a presunti spostamenti effettuati in diverse zone delle provincie di Trapani e Palermo, proprio il giorno che seguì la scomparsa della bambina. Lo si evincerebbe dal tabulato telefonico di una delle utenze di Anna Corona; tabulato che, comunque, è ancora oggetto di accertamenti tecnici nell'ambito del secondo filone di indagine riguardante il rapimento della bambina. Il presidente del Tribunale, Riccardo Alcamo, ha però autorizzato un primo approfondimento della questione, nonostante l'opposizione sollevata subito dalla difesa dell'imputata, rappresentata in aula dai legali palermitani Gioacchino Sbacchi e Fabrizio Torre. Così, nel corso dell'esame da parte dell'avvocato di parte civile Giacomo Frazzitta, per conto della madre di Denise, Piera Maggio, ad Anna Corona è stata chiesta una spiegazione sugli spostamenti che sarebbero avvenuti nelle trentasei ore successive al sequestro di Denise.
"Alle 19.15 - ha ricordato il legale - uno dei telefoni cellulari della signora Corona aggancia celle tra Partinico e Cinisi". Frazzitta ha quindi letto una sintesi di quanto emergerebbe dal tabulato telefonico della stessa utenza nella giornata del 2 settembre 2004, a partire da una prima "cella" agganciata a Cinisi alle 6.15. L'avvocato marsalese ha rilevato che quello stesso numero agganciò, tra le altre, "celle" di Partinico (alle 12,31 e alle 19.15), di Cinisi (alle 19.16), di Alcamo (alle 20.38), intervallate a "celle" di Mazara del Vallo e lunghi periodi "di buio totale".
Anna Corona ha ribadito che tutti e tre i telefonini che possiede, erano in suo possesso e che lei quel giorno non si spostò da Mazara del Vallo, escludendo l'eventualità di avere affidato uno degli apparecchi alla figlia Jessica.
Nel corso dell'udienza, Frazzitta ha tentato di approfondire anche il contenuto di altre due telefonate, arrivate ad Anna Corona la mattina successiva al sequestro di Denise. In particolare, un anziano amico della teste, Salvatore Montalto (deceduto all'inizio di quest'anno) telefonò alle 6.34 per una conversazione di 75 secondi e poi alle 6.43 per 18 secondi, a due diversi numeri di cellulare della teste. La Corona, anche attraverso l'ascolto in aula della seconda conversazione telefonica, ha motivato il tono duro avuto in quell'occasione con l'amico, "che mi chiamava abitualmente per la sveglia mattutina - ha ricordato - ma io il giorno prima l'avevo trascorso dai carabinieri e non volevo che Montalto mi facesse domande". La donna, invece, non ha saputo riferire nulla riguardo alla prima telefonata di Montalto, "agganciata - ha evidenziato Giacomo Frazzitta - a una cella di Mazara Due (dove si trova la casa popolare dei genitori di Anna Corona, ndr), mentre la seconda si aggancia a una cella in un'altra zona di Mazara del Vallo". Anche in questo caso, Anna Corona ha escluso di avere dato il relativo telefonino a Jessica, sostenendo peraltro che entrambe le sue figlie si trovavano a casa con lei e sarebbero state accompagnate dalla nonna soltanto nelle ore successive.
Nel corso della deposizione, la teste ha però confermato un'altra circostanza: la responsabilità di Jessica Pulizzi nel danneggiamento dell'auto di Piera Maggio, avvenuto quasi un anno prima della scomparsa di Denise. Nell'ottobre del 2003, furono tagliati i quattro copertoni del veicolo e Pietro Pulizzi, padre naturale di Denise, telefonò ad Anna Corona.
"Era infuriato - ricorda la teste - perché erano stati tagliati i copertoni della macchina di Piera Maggio; dopo la telefonata, rimproverai Jessica duramente, anche perché il mio intento era quello di stare lontano dalla famiglia di Tony Pipitone (all'epoca marito di Piera Maggio, ndr). Jessica mi confermò di avere tagliato le ruote dell'auto per rabbia, spiegandomi che aveva chiesto soldi al padre per comprare dei vestiti, ma il padre le aveva detto di non avere soldi, anche se poi aveva comprato vestiti a chiddra, la signora Maggio". Fonte: http://www.trapaniok.it/now/design_home.asp?pag=pagina&cat_id=0&scat_id=0&idpag=2249
Anna Corona, verrà sentita nuovamente alla prossima udienza del 14 marzo, per rispondere su un intercettazione avvenuta al comando di P.S di Mazara del Vallo, mentre si trovava con la figlia imputata Jessica Pulizzi.




