Archivio Blog Cerchiamodenise - Gennaio - Dicembre 2011

Domenica, Dicembre 25, 2011
Sito Ufficiale: www.cerchiamodenise.it - MISSING Denise Pipitone "Aiutaci a Trovarla" " Help us find her" " Nous aider à trouver" - Denise è Nata/Born on/Née le il 26/10/2000, Scomparsa/Disappearance/Disparue dal 01/09/2004 a Mazara del Vallo, (TP) Italy - Per informazioni utili/For useful information: 0039 340 5403309 - Official Web Site: www.cerchiamodenise.org - email: aiutiamo@cerchiamodenise.it / aiutiamo@cerchiamodenise.org -  Website: www.missingkids.it -  In caso di avvistamento, rivolgersi subito al più vicino posto di commissariato dei Carabinieri (112) o di Polizia (113)./If you think you have seen her, please immediately contact your nearest Police Station./Si vous reconnaissez Denise, adressez-vous au plus vite au poste de Police le plus proche.- Denise ha Bisogno di Noi!!
 Archivio Blog Gen 2007 - Dic 2007 - Archivio Blog Gen 2008 - Dic 2008 - Archivio Blog Gen 2009 - Dic 2009 - Archivio Blog Gen 2010 - Dic 2010Archivio Blog Gen 2011 - Dic 2011
Home  
Buon Natale Denise, ovunque tu sia......


BUON NATALE DENISE, OVUNQUE TU SIA .....♥♥



E' Natale ogni volta che sorridi a un fratello e gli tendi la mano. E' Natale ogni volta che rimani in silenzio per ascoltare l'altro. E' Natale ogni volta che non accetti quei principi che relegano gli oppressi ai margini della società. E' Natale ogni volta che speri con quelli che disperano nella povertà fisica e spirituale. E' Natale ogni volta che riconosci con umiltà i tuoi limiti e la tua debolezza. E' Natale ogni volta che amiamo, ogni volta che doniamo. E' Natale quando le cose più belle della vita non si guardano con gli occhi ma si sentono con il cuore. E' Natale ogni volta che facciamo nascere l'amore nei nostri cuori! Un caloroso augurio di buon Natale. Auguri a tutti Voi da parte nostra! www.cerchiamodenise.it

***      ***      ***      ***
Sito ufficiale http://www.cerchiamodenise.it - Blog ufficiale http://informazione.cerchiamodenise.it - Forum bacheca http://friends.cerchiamodenise.it - Fotoalbum http://fotoalbum.cerchiamodenise.it  

Questi sono i nostri profili Facebook per Denise, "grazie per tutti i commenti solidali e per il calore umano che state dimostrando, facendo la differenza all'indifferenza di alcuni. Vi abbraccio tutti virtualmente. Grazie per esserci!! ♥♥♥" .....continuate e diffondete.  - Missing Denise Pipitone Mp - Missing Denise MpFans Missing Denise Pipitone Mp  -  Missing Denise Mp - cerchiamodenise.it - Gruppo fondato da Piera Maggio - Missing Children Denise Pipitone -
clicca qui

 
Per lasciare commenti andate sulla bacheca del Forum/Pour tous ceux qui aimeraient envoyer un message de solidarité à la fillette, le forum est actif http://friends.cerchiamodenise.it . Amici di Denise/Denise's friends"


Sabato, Dicembre 17, 2011
QUARTO GRADO Puntata intera del 16 dicembre 2011 - INTERVISTA A PIERA MAGGIO, con gli ultimi sviluppi sulle indagini relative alla scomparsa di Denise. intervista diretta tempo 01:30:33/02:06:18
http://www.video.mediaset.it/video/quarto_grado/full/269444/puntata-del-16-dicembre.html#tf-s1-c1-o1-p1


Martedi, Dicembre 06, 2011
Denise: Processo, quattordicesima udienza.....

RINVIATA LA DEPOSIZIONE DI ANNA CORONA ALLA PROSSIMA UDIENZA
Mazara del Vallo, 06/12/2011
Nella giornata odierna durante il processo per il rapimento di Denise, sono stati ascoltati due dei tre testimoni chiamati a deporre in aula. La testimonianza di Anna Corona, è stata rinviata alla prossima udienza, che si terrà il 14 febbraio 2012, alle ore 10. I legali di Anna Corona, gli stessi della figlia Jessica Pulizzi, e la stessa, hanno già anticipato che non si avvarrà della facoltà di non rispondere e quindi rilascerà testimonianza.

Udienza del 06/12/2011 - DENISE: TESTIMONE, VIDI FUGGIRE UN'AUTO CON DONNA ALLA GUIDA. Fonte:
http://www.agi.it/palermo/notizie/201112061406-cro-rt10164-denise_testimone_vidi_fuggire_un_auto_con_donna_alla_guida



DENISE: QUATTORDICESIMA UDIENZA,  OGGI IN AULA ANNA CORONA, MADRE DI JESSICA
Mazara del Vallo, 06/12/2011. Si terrà oggi presso il Tribunale di Marsala, la quattordicesima udienza del processo per il rapimento di Denise, che vede imputati la sorellastra Jessica Pulizzi 24 anni, per sequestro di minorenne e il suo ex-ragazzo italo-tunisino, Gaspare Ghaleb 26 anni, per falsa testimonianza ai PM. Saranno tre i testimoni che dovranno essere ascoltati in aula, di cui Anna Corona, madre dell' imputata Jessica Pulizzi, anch'essa indagata per concorso in sequestro di minorenne in un altro filone d'indagine. Non si conosce ancora la posizione di Anna Corona che potrebbe decidere di avvalersi della facoltà di non rispondere oppure rilasciare testimonianza sui fatti avvenuti.


 

Domenica, Dicembre 04, 2011
Diffondete, diffondete........

DIFFONDI QUESTO LINK PER LA RICERCA DI TUTTI I NOSTRI FIGLI NEL MONDO!! Grazie
National Center for Missing and Exploited Children
http://www.bambiniscomparsi.it - Italy - Denise Pipitone http://www.bambiniscomparsi.it/missingkids/servlet/ServiceServlet?LanguageCountry=it_IT&PageId=2967



Lunedi, Novembre 28, 2011

♥♥ ASPETTANDO DENISE!! CANALE YOU TUBE denisepipitone04
(1 parte) Speciale Denise 2011
http://www.youtube.com/watch?v=ffhj4xL3WZs -
(2 parte) Speciale Denise 2011 http://www.youtube.com/watch?v=HsdDFZuZuyo

***
♥♥ "DOV'E' DENISE?" CANALE YOU TUBE denisepipitone04
"DOV'E' DENISE?" 2011 (1 parte)http://www.youtube.com/watch?v=MASGLmVQtbs - ♥♥ "DOV'E' DENISE?" 2011 (2 parte)http://www.youtube.com/watch?v=qCKNTFr4n-4 - ♥♥♥ "DOV'E' DENISE?" 2011 (3 parte) http://www.youtube.com/watch?v=suXp2GcV2sA - ♥♥♥♥ "DOV'E' DENISE?" 2011 (4 parte) http://www.youtube.com/watch?v=yLQJLfdZxGw - ♥♥♥♥♥ "DOV'E' DENISE?" 2011 (5 parte)http://www.youtube.com/watch?v=F0qfw0veHDg


 

Venerdi, Novembre 25, 2011

LEGGI LETTERA ANONIMA 23/11/2011
(PERVENUTA LETTERA ANONIMA A CASA DENISE) PIERA MAGGIO, VUOLE CHE SIATE VOI A RISPONDERE A QUESTA LETTERA A QUESTA NON PERSONA...!  ESISTE UN VECCHIO DETTO CHE DICE: La madre dei cretini è sempre incinta, FORSE QUESTO è UNO DI QUELLI!! ABBIAMO VOLUTO RENDERE PUBBLICA QUESTA LETTERA PER FARVI COMPRENDERE CHE NON SIAMO TUTTI UGUALI. Purtroppo c'è gente che non conosce cosa significa sensibilità, amore, rispetto, dolore. L'egoismo riesce e crea MOSTRI, e magari noi non c'e ne accorgiamo.   

Sito ufficiale http://www.cerchiamodenise.it - Blog ufficiale http://informazione.cerchiamodenise.it - Forum bacheca http://friends.cerchiamodenise.it - Fotoalbum http://fotoalbum.cerchiamodenise.it  

 

Questi sono i nostri profili Facebook per Denise, "grazie per tutti i commenti solidali e per il calore umano che state dimostrando, ho voluto che siate voi a dare una risposta a questo scempio, facendo la differenza all'indifferenza di alcuni. Vi abbraccio tutti virtualmente. Grazie per esserci!! ♥♥♥" .....continuate e diffondete.  - Missing Denise Pipitone Mp - Missing Denise MpFans Missing Denise Pipitone Mp  -  Missing Denise Mp - cerchiamodenise.it - Gruppo fondato da Piera Maggio - Missing Children Denise Pipitone -
clicca qui

 
Per lasciare commenti andate sulla bacheca del Forum/Pour tous ceux qui aimeraient envoyer un message de solidarité à la fillette, le forum est actif http://friends.cerchiamodenise.it . Amici di Denise/Denise's friends"


Mercoledi, Novembre 23, 2011

"Fare informazione errata non aiuta Denise, complica la sua ricerca"
(COMUNICAZIONE) Mazara del Vallo 23/11/2011 - Piera Maggio, chiede gentilmente che ogni professionista del settore,  giornalista, crinimologo, opinionista ecc.. sia in grado di parlare del caso Denise, perchè conosce bene la vicenda nel dettaglio, evitando così di fare girare notizie errate o forvianti sulla sorte della piccola, le opinioni personali poichè non sono cooerenti con i fatti reali accertati, non riguardano il caso in sè, quindi se ne consiglia la non diffusione. "Fare informazione errata non aiuta Denise, non aiuta il bambino scomparso e complica la sua ricerca". Grazie (Piera Maggio) 