Martedi, Febbraio 14, 2012
Quindicesima udienza, processo Denise
DENISE: QUINDICESIMA UDIENZA, IN AULA E' STATA CHIAMATA A TESTIMONIARE ANNA CORONA, MADRE DELL'IMPUTATA JESSICA
Mazara del Vallo, 14/02/2012
. Oggi presso il Tribunale di Marsala, si terra' la quindicesima udienza del processo per il rapimento di Denise, che vede imputati la sorellastra Jessica Pulizzi 25 anni, per sequestro di minorenne e il suo ex-ragazzo italo-tunisino, Gaspare Ghaleb 26 anni, per falsa testimonianza ai PM. Sara' ascoltata in aula come testimone Anna Corona, madre dell' imputata Jessica Pulizzi, anch'essa indagata per concorso in sequestro di minorenne in un altro filone d'indagine. Gia' la scorsa udienza i suoi legali avevano preannunciato che non si avvarra' della facoltà di non rispondere, quindi dovrebbe rilasciare testimonianza sui fatti avvenuti. Piera Maggio si augura che dicano la verità sulla vicenda " purtroppo penso che continueranno sempre a nascondere continuando a mentire come hanno fatto in questi anni"




Venerdi, Gennaio 20, 2012

ALCUNI DEI NOSTRI LINKS




Sabato, Gennaio 14, 2012
Piera Maggio promotrice della

Archivio Blog Gen 2007 - Dic 2007 - Archivio Blog Gen 2008 - Dic 2008 - Archivio Blog Gen 2009 - Dic 2009 - Archivio Blog Gen 2010 - Dic 2010 - Archivio Blog Gen 2011 - Dic 2011 - Home


SENTENZA EMESSA DALLA SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE APPLICATA LA NUOVA FIGURA DI REATO "LEGGE DENISE"

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE HA PRONUNCIATO LA SEGUENTE SENTENZA:
LIBERTA' INDIVIDUALE (DELITTI CONTRO LA) - SEQUESTRO DI PERSONA - SOTTRAZIONE DI MINORENNI E DI PERSONE INCAPACI >> Cass. pen. Sez. V, Sent.
(ud. 04-11-2010) 18-02-2011, n. 6220 (Riferimenti normativi COST Art.13 - CP Art.574 - CP Art.605)


http://www.cerchiamodenise.it/web/sentenzacassart605574.pdf

"LEGGE DENISE" ribattezzata 'Denise', in onore di Denise Pipitone, la bambina sparita da Mazara del Vallo il 1 settembre 2004. È stata infatti la lunga battaglia condotta dalla mamma, Piera Maggio, promotrice della "LEGGE DENISE". ART. 605 comma 3 NUOVA FIGURA DI REATO "SEQUESTRO DI MINORENNI" (che amplia l'articolo 605 del codice penale) ART. 574-bis NUOVA FIGURA DI REATO "SOTTRAZIONE DI MINORE" da parte di uno dei due genitori e il trattenimento all'estero del bimbo e che introduce un articolo 574-bis al codice penale. - GAZZETTA UFFICIALE N. 170 del 24 luglio 2009 - Supplemento ordinario n. 128 - Modifiche apportate al codice penale art. 605 e nuovo inserimento art. 574-bis



Piera Maggio si è incatenata e ha fatto lo sciopero della fame davanti al Quirinale il 26/10/2007 giorno del Settimo Compleanno di Denise, per ottenere l'approvazione della "LEGGE DENISE".
***
"LEGGE DENISE" ribattezzata 'Denise', in onore di Denise Pipitone, la bambina sparita da Mazara del Vallo il 1 settembre 2004. È stata infatti la lunga battaglia condotta dalla mamma, Piera Maggio, a convincere il ministro della Giustizia, Angelino Alfano, ad affrontare la questione del reato di sequestro di minore che non era previsto dal codice penale. A sostenere Piera Maggio, il suo legale Giacomo Frazzitta e l'On.le Barbara Mannucci, prima firmataria dell'emendamento pacchetto sicurezza.