Martedi, Novembre 22, 2011
Aiutaci ad aiutare Denise
AIUTACI A DIFFONDERE QUESTO VIDEO E IL SUO MESSAGGIO, CONDIVIDI E FAI CONDIVIDERE I TUOI AMICI! VI CHIEDIAMO DI AIUTARE LA RICERCA DI DENISE ♥ DIAMO VOCE AD UNA BIMBA CHE NON PUO' CHIEDERE AIUTO!!.AIUTACI AD AIUTARE DENISE A RITORNARE A CASA, DIFFONDI QUESTO VIDEO E MESSAGGIO.. grazie da parte di Piera Maggio, a coloro che parteciperanno a questa iniziativa ♥♥  "SE LA GENTE USASSE IL CUORE SEGUIREBBE UN ORIZZONTE MIGLIORE, TROPPA INDIFFERENZA C'E', PROVA A VINCERLA TU! PUOI AIUTARCI SE VUOI!" ♥♥ . GRAZIE

CANALE UFFICIALE SU YOU TUBE PER DENISE, denisepipitone04 VIDEO MONTAGGIO REALIZZATO DA PIERA MAGGIO. http://www.youtube.com/user/denisepipitone04?feature=mhee#p/u/11/xNbwue4dZnM - http://www.youtube.com/user/denisepipitone04?feature=mhee#p/u/14/y4yw_CHJah0
***
Per lasciare commenti andate sulla bacheca del Forum/Pour tous ceux qui aimeraient envoyer un message de solidarité à la fillette, le forum est actif http://friends.cerchiamodenise.it . Amici di Denise/Denise's friends"


Giovedi, Novembre 17, 2011
Corte di cassazione: applica la

SENTENZA EMESSA DALLA SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE APPLICATA LA "LEGGE DENISE"

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE HA PRONUNCIATO LA SEGUENTE SENTENZA:
LIBERTA' INDIVIDUALE (DELITTI CONTRO LA) - SEQUESTRO DI PERSONA - SOTTRAZIONE DI MINORENNI E DI PERSONE INCAPACI >> Cass. pen. Sez. V, Sent.
(ud. 04-11-2010) 18-02-2011, n. 6220 (Riferimenti normativi COST Art.13 - CP Art.574 - CP Art.605)


http://www.cerchiamodenise.it/web/sentenzacassart605574.pdf 

"LEGGE DENISE" ribattezzata 'Denise', in onore di Denise Pipitone, la bambina sparita da Mazara del Vallo il 1 settembre 2004. È stata infatti la lunga battaglia condotta dalla mamma, Piera Maggio. ART. 605 comma 3 NUOVA FIGURA DI REATO "SEQUESTRO DI MINORENNI" (che amplia l'articolo 605 del codice penale) ART. 574-bis NUOVA FIGURA DI REATO "SOTTRAZIONE DI MINORE" da parte di uno dei due genitori e il trattenimento all'estero del bimbo e che introduce un articolo 574-bis al codice penale. - GAZZETTA UFFICIALE N. 170 del 24 luglio 2009 - Supplemento ordinario n. 128 - Modifiche apportate al codice penale art. 605 e nuovo inserimento art. 574-bis

     

Piera Maggio si è incatenata e ha fatto lo sciopero della fame davanti al Quirinale il 26/10/2007 giorno del Settimo Compleanno di Denise, per ottenere l'approvazione della "LEGGE DENISE".
***
Per lasciare commenti andate sulla bacheca del Forum/Pour tous ceux qui aimeraient envoyer un message de solidarité à la fillette, le forum est actif http://friends.cerchiamodenise.it . Amici di Denise/Denise's friends"

Su Facebook ci troviamo sui seguenti: Missing Denise Pipitone Mp http://it-it.facebook.com/people/Missing-Denise-Pipitone-Mp/1286693723 -
(Personaggio Pubblico)
Missing Denise Mp https://www.facebook.com/pages/Missing-Denise-Mp/267407019966273?skip_nax_wizard=true
clicca qui


Mercoledi, Novembre 09, 2011

E' VERAMENTE VERGOGNOSO E INCIVILE il comportamento di chi si nasconde dietro la menzogna non curanti della vita di una bambina, perfino dichiarando che i verbali letti e sottoscritti dagli stessi davanti alle autorità, qualche giorno dopo il sequestro di Denise, siano falsi. NON CI SONO PAROLE PER COMMENTARE TALI COMPORTAMENTI, ma di una cosa sono certa che in questo procedimento Denise, tanti padri, madri e nonni, si porteranno sulla coscienza durante vita, la sorte di una piccola bimba di nome DENISE PIPITONE. " MI CHIEDO SE TALI PERSONE POSSONO ESSERE CHIAMATI VIGLIACCHI"  (Piera Maggio)
***
08/11/2011 - PROCESSO DENISE, richiesta l'incriminazione per falsa testimonianza per i due test. I testi citati sono stati i coniugi Grazia Marrone e Nicasio Pinta , infermierii e colleghi di Maria Rosa Pulizzi (sorella del padre naturale della bimba, Piero Pulizzi), caposala nel reparto di Psichiatria dell'ospedale di Mazara del Vallo, hanno negato di avere rapporti con quest'ultima, ma smentiti dai tabulati telefonici. Entrambi, incalzati dal pm e dagli avvocati, si sono avvalsi di molti, troppi, "non ricordo", al punto che l'avvocato Giacomo Frazzita ha chiesto alla Procura di intervenire avviando un procedimento per falsa testimonianza.
Ascolta il servizio TG sud 08/11/2011 (wma) -  Ascolta il servizio TG sud 08/11/2011 (mp3)

 


La madre di Denise: «Da troppo tempo
mi viene impedito di amare mia figlia»
«Da troppo tempo è stato privato alla mia bambina il diritto di amare la sua mamma, e a me il diritto di amare e coccolare mia figlia. Mi auguro che la burocrazia non rallenti la giustizia, spero che il nuovo presidente del tribunale di Marsala non permetta che ciò accada». Lo ha detto oggi Piera Maggio, mamma della piccola Denise Pipitone, a margine dell'udienza del processo 08/11/2011, per il rapimento della figlia avvenuto l'1 settembre del 2004.

Per lasciare commenti andate sulla bacheca del Forum/Pour tous ceux qui aimeraient envoyer un message de solidarité à la fillette, le forum est actif http://friends.cerchiamodenise.it . Amici di Denise/Denise's friends"


 

Martedi, Novembre 08, 2011
Denise: tredicesima udienza del processo


DENISE: TREDICESIMA UDIENZA, DOPO UNA LUNGA PAUSA SI RITORNA IN AULA.

Mazara del Vallo, 08/11/2011
. Si terrà oggi presso il Tribunale di Marsala, la tredicesima udienza del processo per il rapimento di Denise, che vede imputati la sorellastra Jessica Pulizzi 24 anni, per sequestro di minorenne e il suo ex-ragazzo italo-tunisino, Gaspare Ghaleb 26 anni, per falsa testimonianza ai PM. La soluzione del caso giudiziario è affidata alla possibilità per i magistrati di far luce sui fatti avvenuti dopo quel tragico 1 settembre 2004 quando la bambina fu rapita davanti alla sua abitazione. In questi anni Piera Maggio, la madre di Denise, che non ha mai perso la speranza di riabbracciare la figlia, ha lottato strenuamente per le ricerche ma esprime la sua frustrazione per i lunghi tempi giudiziari: "da troppo tempo alla mia bambina le è stato privato il diritto di amare la sua mamma, e a me il diritto di amare e coccolare mia figlia, mi auguro che la burocrazia non rallenti la giustizia, spero che il nuovo presidente del tribunale di marsala non permetta che ciò accada".

Ufficio Pubblica Informazione
Associazione Cerchiamo Denise
ufficiostampa@cerchiamodenise.it


 

Giovedi, Novembre 03, 2011

" Album cerchiamodenise.it"

visita il fotoalbum: http://fotoalbum.cerchiamodenise.it


 

Lunedi, Ottobre 31, 2011

Domenica, Ottobre 30, 2011
MINORI SCOMPARSI: APPELLO LANCIATO DA PIERA MAGGIO DALL'EUROPARLAMENTO BRUXELLES.       
video TG1: http://www.youtube.com/watch?v=CDa3YPUUWuU&feature=related 


Bruxelles, incontro con gli onorevoli vicepresidenti del Parlamento Europeo: Angelilli, Pittella, McMillan-Scott, il vicepresidente della commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni, On. Jacolino e Piera Maggio. 