ART. 605 comma 3 NUOVA FIGURA DI REATO "SEQUESTRO DI MINORENNI" (che amplia l'articolo 605 del codice penale) prevede che, in caso di sequestro di minore, "si applica la pena della reclusione da 3 a 12 anni", se il bimbo ha tra i 15 ed i 18 anni. Se il minore ha anni 14 o meno o se "è condotto o trattenuto all'estero", si applica una pena da 3 a 15 anni. La pena prevista, senza la nuova figura di reato andava da "6 mesi a 8 anni".
Se il colpevole cagiona la morte del minore sequestrato si applica la pena dell'ergastolo. Le pene previste dal terzo comma sono altresì diminuite fino alla metà nei confronti dell'imputato che si adopera concretamente.

ART. 574-bis NUOVA FIGURA DI REATO "SOTTRAZIONE DI MINORE" da parte di uno dei due genitori e il trattenimento all'estero del bimbo e che introduce un articolo 574-bis al codice penale.
"Chiunque sottrae un minore al genitore esercente la potestà dei genitori o al tutore, conducendolo o trattenendolo all'estero contro la volontà del medesimo genitore o tutore" è punito "con la reclusione da 1 a 4 anni", spiega il testo. E ancora, se il fatto avviene ai danni di un minore che ha più di 14 anni e con il suo consenso "si applica la pena della reclusione da 6 mesi a 3 anni". Se a sequestrare è uno dei due genitori la condanna comporta la sospensione dall'esercizio della potestà genitoriale.
GAZZETTA UFFICIALE N. 170 del 24 luglio 2009 - Supplemento ordinario n. 128

Modifiche apportate al codice penale art. 605 e nuovo inserimento art. 574-bis

***
Per lasciare commenti andate sulla bacheca del Forum/Pour tous ceux qui aimeraient envoyer un message de solidarité à la fillette, le forum est actif http://friends.cerchiamodenise.it . Amici di Denise/Denise's friends"

Le immagini si possono visualizzare su: Foto Album cerchiamodenise.it - http://fotoalbum.cerchiamodenise.it





Giovedi, Gennaio 12, 2012

Segui @MissingDeniseMp su twitter o su Facebook
clicca qui




Mercoledi, Gennaio 11, 2012
L'informazione errata non aiuta Denise.......

"Fare informazione errata non aiuta Denise, complica la sua ricerca"
(INFORMAZIONE) Mazara del Vallo 11/01/2012 - Piera Maggio, chiede gentilmente che ogni professionista del settore, giornalista, crinimologo, opinionista ecc.. possa essere in grado di parlare del caso Denise, perchè conosce la vicenda nel dettaglio, evitando così di fare informazione errata e forviante sulla sorte della piccola e sulla realtà dei fatti. Le opinioni personali restano tali, e possono non essere cooerenti con i fatti accertati in fase d'indagine, quindi se ne consiglia la non diffusione. "Fare informazione errata non aiuta Denise, non aiuta il bambino scomparso, non aiuta a fare emergere la verità e complica la sua ricerca". Grazie (Piera Maggio)





Martedi, Gennaio 10, 2012

www.cerchiamodenise.it Home Page siti ufficiali: www.cerchiamodenise.org

Sito ufficiale
http://www.cerchiamodenise.it - Blog ufficiale http://informazione.cerchiamodenise.it - Forum bacheca http://friends.cerchiamodenise.it - Fotoalbum http://fotoalbum.cerchiamodenise.it
Hai Visto questo Minore? E' questa donna? http://www.cerchiamodenise.it/cronaca.htm
SEI PIPITONE DENISE? (COMPARAZIONE FATTA DAI R.I.S)
(1°Parte) Sei Denise Pipitone?
http://www.youtube.com/watch?v=88qJjFHy1Fo
(2°Parte)
http://www.youtube.com/watch?v=Y1txDc4csl0
Polizia Di Stato sezione minori bambiniscomparsi.it Denise Pipitone