 

Venerdi, Ottobre 28, 2011
Piera Maggio: ringrazia per la partecipazione


"COMPLEANNO DENISE, COMPIE 11 ANNI"
PIERA MAGGIO, RINGRAZIA DAL PROFONDO DEL CUORE, TUTTI VOI PER L'AFFETTO E IL PENSIERO DIMOSTRATO. "SENTIRVI VICINI AL NOSTRO DOLORE NON PUO' CHE DARCI ANCORA PIU' FORZA PER ANDARE AVANTI NELLA RICERCA DI DENISE, GRAZIE!".
Compleanno Denise, 26 ottobre 2011, manifestazione del tema"DOV'E' DENISE?" intervista: http://www.dailymotion.com/video/xlyr7m_2011-10-26-denise-pipitone-compleanno_news

Per scrivere commenti andate sulla bacheca del Forum/Pour tous ceux qui aimeraient envoyer un message de solidarité à la fillette, le forum est actif http://friends.cerchiamodenise.it . Amici di Denise/Denise's friends"

Su Facebook ci troviamo sui seguenti profili: Fans Missing Denise Pipitone Mp http://www.facebook.com/missing.d.mp#!/pages/Fans-Missing-Denise-Pipitone-Mp/301565724282 oppure (Gruppo) Missing Denise Pipitone Mp (Una Mano in Più)
http://www.facebook.com/missing.d.mp#!/group.php?gid=80318663328
Missing Denise Pipitone Mp
http://www.facebook.com/missing.d.mp#!/missing.d.mp



 

Martedi, Ottobre 25, 2011
Denise: domani la bambina compirà 11 anni
 Domani Denise, la bambina compirà 11 anni
Mazara del Vallo, 25-10-2011.
Domani 26 Ottobre Denise compirà 11 anni. Sono passati ormai sette anni da quando quel tragico 1 Settembre 2004 è stata rapita davanti alla sua abitazione e la città di Mazara del Vallo in collaborazione con numerose importanti associazioni  intende ricordare la piccola scomparsa con una manifestazione per i bambini che si terrà a Piazza Macello alle ore 09.00 presso i locali della scuola "Luigi Pirandello". E' stato infatti indetto nelle ultime settimane un concorso a premi per gli alunni di 5' elementare e di 1' media con tema "Aspettando Denise". L'evento viene considerato in modo positivo da Piera Maggio, la madre di Denise, che commenta "Considero molto positivamente ogni attività a favore di Denise, e in special modo in questo caso apprezzo il nome dato alla manifestazione, in quanto qui non vogliamo commemorare una persona, ma chiedere con forza che ritorni a casa perchè siamo certi che è viva". Nel pomeriggio alle ore 17:00 si terrà presso l'aula consiliare "31 Marzo 1946" un incontro sul tema "Dov'è Denise?", con la presenza di Piera Maggio, del legale della famiglia Giacomo Frazzitta e del generale Luciano Garofano, ex comandante dei RIS di Parma. Le numerose attività svolte a favore delle ricerche dei minori nel corso degli anni hanno contribuito nel tempo a fornire alla signora Maggio, pur sempre madre di una bambina scomparsa, anche una formazione specifica che si profila in una attività di consulente per queste particolari tipologie di attività, ed oggi tale sarà l'incarico da lei svolto durante la conferenza. Nella giornata odierna avrebbe dovuto svolgersi una udienza del processo a carico di Jessica Pulizzi, sorellastra di Denise, ma per impedimento di uno dei componenti del collegio sarà rinviata.
Per ulteriori approfondimenti:
 sito web:     http://www.cerchiamodenise.it
blog:           http://informazione.cerchiamodenise.it
 
Ufficio Pubblica Informazione
Associazione Cerchiamo Denise
ufficiostampa@cerchiamodenise.it


 

Venerdi, Ottobre 21, 2011

"BUON COMPLEANNO DENISE"
26 ottobre 2011
Invito a partecipare all'incontro che si terrà presso l'Aula Consiliare
"31 Marzo 1946" Mazara del Vallo (TP)
sul tema
"DOV'E' DENISE?"

 

Giovedi, Ottobre 13, 2011
ASPETTANDO DENISE


MAZARA DEL VALLO -
 Il 26 Ottobre 2011 Denise Pipitone compie 11 anni. Ormai sono 7 anni che manca da casa, dai suoi affetti familiari,dalle sue cose più care. Noi tutti Clubs Service di Mazara del Vallo, Lions, Fidapa, Fildis, Rotary e Kiwanis SATIRO ci siamo uniti affinché questa giornata sia dedicata interamente a Denise.
Facciamo si che la città alimenti ancora la speranza e l'interesse affinché Denise possa riabbracciare i suoi cari.
Il 26 Ottobre 2011, abbiamo la volontà di esserci pure noi.
"Nessun uomo e' tanto alto come quando si china ad aiutare un bambino" (Abramo Lincoln.)
Programma:
Concorso per le classi di 5°elementare e di 1°media.
Gli alunni potranno elaborare un tema o un disegno o una poesia sul tema "aspettando Denise" (tempo ultimo di consegna 19/10/2011).
Una apposita commissione formata da gente esperta, docenti e rappresentanti dei clubs service, valuterà gli elaborati affinché possa essere premiata la migliore composizione delle singole aree.
Ogni bambino vincitore delle rispettive composizioni avrà un buono di euro 100, da spendere come libri o materiale inerente l'attività di studente.
La premiazione avverrà durante il convegno che si svolgerà presso l'aula consiliare del comune di Mazara del Vallo il 26 ott. 2011 alle ore 17.
Interverranno come relatori la sig.ra Piera Maggio, l'avvocato Giacomo Frazzitta, legale della famiglia Maggio, l'assessore alla legalità Riccardo La Rosa e il generale Luciano Garofano ex comandante RIS di Parma.
Durante la mattinata verrà svolta una manifestazione con la scuola "L.Pirandello" presso i locali di piazza Macello ore 10′30.
Il presidente Lions di Mazara del Vallo
Giuseppe Gabriele


 

Sabato, Ottobre 08, 2011
Denise: il sostegno di Piera Maggio a Irina Lucidi


Denise: il sostegno di Piera Maggio a Irina Lucidi

(INFORMAZIONE) Mazara del Vallo, 8 Ottobre 2011. La madre di Denise Pipitone, la bimba scomparsa a Mazara del Vallo il 1' Settembre 2004, augura alla signora Irina Lucidi, mamma delle due gemelline Alessia e Livia, "di non perdere mai la speranza nonostante le circostanze negative sulla sorte delle sue amate bimbe". "Deve trovare la forza per andare avanti" commenta Piera Maggio - "e spero che anche lei riesca a lottare ed ottenere per la Svizzera nuove forme legislative per il sequestro di persona". Italia fu proprio la stessa signora Maggio, grazie alla tenace lotta per tutelare tutti i bambini, ad ottenere nel 2009 l'inserimento di due nuovi articoli del codice penale, nuove figure di reato, "sequestro di minorenni" l'art. 605 comma 3 e l' art.574 bis del codice penale "sottrazione di minore" che prima non esistevano, e che oggi grazie agli incontri al parlamento europeo a Bruxelles per la promozione di una task force internazionale per le ricerche dei minori scomparsi, vengono proposte anche a livello internazionale. L'Italia, e forse a breve anche la Svizzera, sarebbero quindi in ambito europeo gli unici paesi ad aver varato leggi che tutelano specificamente i minori per i sequestri senza scopo di estorsione. http://www.cerchiamodenise.it/associazione/nuovoreato.pdf

Ufficio Pubblica Informazione
Associazione Cerchiamo Denise
ufficiostampa@cerchiamodenise.it



"LEGGE DENISE"  ribattezzata  'Denise', in onore di Denise Pipitone, la bambina sparita da Mazara del Vallo il 1 settembre 2004. È stata infatti la lunga battaglia condotta dalla mamma, Piera Maggio, a convincere il ministro della Giustizia, Angelino Alfano, ad affrontare la questione del reato di sequestro di minore che non era previsto dal codice penale. A sostenere Piera Maggio, il suo legale Giacomo Frazzitta e l'On.le  Barbara Mannucci, prima firmataria dell'emendamento pacchetto sicurezza. 

ART. 605 comma 3 NUOVA FIGURA DI REATO "SEQUESTRO DI MINORENNI" (che amplia l'articolo 605 del codice penale) prevede che, in caso di sequestro di minore, "si applica la pena della reclusione da 3 a 12 anni", se il bimbo ha tra i 15 ed i 18 anni. Se il minore ha anni 14 o meno o se "è condotto o trattenuto all'estero", si applica una pena da 3 a 15 anni. La pena prevista,  senza la nuova figura di reato  andava  da "6 mesi a 8 anni".
Se il colpevole cagiona la morte del minore sequestrato si applica la pena dell'ergastolo. Le pene previste dal terzo comma sono altresì diminuite fino alla metà nei confronti dell'imputato che si adopera concretamente.

ART. 574-bis NUOVA FIGURA DI REATO  "SOTTRAZIONE DI MINORE" da parte di uno dei due genitori e il trattenimento all'estero del bimbo e che introduce un articolo 574-bis al codice penale.
"Chiunque sottrae un minore al genitore esercente la potestà dei genitori o al tutore, conducendolo o trattenendolo all'estero contro la volontà del medesimo genitore o tutore" è punito "con la reclusione da 1 a 4 anni", spiega il testo. E ancora, se il fatto avviene ai danni di un minore che ha più di 14 anni e con il suo consenso "si applica la pena della reclusione da 6 mesi a 3 anni". Se a sequestrare è uno dei due genitori la condanna comporta la sospensione dall'esercizio della potestà genitoriale.
GAZZETTA UFFICIALE N. 170 del 24 luglio 2009 - Supplemento ordinario n. 128

Modifiche apportate al codice penale art. 605 e nuovo inserimento art. 574-bis

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE HA PRONUNCIATO LA SEGUENTE SENTENZA:
LIBERTA' INDIVIDUALE (DELITTI CONTRO LA) - SEQUESTRO DI PERSONA - SOTTRAZIONE DI MINORENNI E DI PERSONE INCAPACI  >>  Cass. pen. Sez. V, Sent. (ud. 04-11-2010) 18-02-2011, n. 6220 (Riferimenti normativi COST Art.13 - CP Art.574 - CP Art.605)  http://www.cerchiamodenise.it/web/sentenzacassart605574.pdf



(traduction française)
Mazara del Vallo, 8 Octobre, 2011.
La mère de Denise Pipitone, la petite fille disparue à Mazara del Vallo le 1 septembre 2004, souhaite à Mme Irina Lucidi, mère de jumelles Alessia et Livia, «de ne jamais perdre espoir malgré les circonstances négatives sur le sort de ses filles bien-aimés ». «Elle doit trouver la force d'avancer", a déclaré Piera Maggio - "et j'espère qu'elle sera en mesure de s...e battre et obtenir de changements pour la Suisse pour les lois relatives à l' enlèvement." En Italie,Piera Maggio a été la femme qui, grâce à la lutte tenace pour protéger tous les enfants, a obtenu l'inclusion en 2009 d'un nouveau type de crime, "enlèvement de mineurs" et "bis art.574 du Code pénal" soustraction mineur »qui n'existaient pas avant, et maintenant grâce aux rencontres au Parlement européen à Bruxelles pour la promotion d'une task force internationale pour les recherches d'enfants disparus, sont également proposées à un niveau international. Italie, et peut-être bientôt aussi en Suisse, puis en Europe seraient les seuls pays à avoir des lois qui protègent spécifiquement les enfants sans une saisie à des fins d'extorsion.

 

Venerdi, Ottobre 07, 2011

Archivio Blog Gen 2007 - Dic 2007 - Archivio Blog Gen 2008 - Dic 2008 - Archivio Blog Gen 2009 - Dic 2009 - Archivio Blog Gen 2010 - Dic 2010

Per ogni dettaglio relativo al caso di Denise, sono consultabili i siti ufficiali: http://www.cerchiamodenise.it    e   http://informazione.cerchiamodenise.it Inoltre per coloro che intendano inviare un messaggio di solidarietà per la bimba, è attivo il forum:  http://friends.cerchiamodenise.it  /- FotoAlbum Denise: http://fotoalbum.cerchiamodenise.it -  (Associazione "Cerchiamo Denise" onlus) http://www.cerchiamodenise.it/associazione/asscerchiamodenise.htm  /- You Tube Denise Pipitone: http://www.youtube.com/user/denisepipitone04  -
***
Se vuoi contribuire in aiuto a Denise, puoi farlo anche tu, vai su:
Iniziative pubbliche per Denise segui semplicemente le istruzioni. Ringraziamo anticipatamente coloro che parteciperanno all'iniziativa.
Nessuno è inutile a questo mondo se alleggerisce un pò il fardello altrui. Charles Dickens (1812 - 1870)
***
Per scrivere commenti andate sulla bacheca del Forum/Pour tous ceux qui aimeraient envoyer un message de solidarité à la fillette, le forum est actif http://friends.cerchiamodenise.it . Amici di Denise/Denise's friends"

Su Facebook ci troviamo sui seguenti profili: Fans Missing Denise Pipitone Mp http://www.facebook.com/missing.d.mp#!/pages/Fans-Missing-Denise-Pipitone-Mp/301565724282 oppure (Gruppo) Missing Denise Pipitone Mp (Una Mano in Più)
http://www.facebook.com/missing.d.mp#!/group.php?gid=80318663328
Missing Denise Pipitone Mp
http://www.facebook.com/missing.d.mp#!/missing.d.mp



 

Domenica, Settembre 04, 2011

LETTRE OUVERTE AUX PARENTS D'ENFANTS DISPARUS OU VIOLES.

Chers Parents,
La personne qui vous écrit est une mère qui souffre comme vous tous. Ma douleur est celle d'avoir perdu une fillette soustraite d'une main ignoble arrachant les droits de ma petiote et l'éloignant de l'affection des siens. Je m'adresse à vous, parents qui avez subi l'enlèvement d'un fils mineur ou qui avez subi la tragédie d'une disparition suivie du meurtre de votre petit. Seul celui qui a subi et qui subit la même douleur dramatique chaque jour depuis sept ans ne me faisant plus vivre, seul celui-ci peut comprendre que mon cri est un cri de réelle souffrance. J'ai toujours cherché à lutter pour ramener ma fille à la maison et pour connaître la vérité sur ce qu'il lui est arrivé. Vous comme moi, avez subi le tort le plus grand qu'une personne puisse connaître, celui d'avoir vu violer ses propres enfants sans aucun motif. Un mal aveugle et pervers qui les a frappé et que nous aurions souhaité qu'il nous frappe nous au lieu de ses pauvres créatures. Mais nous chaque jour, nous sommes ici, survivants à eux ou désespérément à leur recherche. Je voudrais vous demander à tous de vouloir donner un sens à l'injustice que vous avez subie et de constituer un comité pour la promotion d'une task force internationale pour la recherche des mineurs disparus. J'ai beaucoup travaillé avec mes collaborateurs pour chercher à créer des nouveaux horizons et pour ne jamais perdre espoir, je vous demande donc aujourd'hui d'être unis et de vaincre la résistance qu'un simple parent peut rencontrer dans sa tentative désespérée de changer les choses. Considérez, si vous le voulez, le mal qui nous a frappé comme une maladie rarissime: si nous ne nous unissons pas, nous resterons des cas isolés, des gouttes d'eau, perdues dans notre douleur. Au contraire, unissant nos forces, nous pourrons faire beaucoup et c'est cela que je vous demande. Rapprochez vous de moi. J'attends avec confiance votre réponse.
Je vous salue et vous embrasse affectueusement.

Piera Maggio.

***
Qu'est-ce qu'est la task force internationale pour les recherches de plus petits?
C'est une nouvelle idée intelligente spécifiquement dédiée aux cas des mineurs disparus. C'est un groupe opérationnel composé par gens compétents avec des champs et des métiers différents, aptse à créer et réaliser des initiatives pour les recherches des petits disparus. C'est comme un groupe de travail international en dehors des pouvoirs et des limites d'un seul Etat.

Serait-elle composée des forces de police de différents pays?
Non, ce sont au contraire des professionnels dans différents domaines qui sont en mesure de mettre en ouvre des initiatives extérieures ou de façon complémentaire à la police.

Quel serait le siège de cette organisation?
La ville de Bruxelles, en Belgique.

Les parents d'enfants disparus sont appelés à faire partie de cette organisation?
En principe non, les parents sont appelés à promouvoir le développement de cet organe, de superviser les fonctions (on pense au rôle de garantie pour le bon fonctionnement de l'institution)

Pourquoi soutenir cette initiative?
Parce que c'est un projet complexe qui n'est pas actuellement pris en charge par l'un des états membres de l'UE, mais qui peut être développés avec l'engagement et la collaboration de tous les acteurs et les supporters.

Est-ce que ce type d'organisation devrait être mieux que d'autres dans la recherche?
Parce qu'il est constitué exclusivement pour cela, et pour améliorer l'approche organisationnelle dans les cas de personnes disparues. Les organisations sont quasi inexistantes au niveau européen avec la collaboration et le soutien des parties intéressées (parents) pour les recherches. La capacité à développer des solutions à des problèmes communs de tous les parents d'enfants disparus estfondamenale afin d'identifier et de proposer des solutions possibles aux Etats européens membres de l'Union.


Giovedi, Settembre 01, 2011
Lettera aperta ai genitori dei minori scomparsi o violati

Lettera aperta ai genitori dei minori scomparsi o violati

Cari genitori,

chi vi scrive è una madre che sta soffrendo, proprio come tutti Voi.
Il mio dolore è quello di avere perso una figlia, sottratta da una mano ignobile che ha colpestato i diritti della mia piccina e l'ha portata via dall'affetto dei suoi cari". Mi rivolgo a Voi genitori che avete subito il sequestro di un figlio minorenne o che avete subito la tragedia della sparizione seguita dall'omicidio di un vostro piccino. Solo colui che ha subito e subisce lo stesso drammatico dolore che ogni giorno da sette anni non mi fa più vivere può capire che il mio è un grido di vera sofferenza.
Ho sempre cercato di lottare per portare a casa mia figlia, e per sapere la verità sui fatti che le sono accaduti. Voi come me avete subito il torto più grande che una persona possa ricevere, quello di avere visto violare i propri figli senza alcun motivo. Un male cieco e perverso che li ha colpiti e che mille volte ci saremmo augurati colpisse noi stessi invece delle nostre creature... ma noi oggi siamo rimasti qui, sopravvissuti a loro o disperatamente alla loro ricerca. Vorrei chiedere a tutti Voi di dare un senso all'ingiustizia che avete subito aiutandomi a costituire un comitato per la promozione della task force internazionale per le ricerche dei minori scomparsi. Ho lavorato molto insieme ai miei collaboratori per cercare di creare nuovi orizzonti e non abbandonare mai la speranza, pertanto oggi chiedo a Voi di essere uniti e di vincere le resistenze che un singolo genitore viene ad incontrare nel suo disperato tentativo di cambiare le cose. Considerate se volete il male che ci ha colpito come una malattia rarissima: se non ci uniamo rimarremo casi isolati, gocce nel mare e persi nel nostro dolore.
Invece unendo le nostre forze possiamo fare molto ed è questo che vi chiedo. Mettetevi in contatto con me, attendo con fiducia una vostra risposta.

Vi saluto e vi abbraccio calorosamemente.

Piera Maggio.

* *

Che cosa è la task force internazionale per le ricerche di minori?
E' una nuova idea di intelligence mirata specificamente ai casi dei minori scomparsi. E' un gruppo operativo composto da persone competenti in campi e professioni diverse, in grado di creare e attuare iniziative per le ricerche dei minori scomparsi. E' internazionale in quanto lavora al di fuori delle competenze e dei limiti di un singolo stato.

E' composta da forze di polizia di diversi paesi?
No, si tratta al contrario di professionisti provenienti da ambiti diversi in grado di attuare piani di ricerca al di fuori o in modo complementare alle forze di polizia.