Video montaggi di Denise Pipitone04 caricati su You Tube
Per scrivere commenti andate sulla bacheca del Forum/Pour tous ceux qui aimeraient envoyer un message de solidarité à la fillette, le forum est actif http://friends.cerchiamodenise.it . Amici di Denise/Denise's friends"
***
DIFFONDI QUESTO LINK PER LA RICERCA DI TUTTI I NOSTRI FIGLI NEL MONDO!! Grazie
National Center for Missing and Exploited Children
http://www.bambiniscomparsi.it - Italy - Denise Pipitone http://www.bambiniscomparsi.it/missingkids/servlet/ServiceServlet?LanguageCountry=it_IT&PageId=2967


Domenica, Gennaio 01, 2012
Buon Anno a tutti...

Archivio Blog Gen 2007 - Dic 2007 - Archivio Blog Gen 2008 - Dic 2008 - Archivio Blog Gen 2009 - Dic 2009 - Archivio Blog Gen 2010 - Dic 2010 - Archivio Blog Gen 2011 - Dic 2011 - Home




La vita è un dono prezioso, si vive anche per migliorare se stessi, e per chi può permetterselo, dare una mano agli altri aiuta ad essere persone migliori, ma se non potete aiutare gli altri, almeno non fate loro del male!..... Non c'è cosa più meravigliosa del sorriso di un bambino... ♥ ♥ (Piera Maggio)
*** *** *** ***
Sito ufficiale
http://www.cerchiamodenise.it - Blog ufficiale http://informazione.cerchiamodenise.it - Forum bacheca http://friends.cerchiamodenise.it - Fotoalbum http://fotoalbum.cerchiamodenise.it
Questi sono i nostri profili Facebook per Denise, "grazie per tutti i commenti solidali, gli sms, messaggi, e per il calore umano che ci dimostrate, facendo la differenza all'indifferenza. Vi abbraccio tutti virtualmente. Grazie per esserci!! ♥♥♥"
.....continuate e diffondete. - Missing Denise Pipitone Mp - Missing Denise Mp - Fans Missing Denise Pipitone Mp - Missing Denise Mp - cerchiamodenise.it - Gruppo fondato da Piera Maggio - Missing Children Denise Pipitone -
clicca qui


Per lasciare commenti andate sulla bacheca del Forum/Pour tous ceux qui aimeraient envoyer un message de solidarité à la fillette, le forum est actif http://friends.cerchiamodenise.it . Amici di Denise/Denise's friends"
***

Locandina Universale Multilingua:
Locandina Missing Denise EUR - Ita-Ing-Fra - Age progression 2008 (jpg)

Tutte le locandine, gli stampati e foto di DENISE da scaricare
Denise's posters, printouts and photos dowload


Locandina Italiano EUR con numeri utili (jpg) foglio orizzontale Poster EUR - Age progression 2008 (jpg)

Clicca sui loghi
Se vuoi contribuire in aiuto a Denise, puoi farlo anche tu, vai su: Iniziative pubbliche per Denise segui semplicemente le istruzioni. Ringraziamo anticipatamente coloro che parteciperanno all'iniziativa.
Nessuno è inutile a questo mondo se alleggerisce un pò il fardello altrui. Charles Dickens (1812 - 1870)
***
Per ogni dettaglio relativo al caso di Denise, sono consultabili i siti ufficiali: http://www.cerchiamodenise.it e http://informazione.cerchiamodenise.it Inoltre per coloro che intendano inviare un messaggio di solidarietà per la bimba, è attivo il forum: http://friends.cerchiamodenise.it /- FotoAlbum Denise: http://fotoalbum.cerchiamodenise.it - (Associazione "Cerchiamo Denise" onlus) http://www.cerchiamodenise.it/associazione/asscerchiamodenise.htm /- You Tube Denise Pipitone: http://www.youtube.com/user/denisepipitone04 -


**************************************************************************************************************************