Quale sarebbe la sede di questa organizzazione?
La città di Bruxelles, in Belgio.

I genitori dei minori scomparsi sono chiamati a far parte di questa organizzazione?
In linea di massima no, i genitori sono chiamati a promuovere lo sviluppo di questo organismo, supervisionandone le funzioni (si pensa ad un ruolo di garanzia per il buon funzionamento dell'ente)

Perché occorre sostenere questa iniziativa?
Perché si tratta di un progetto complesso che allo stato attuale non è supportato da alcuno degli stati membri dell'Unione Europea, ma che si può sviluppare con l'impegno e la collaborazione di tutti gli interessati e i simpatizzanti.

Perché questo tipo di organizzazione dovrebbe risultare migliore di altre nelle ricerche?
Perché viene costituta esclusivamente per questo, e per migliorare l'approccio organizzativo nei casi degli scomparsi. Sono quasi inesistenti le organizzazioni che a livello europeo si avvalgono della collaborazione e del sostegno dei diretti interessati ( i genitori ) per le ricerche. La capacità di sviluppare soluzioni ai problemi di comune esperienza di tutti i genitori dei minori scomparsi è fondamentale per individuare e proporre possibili soluzioni agli stati membri dell'Unione Europea.

 

DENISE: la madre chiede il sostegno degli altri genitori dei minori scomparsi
(INFORMAZIONE) Mazara del Vallo, 1 Settembre 2011. Oggi è il primo di Settembre, triste anniversario per la cittadina di Mazara del Vallo in provincia di Trapani. Infatti sette anni fa la piccola Denise venne rapita davanti alla sua abitazione senza più lasciare traccia. Le ricerche della bambina fino ad oggi non hanno portato ad un esito positivo, anche se la speranza di avere notizie della minore è sempre nel cuore di tutti gli italiani.
La madre, Piera Maggio, che instancabilmente ha organizzato iniziative che hanno portato nel corso del tempo a far conoscere i tratti somatici della bambina in tutto il mondo, da un anno ha lanciato una importante proposta rivolta agli stati europei, per la costituzione di una task force internazionale per le ricerche dei minori scomparsi. L'appello ha avuto seguito con un incontro qualche mese fa presso la commissione europea a Bruxelles. Oggi, dopo diversi preparativi, la madre di Denise lancia un appello a tutti i genitori europei che hanno subito il sequestro o una tragica violenza sui figli minori, affinchè insieme possano realizzare un comitato di promozione per il lancio della task force. L'iniziativa verte a conglobare in una sola istanza tutte le richieste formulate da molti genitori europei nel corso degli anni al fine di ottenere concreti risultati e un approccio più pragmatico alla materia dei minori scomparsi o violati. "Credo che sia nell'interesse di coloro che hanno subito il dramma della scomparsa di un figlio cercare di lavorare per un fine comune" commenta Piera Maggio, " non già per sensibilizzare l'opinione pubblica che è molto attenta a questi casi, ma per realizzare iniziative mirate unendo le forze di ciascuno".
In una lettera aperta sul blog cerchiamodenise.it la madre di Denise chiede pertanto la collaborazione di chi "ha subito e subisce lo stesso drammatico dolore che ogni giorno da sette anni non mi fa più vivere".
http://informazione.cerchiamodenise.it/

Ufficio Pubblica Informazione
Associazione Cerchiamo Denise
ufficiostampa@cerchiamodenise.it



Denise, Piera Maggio: "Sono trascorsi sette anni e sono sempre più amareggiata"
Mazara Del Vallo (Trapani), 31/8/2011 - "Sono trascorsi sette anni dalla scomparsa di mia figlia e per me da allora è sempre l'1 settembre. Amo Denise più della mia vita e mai nessuno riuscirà a dividerci". Parla con il cuore affranto Piera maggio, la madre di Denise Pipitone, rapita quando aveva 4 anni, l'1 settembre 2004 davanti casa a Mazara del Vallo. "La mia amarezza - prosegue - è che le persone coinvolte non sono state indagate nell'immediatezza del fatto, circostanza che avrebbe potuto permettere di ritrovare Denise in breve tempo. Invece, non sono stata ascoltata. Ora c'è un processo che va avanti lentamente e con una verità ancora da accertare". Domani Piera Maggio dal sito cerchiamodenise.it lancerà la proposta ai genitori di tutta Europa di minori scomparsi o violati di costituire un comitato europeo che si possa occupare anche delle ricerche dei bambini. "Noi genitori - conclude - rimaniamo sempre in disparte rispetto a certe iniziative organizzate dagli altri e allora è bene che ci si muova in prima persona. I bambini scomparsi vanno ricordati tutto l'anno e non solo in concomitanza con date particolari come quelle dei rapimenti".

Martedi, Luglio 19, 2011
Piera Maggio: ''Addolorata da bugie raccontate in Aula''

  www.cerchiamodenise.it Home Page siti ufficiali: www.cerchiamodenise.org

Caso Denise, Piera Maggio: ''Addolorata da bugie raccontate in Aula''
12/07/2011 - "Ho notato nei miei confronti una sostanziale mancanza di rispetto, che in alcuni casi sfocia in veri e propri attacchi verbali da parte degli imputati. Sembra che nessuno si renda conto di trovarsi davanti ad una madre che da sette anni cerca una figlia. Nelle udienze tutto sembra ormai meccanico, burocratico, si e' perso di vista il lato umano, ossia che si parla di una bimba sequestrata e strappata ai genitori". A dirlo all' (Adnkronos) e' Piera Maggio, la madre della piccola Denise Pipitone, sparita nel nulla a Mazara del Vallo (Trapani) il primo settembre del 2004.
Durante una pausa della dodicesima udienza del processo per il sequestro della bimba in corso al Tribunale di Marsala, mamma Piera si sfoga. "Gli investigatori svolgono al meglio il loro lavoro - dice - e anche la gente comune non mi ha fatto mai mancare attestati di solidarieta'. Ovviamente piu' passa il tempo piu' c'e' un fisiologico calo di attenzione, ma quello che piu' mi addolora e' ascoltare in aula le bugie che vengono dette".
Nel processo sono imputati la sorellastra di Denise, Jessica Pulizzi, per sequestro di minorenne e il suo ex ragazzo Gaspare Ghaleb per falsa testimonianza ai pm. Dall'inizio del procedimento Piera Maggio non ha mai perso un'udienza.
"Venire qui - ammette - mi prostra e ogni volta al termine della giornata mi sento spossata, ferita, perche' provo un dolore immenso nel vedere questa gente mentire, raccontare episodi puntualmente smentiti da riscontri e tabulati, assumere atteggiamenti irrispettosi ed incivili nei confronti di una madre che soffre ogni giorno per la mancanza della sua bambina. Ma io - conclude - non posso arrendermi e non lo faro' mai fino a quando non verra' alla luce la verita'".
Rinviata alla prossima udienza il 25 ottobre, l'esame di Anna Corona, la madre di Jessica, sorellastra di Denise, imputata per il rapimento, e dell'altra figlia Alice Pulizzi.


 

Mercoledi, Luglio 13, 2011
Troppe le contraddizioni da parte di Maria Rosa Pulizzi, sor...

Denise, il carrozziere racconta "Vidi una donna fuggire a gran velocità"
12 luglio 2011 -  Nel processo per il rapimento di Denise Pipitone, sparita da Mazara del Vallo l'1 settembre 2004, ha deposto questo pomeriggio, al tribunale di Marsala, anche un carrozziere di 50 anni, Andrea Gitto. Il giorno del sequestro stava lavorando all'esterno della sua officina, in via della Pace, non lontano dal luogo del rapimento, quando ha visto una "Ford Fiesta blu scura metallizzata, guidata da una donna bionda con una sfumatura rossa, di età tra i 35 e ai 45 anni, proveniente da via Mongiolisi.
Ha sbattuto contro il marciapiede all'angolo con via della Pace nel tentativo di svoltare a forte velocità. Poi ha proseguito sulla strada sterrata". Interrogato dal pm Giacomo Brandini ha rivelato che la prima parte della targa conteneva le lettere AF, pur precisando che "non si tratta di un ricordo, ma di una deduzione basata sull'anno di immatricolazione di quel modello di Ford Fiesta".
Una circostanza contestata dal legale di Piera Maggio, Giacomo Frazzitta, secondo cui il carrozziere, semmai, avrebbe potuto dedurre l'anno di immatricolazione dalla targa e non viceversa. Al teste è stato sottoposto un album fotografico di donne, ma non ne ha riconosciuta nessuna. Il carrozziere ha poi proseguito: "Dopo l'incidente Maria Rosa Pulizzi (sorella di Pietro, padre naturale di Denise, ndr) si fermò con un'Audi 80 e mi disse: 'Se vedi Pietro digli che e' sparita una bambina'. E proseguì in via della Pace".
Parole che contrastano con la versione fornita stamane dalla donna che aveva detto di avere appreso lei dal carrozziere la sparizione della bimba
. Rinviata alla prossima udienza l'esame di Anna Corona, la madre di Jessica, la sorellastra di Denise imputata per il rapimento, e dell'altra figlia, Alice.

*** Si è contraddetta più volte, oggi in aula, la testimone Maria Rosa Pulizzi, sorella di Piero Pulizzi, padre naturale di Denise. la sue dichiarazioni risultano contrastanti con quanto ha riferirito un altro testimone, Gitto Andrea. 
Denise: depone la sorella del padre, "non sapevo fosse sua figlia" Marsala (Trapani), 12/7/2011 - Al Tribunale di Marsala nuova udienza del processo per il sequestro di Denise Pipitone. La testimone Maria Rosa Pulizzi, sorella di Piero Pulizzi, padre naturale di Denise, ha avuto un malore durante una pausa dell'udienza. Dopo l'intervento dei sanitari del 118 la donna, infermiera caposala nel reparto di Psichiaria dell'ospedale di Mazara del Vallo, si è sentita meglio e ha continuato la testimonianza: "L'1 settembre 2004 ero in servizio in ospedale. Mi telefonò mio fratello per chiedermi se potevo informarmi se al Pronto soccorso era arrivata una certa Denise Pipitone, che allora non sapevo chi fosse. Io mi informai e gli dissi che non risultava nulla. Poi, quando sono uscita, poco prima delle 15, ho visto degli elicotteri che giravano in cielo. Io pensavo ad una retata, ma una persona mi ha detto che si era persa la figlia di un'amica di mio fratello. Fu mia madre, circa 15 giorni dopo la scomparsa della bambina, a dirmi che Denise era figlia di mio fratello Piero". L'avvocato Frazzitta, legale di parte civile, ha sottolineato che tra la teste e il fratello nel pomeriggio dell'1 settembre ci furono diverse telefonate, ma che purtroppo non erano state ancora disposte le intercettazioni. Nel corso della testimonianza, sia il pm Giacomo Brandini che gli avvocati di parte civile hanno evidenziato contraddizioni con quanto affermato, in fase d'indagine, da altri testi.
E' stato ascoltato come testimone anche Andrea Gitto, il carrozziere la cui officina è a circa 100 metri dal luogo in cui è scomparsa Denise e che vide un'auto fuggire : "L'1 settembre 2004, tra le 12:15 e le 12:30 ero nella mia officina e ho visto arrivare un'auto Ford Fiesta terza serie blu scura metallizzata con iniziali di targa forse AF, e ciò lo desumo dall'anno di immatricolazione di questo tipo di auto, il 1996, guidata da una donna sbattere sul marciapiedi e immettersi in una strada sterrata. Mi ero affacciato fuori perché ho sentito un motore accelerato e odore di bruciato. La donna alla guida aveva i capelli biondi corti alle spalle con una sfumatura rossa. L'auto  proveniva da via Mongiolisi e ha sbattuto all'angolo con via della Pace, che ha più uscite, anche sulla via Salemi, sul fianco del cimitero e verso lo svincolo dell'autostrada. Inizialmente, ho pensato che chi era alla guida si sentiva male. L'ho seguita per un po' con il mio ciclomotore, ma poi il polverone sollevato mi ha impedito di vedere. Dentro l'auto c'era solo una donna. Poi, ho visto Maria Rosa Pulizzi che alla guida della sua Audi 80 si fermò e mi disse: 'Hai visto Piero? la bambina?...' ma non ho capito bene le sue parole. Ho capito cosa era accaduto quando sono andato a casa a mangiare". A margine dell'udienza, l'avvocato Giacomo Frazzitta, legale di parte civile per Piera Maggio, madre di Denise, ha dichiarato: "E' la prima volta che Gitto indica in AF le iniziali della targa della Ford Fiesta blu. Una Ford Fiesta, di un altro colore, era all'epoca l'auto di Anna Corona, la madre di Jessica Pulizzi. Anche la sorella della Corona era proprietaria di una Ford Fiesta, di colore blu ma, di un modello diverso, secondo quanto ha dichiarato il teste. L'udienza e' stata rinviata al 25 ottobre.


Martedi, Luglio 12, 2011
Piera Maggio: ''Addolorata da bugie raccontate in Aula''

Caso Denise, Piera Maggio: ''Addolorata da bugie raccontate in Aula''
Palermo, 12 lug. - (Adnkronos) - "Ho notato nei miei confronti una sostanziale mancanza di rispetto, che in alcuni casi sfocia in veri e propri attacchi verbali da parte degli imputati. Sembra che nessuno si renda conto di trovarsi davanti ad una madre che da sette anni cerca una figlia. Nelle udienze tutto sembra ormai meccanico, burocratico, si e' perso di vista il lato umano, ossia che si parla di una bimba sequestrata e strappata ai genitori". A dirlo e' Piera Maggio, la madre della piccola Denise Pipitone, sparita nel nulla a Mazara del Vallo (Trapani) il primo settembre del 2004.
Durante una pausa della dodicesima udienza del processo per il sequestro della bimba in corso al Tribunale di Marsala, mamma Piera si sfoga. "Gli investigatori svolgono al meglio il loro lavoro - dice - e anche la gente comune non mi ha fatto mai mancare attestati di solidarieta'. Ovviamente piu' passa il tempo piu' c'e' un fisiologico calo di attenzione, ma quello che piu' mi addolora e' ascoltare in aula le bugie che vengono dette".
Nel processo sono imputati la sorellastra di Denise, Jessica Pulizzi, per sequestro di minorenne e il suo ex ragazzo Gaspare Ghaleb per falsa testimonianza ai pm. Dall'inizio del procedimento Piera Maggio non ha mai perso un'udienza.
"Venire qui - ammette - mi prostra e ogni volta al termine della giornata mi sento spossata, ferita, perche' provo un dolore immenso nel vedere questa gente mentire, raccontare episodi puntualmente smentiti da riscontri e tabulati, assumere atteggiamenti irrispettosi ed incivili nei confronti di una madre che soffre ogni giorno per la mancanza della sua bambina. Ma io - conclude - non posso arrendermi e non lo faro' mai fino a quando non verra' alla luce la verita'".
Fonte: http://www.adnkronos.com/IGN/Regioni/Sicilia/Caso-Denise-Piera-Maggio-Addolorata-da-bugie-raccontate-in-Aula_312233487804.html

Rinviata alla prossima udienza il 25 ottobre, l'esame di Anna Corona, la madre di Jessica, sorellastra di Denise, imputata per il rapimento, e dell'altra figlia Alice Pulizzi.

Per scrivere commenti andate sulla bacheca del Forum/Pour tous ceux qui aimeraient envoyer un message de solidarité à la fillette, le forum est actif http://friends.cerchiamodenise.it . Amici di Denise/Denise's friends"
Su Facebook ci troviamo sui seguenti profili: Fans Missing Denise Pipitone Mp http://www.facebook.com/missing.d.mp#!/pages/Fans-Missing-Denise-Pipitone-Mp/301565724282 oppure (Gruppo) Missing Denise Pipitone Mp (Una Mano in Più)
http://www.facebook.com/missing.d.mp#!/group.php?gid=80318663328
Missing Denise Pipitone Mp
http://www.facebook.com/missing.d.mp#!/missing.d.mp


 

DODICESIMA UDIENZA: OGGI IN AULA ANNA CORONA, LA MADRE DELL'IMPUTATA
DENISE: DODICESIMA UDIENZA DEL PROCESSO:
OGGI IN AULA ANNA CORONA, LA MADRE DELL'IMPUTATA JESSICA PULIZZI

Mazara del Vallo, 12/07/2011. Si terrà oggi presso il Tribunale di Marsala, la dodicesima udienza del processo per il rapimento di Denise, che vede imputati la sorellastra Jessica Pulizzi per sequestro di minorenne e il suo ex-ragazzo Gaspare Ghaleb per falsa testimonianza ai PM. In aula Anna Corona, la madre dell'imputata Jessica Pulizzi, sentita dai magistrati per riscontro ai fatti da lei dichiarati nel corso dell'indagine. Per un altro procedimento parallelo, Anna Corona risulta a sua volta indagata per il sequestro di Denise. La donna potrà in questa fase processuale parlare o avvalersi della facoltà di non rispondere. Oltre ad Anna Corona, saranno ascoltati altri testi.
"Questo processo si è allineato sempre più ad un sistema meccanico della giustizia" commenta Piera Maggio, la mamma di Denise, "mentre l'attenzione affettiva verso una bambina che manca da casa da anni va sempre più scemando e dal punto di vista di una madre, questo provoca ulteriore dolore".

Ufficio Pubblica Informazione
Associazione Cerchiamo Denise
ufficiostampa@cerchiamodenise.it


Sabato, Luglio 02, 2011

UN OMAGGIO AD ELISA CLAPS - IL SORRISO DI ELISA, RIMARRA' PER SEMPRE NEL NOSTRO CUORE.
   Oggi si sono svolti i funerali, finalmente dopo 18 anni e' stata restituita la salma di Elisa alla famiglia, adesso possono piangere sul corpo della loro amata. SIAMO TUTTI VICINI AL DOLORE DEI FAMILIARI E DELLA CORAGGIOSA MAMMA FILOMENA. Piera Maggio esprime con commozione e dolore la vicinanza ai familiari di Elisa, in particolare a mamma Filomena, che da sempre si è battuta nella ricerca della sua AMATA FIGLIA. Da oggi Elisa Claps potrà riposare in pace. In molti hanno espresso le sentite condoglianze ai familiari, anche tramite i profili Facebook, di Denise. Piera Maggio informerà i familiari di Elisa, del vostro affetto. Grazie

Per scrivere commenti andate sulla bacheca del Forum/Pour tous ceux qui aimeraient envoyer un message de solidarité à la fillette, le forum est actif http://friends.cerchiamodenise.it . Amici di Denise/Denise's friends"
Su Facebook ci troviamo sui seguenti profili: Fans Missing Denise Pipitone Mp http://www.facebook.com/missing.d.mp#!/pages/Fans-Missing-Denise-Pipitone-Mp/301565724282 oppure (Gruppo) Missing Denise Pipitone Mp (Una Mano in Più)
http://www.facebook.com/missing.d.mp#!/group.php?gid=80318663328
Missing Denise Pipitone Mp
http://www.facebook.com/missing.d.mp#!/missing.d.mp




Giovedi, Giugno 30, 2011

Processo Denise: D'Assaro, "fu nascosta in un ristorante"
Marsala (Trapani), 29/6/2011 - "Dopo essere stata rapita, e prima di essere trasferita a Palermo, la bambina fu portata al ristorante Lo Squalo di Mazara. Me lo disse la mia exmoglie, Rosalba Pulizzi". Lo ha dichiarato, rispondendo all'avvocato di parte civile Luisa Calamia, il pluriomicida Giuseppe D'Assaro, ascoltato, davanti al Tribunale di Marsala, nel processo per il sequestro della piccola Denise Pipitone. Nel ristorante, che secondo quanto raccontato da D'Assaro era di proprietà di una zia della sua ex moglie, e quindi parente anche di Jessica Pulizzi, la bambina sarebbe stata nascosta fino a tarda notte. Il ristorante cessò l'attivita' nel 2008.


Mercoledi, Giugno 29, 2011
DENISE: UNDICESIMA UDIENZA DEL PROCESSO

DENISE: UNDICESIMA UDIENZA DEL PROCESSO: OGGI IN AULA IL CONTROESAME DI GIUSEPPE D'ASSARO

Mazara del Vallo, 29/06/2011 - Si terrà oggi presso il Tribunale di Marsala, l'undicesima udienza del processo per il rapimento di Denise, che vede imputati la sorellastra Jessica Pulizzi per sequestro di minorenne e il suo ex-ragazzo Gaspare Ghaleb per falsa testimonianza ai PM. In aula gli avvocati di parte civile e della difesa che faranno il controesame al pentito Giuseppe D'Assaro. Nella scorsa udienza (tenutasi il 25/05/11) lo stesso D'Assaro aveva risposto alle domande del PM Giacomo Brandini, e dell'avvocato Frazzitta, legale di Piera Maggio, dichiarando che aveva saputo dalla ex-moglie Rosaria Pulizzi che la bambina si trovava a Palermo e che l'aveva presa Jessica: "la bambina fu portata a Palermo in auto da mia moglie Rosaria Pulizzi assieme a Jessica". Inoltre rivolgendosi a Piera Maggio, D'Assaro aveva dichiarato "Non so dove sia Denise. Finora ho detto la verità, ma tutte le altre cose che ho raccontato dopo il 2007 sono fesserie, come a esempio il fatto che la bambina era morta; non lo so io, non l'ho mai vista, l'ho detto solo perchè volevo collaborare. Ho voluto precisarlo oggi perchè è presente la mamma della bambina". Infine il pentito ha aggiunto: "Non so nulla di Sua figlia, mi creda, Le chiedo scusa e perdono se mi sono permesso di dire quelle cose anche gravi; dove si trova Denise lo dovete chiedere a Piero Pulizzi e a sua figlia". Oltre a Giuseppe D'Assaro, in giornata altri due testi citati dovranno essere sentiti: Rosaria Pulizzi, ex moglie di D'Assaro e indagata, e Maria Rosa Pulizzi; entrambe sono zie di Jessica Pulizzi. La prossima udienza si terrà il 12 Luglio.

Ufficio Pubblica Informazione
Associazione Cerchiamo Denise
ufficiostampa@cerchiamodenise.it



Giovedi, Maggio 26, 2011
Denise: sequestrata da Jessica Pulizzi, è quanto emer...

Denise, il supertestimone ritratta in aula "Non so se sia morta, non so dove sia"
Il pluriomicida Giuseppe D'Assaro depone al processo per la scomparsa della bimba di Mazara. Conferma di avere saputo alcune cose dalla moglie, che è sorella del padre naturale di Denise, ma smentisce le sue dichiarazioni che avevano fatto scalpore.

"Quando Denise sparì ero in carcere a Catania. La notizia l'ho appresa in tv e poi me ne parlò mia moglie, Rosaria Pulizzi, in un colloquio. In una lettera, inoltre, mia moglie mi disse 'ti parlero dopo'. Poi, durante un permesso dal carcere, mia moglie mi disse che la 'bambina si trovava a Palermo' e che 'l'aveva presa Jessica'.
Non mi disse chi l'aveva portata a Palermo. Quando ho cercato di saperne di più, mi ha detto: 'Mica posso rovinare mio fratello', riferendosi a Piero Pulizzi (padre naturale di Denise, ndr)".

Parla il pluriomicida Giuseppe D'Assaro davanti al tribunale di Marsala che si sta occupando del sequestro della piccola Denise Pipitone, la bambina rapita a Mazara del Vallo l'1 settembre 2004, quando aveva poco meno di quattro anni. Imputata è Jessica Pulizzi, 24 anni, sorella (per parte di padre) della bambina rapita: è accusata di concorso in sequestro di minorenne. Sul banco degli imputati c'è anche il suo ex fidanzato, Gaspare Ghaleb, 26 anni, italo-tunisino, accusato di false dichiarazioni al pubblico ministero.

"Vedevo che mia moglie aveva paura di parlare, anche se mi diceva che poi mi avrebbe detto come erano andate le cose, ma poi non me lo disse". Così prosegue il racconto di D'Assaro: "I rapporti con la mia ex moglie si sono interrotti quando ho raccontato queste cose".

Figura controversa quella di D'Assaro. Nel dicembre 2007 aveva dichiarato che "Denise era morta dopo la somministrazione di tranquillanti" e poi sarebbe stata "gettata in mare al largo di Palermo". Oggi, in aula, ha ritrattato: "Non so dove sia Denise. Finora ho detto la verità, ma tutte le altre cose che ho raccontato dopo il 2007 sono fesserie, come a esempio il fatto che la bambina era morta; non lo so io, non l'ho mai vista, l'ho detto solo perchè volevo collaborare. Ho voluto precisarlo oggi perchè è presente la mamma della bambina". Rivolto a Piera Maggio, D'Assaro ha aggiunto: "Non so nulla di sua figlia, mi creda, le chiedo scusa e perdono se mi sono permesso di dire quelle cose anche gravi; dove si trova Denise lo dovete chiedere a Piero Pulizzi e a sua figlia".   Il contresame di Giuseppe D'Assaro proseguirà il prossimo 29 giugno. (25 maggio 2011)  Fonte: http://palermo.repubblica.it/cronaca/2011/05/25/news/denise_il_supertestimone_ritratta_in_aula_non_so_se_sia_morta_non_so_dove_sia-16746881/ - http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/cronaca/2011/05/25/visualizza_new.html_845180846.html 

***
Sequestro Denise Pipitone, indagato accusa la zia e la sorellastra

Una domanda a bruciapelo posta dall'avvocato Giacomo Frazzitta, che rappresenta la parte civile di Piera Maggio, "dov'è Denise", ha innescato una lunga precisazione da parte di Giuseppe D'Assaro, 50 anni nel processo per il rapimento di Denise Pipitone, scomparsa all'età di 4 anni da Mazara del Vallo il primo settembre 2004.

"Non so dove sia Denise - ha ammesso l'uomo che in passato si era autoaccusato di avere avuto un ruolo nell'omicidio della piccola - Finora ho detto la verità, ma tutte le altre cose che ho raccontato dopo il 2007 sono fesserie, come a esempio il fatto che la bambina era morta; non lo so io, non l'ho mai vista, l'ho detto solo perchè volevo collaborare. Ho voluto precisarlo oggi perchè è presente la mamma della bambina", ha proseguito il teste.

D'Assaro era sposato con la sorella di Piero Pulizzi, il padre naturale di Denise. Nel procedimento sono imputati la 24enne Jessica Pulizzi, sorellastra di Denise accusata di concorso in sequestro di minore, e il suo ex fidanzato Gaspare Ghaleb, che deve rispondere solo di false dichiarazioni al Pm.

D'Assaro, imputato di reato connesso perchè si è autoaccusato in passato della soppressione del cadavere della piccola Denise, è comparso oggi in aula nella qualità di testimone assistito, dopo una decisione presa dal Tribunale.

Rivolto a Piera Maggio ha aggiunto: "Non so nulla di sua figlia, mi creda, le chiedo scusa e perdono se mi sono permesso di dire quelle cose anche gravi; dove si trova Denise - ha proseguito rivolto alla parte civile - lo dovete chiedere a Piero Pulizzi e a sua figlia".

Nel corso della testimonianza Giuseppe D'Assaro ha anche ricordato che "la bambina fu portata a Palermo in auto da mia moglie Rosaria Pulizzi assieme a Jessica". Il contresame di Giuseppe D'Assaro proseguirà il prossimo 29 giugno, mentre adesso sono in corso altre testimonianze. Inizialmente si era rifiutato di rispondere a qualunque domanda: "Sono stato dichiarato inattendibile dalla procura e quindi è inutile rispondere".

Quando il presidente del Tribunale aveva già iniziato a verbalizzare la trasmissione degli atti alla procura per contestare il reato di falsa testimonianza, D'Assaro ha fatto marcia indietro e ha precisato di voler testimoniare per rispetto di Piera Maggio, madre di Denise.

Il teste che attualmente è detenuto nella casa circondariale di Padova per altri fatti, ha anche sostenuto di essere stato minacciato: "In modo velato, tramite altri detenuti mi è stato detto che mi vogliono fare la pelle, perchè parlo troppo, ma non so se in relazione a questo caso o per altro"      Fonte: http://trapani.blogsicilia.it/sequestro-denise-pipitone-venne-portata-a-palermo/44449/


 

Mercoledi, Maggio 25, 2011
Denise: DECIMA UDIENZA DEL PROCESSO

DENISE: DECIMA UDIENZA DEL PROCESSO. IN AULA GIUSEPPE D'ASSARO
Mazara del Vallo, 25/05/2011 Si terrà oggi presso il Tribunale di Marsala, la decima udienza del processo per il rapimento di Denise, che vede imputati la sorellastra Jessica Pulizzi per sequestro di minorenne e il suo ex-ragazzo Gaspare Ghaleb per falsa testimonianza ai PM. Tra i testi citati dall'accusa sarà in aula Giuseppe D'Assaro, e i familiari di Piero Pulizzi, il padre naturale di Denise.

Ufficio Pubblica Informazione
Associazione Cerchiamo Denise
ufficiostampa@cerchiamodenise.it

Lettera di Piera Maggio per la Giornata Internazionale dei Bambini Scomparsi 25/05/2011
 http://www.cerchiamodenise.it/web/gmbs2011.pdf
Oggi è la giornata mondiale dei bambini scomparsi e mi è stato chiesto di parlare della storia di Denise. Ho ritenuto opportuno specificare quale è il contesto nel quale hanno avuto luogo gli avvenimenti che hanno interessato mia figlia, una bambina che giocava e sorrideva come tante altre e c he amava la sua famiglia, e che un giorno è stata sequestrata davanti a casa, da una mano ignobile. Esiste un tessuto sociale che genera, mantiene e protegge l'illegalità. L'opinione comune in merito al sequestro di minorenni è naturalmente una ferma condanna. Tutti ci dichiariamo colpevolisti quando viene arrestato chi ha violato l'innocenza di un bambino o chi lo ha ucciso. Questo però solo a parole. Nei fatti la paura di essere coinvolti in problemi che non ci riguardano contribuisce ad alimentare le possibilità di azione dei criminali; il nostro silenzio colpevole nasconde e mistifica la realtà di un mostro che sfrutta l'omertà per colpire innocenti; in alcuni casi la mentalità retrograda e ignorante giustifica le azioni di chi commette il male perché pensa di essersi vendicato di un presunto torto subito. E' così che nascono i delinquenti: nascono dalla gente che li circonda, che li fa crescere, che li tollera e che li affianca. Da soli nulla sono e nulla rimangono, invece traggono nella loro forma mentale il pieno supporto da coloro con cui hanno contatti, compresi quelli che pensano di non aver contribuito al male perché hanno voltato la faccia dalla parte opposta. Il non fare è agire a favore, perché questa è una partita che si vince solo con una presa di posizione netta e in controtendenza, non con la piacevole tranquillità delle proprie mura domestiche, che franano senza rimedio quando poi il criminale prende di mira anche noi. L'abbiamo lasciato crescere, e non ci ha "risparmiato" solo perché non ci siamo opposti alla sua esistenza. C'è chi come me, tutti i giorni, combatte non solo con chi mi ha rubato la vita portando via mia figlia, che per me era tutto. Lotto anche e soprattutto con la mentalità che in modo complice e subdolo  giustifica ciò che è successo e con un perbenismo fatto solo di parole sterili e vuote. E' inutile fare bei discorsi e poi far finta di non vedere e di non sentire. Bisogna innanzi tutto chiedersi se esiste un torto così grande che sia pagabile con la vita di una bambina. Ma quale danno mai può richiedere questo prezzo per essere "risarcito"? E così tra l'indifferenza prudente dei molti, chi ha fatto il male cammina tranquillo per strada e si sente autorizzato anche a ridere dei problemi che ha causato, circondato da persone povere di ogni grado di umanità e socialità. Invece di isolare il criminale, egli trova anche la compagnia dei deboli, che si fanno plagiare da questa apparente sicurezza e diventano essi stessi emissari del male. Io non ho paura di guardare in faccia chi mi ha fatto atti di questa efferatezza, ma mi ripugna l'idea di associare il concetto di "essere umano" all'indifferenza di queste persone. A distanza di anni il loro silenzio è sempre più colpevole e la presunta innocenza non può giustificare chi non ha fatto nulla per aiutare una bambina. Sono tanti i bambini del mondo che mancano da casa per colpa di criminali senza scrupoli che non si sono fermati di fronte alla loro innocenza. I bambini scomparsi non hanno la possibilità di chiedere aiuto e quindi dobbiamo essere noi a diventare la loro voce; lo nostre azioni devono restituire loro la speranza di tornare a casa.

Mazara del Vallo 25/05/2011                                                                                                                 Piera Maggio



Vi ringraziamo per tutti i messaggi, sms, lettere di solidarietà e affetto ricevuti - Per scrivere commenti andate sulla bacheca del Forum/Pour tous ceux qui aimeraient envoyer un message de solidarité à la fillette, le forum est actif http://friends.cerchiamodenise.it . Amici di Denise/Denise's friends"

Domenica, Aprile 24, 2011


Auguriamo a tutti Una Buona e Serena Pasqua, con la speranza che una colomba bianca sorvoli tutte le teste dei bambini del mondo, portando loro tanto amore, tanta felicità e tanta ma tanta serenità! auguri di cuore piccolini!
AUGURI DENISE! ♥ ♥ http://www.cerchiamodenise.it
***
Vi ringraziamo per tutti i messaggi, sms, lettere di solidarietà e affetto ricevuti - Per scrivere commenti andate sulla bacheca del Forum/Pour tous ceux qui aimeraient envoyer un message de solidarité à la fillette, le forum est actif http://friends.cerchiamodenise.it . Amici di Denise/Denise's friends"

Su Facebook ci troviamo sui seguenti profili: Fans Missing Denise Pipitone Mp http://www.facebook.com/missing.d.mp#!/pages/Fans-Missing-Denise-Pipitone-Mp/301565724282 oppure (Gruppo) Missing Denise Pipitone Mp (Una Mano in Più)
http://www.facebook.com/missing.d.mp#!/group.php?gid=80318663328
Missing Denise Pipitone Mp
http://www.facebook.com/missing.d.mp#!/missing.d.mp



Giovedi, Aprile 14, 2011

Nona Udienza - Il padre naturale di Denise Pipitone rilancia i sospetti sulla figlia Jessica Pietro Pulizzi: tutto mi sarei aspettato tranne questa mostruosità
Marsala «Quando Giacoma Maggio mi disse che era scomparsa Denise, andai a cercare quasi subito a casa mia, perchè mia figlia Jessica aveva già fatto minacce e anche la mia ex moglie andava in giro con una mia foto da bambino per fare vedere la somiglianza con Denise».
Lo ha ricordato Pietro Pulizzi, autista di 52 anni, padre naturale della bambina, rispondendo alle domande del pm Giacomo Brandini nel corso dell'udienza a Marsala dove si svolge il processo per il sequestro della piccola Denise Pipitone, avvenuto a Mazara del Vallo il primo settembre 2004, quando la bambina aveva poco meno di 4 anni. Per rispondere di concorso in sequestro di minore è tornata oggi in aula la sorellastra di Denise, la 24enne Jessica Pulizzi, che nelle ultime udienze era stata assente. L'ex fidanzato di Jessica, Gaspare Ghaleb di 26 anni, è accusato invece di false dichiarazioni al Pm.
«A casa mia - ha ricordato il teste - cercai ovunque, anche dentro un pozzo; pensavo il peggio perchè Denise non era una bambina che poteva allontanarsi da sola; tutto mi sarei aspettato ma non una cosa del genere, un'atrocità, una mostruosità, perchè i bambini non si toccano». Pulizzi ha anche ricordato che «i primi sospetti caddero subito su mia figlia Jessica ma sospettai anche dell'ex marito di Piera, come forse lui sospettò di me». Parlando delle ricerche condotte in città nelle ore successive la scomparsa di Denise, il teste ha ricordato di avere cercato «anche dove lavorava la mia ex moglie, ma feci un errore, perchè non mi venne in mente di controllare nell'hotel (Ruggero II di Mazara del Vallo, ndr), se Anna Corona fosse effetivamente lì; mi limitai a verificare che la sua auto era parcheggiata davanti all'hotel, ma non pensai che forse si era allontanata con un altro mezzo». P
Pietro Pulizzi ha ricordato anche il primo incontro con la figlia Jessica avvenuto dopo la scomparsa di Denise: «In commissariato chiesi a Jessica se c'entrava qualcosa e lei mi disse di no ma mi rinfacciò che le avevo giurato che Denise non era mia figlia. A mia volta le ricordai che le avevo parlato di un segreto che le avrei rivelato quando sarebbe stata più grande, cioè proprio il fatto che aveva una sorella. Nei mesi successivi Jessica abitò con me a casa di mia madre e cercai continuamente di capire se aveva avuto un ruolo nella scomparsa di Denise; Mi negò di avere pronunciato la frase ''A casa cià purtaì'» (frase intercettata dagli investigatori che secondo l'accusa fa riferimento proprio alla bambina scomparsa, ndr). La convivenza con Jessica Pulizzi si sarebbe interrotta circa 3 mesi dopo «quando mia figlia mi chiese «mi aiuti a cercare un lavoro» e io gli risposi «e tu mi aiutui a cercare Denise?».
Mia figlia allora andò a stare con la madre; successivamente cercai di approfondire la frase «a casa cià purtai» anche andando da Anna Corona, ma quando le chiesi una spiegazione la mia ex moglie mi buttò fuori da casa».
Il teste ha ricordato inoltre che ««all'epoca della scomparsa di Denise ero già divorziato da Anna Corona. Avevo lasciato casa già un paio d'anni prima della nascita della bambina, per il brutto carattere di mia moglie: gridava, diceva parolacce, rompeva sedie. Due volte sono andato via di casa. La seconda volta dopo che mi puntò il coltello alla gola. Me ne andai ad abitare da mia madre».
L'udienza è stata rinviata al 25 maggio prossimo. Alla prossima udienza saranno chiamati a testimoniare il pluriomicida Giuseppe D'Assaro, indagato di reato connesso, Rosalba Pulizzi e Antonina Minaudo, madre di Piero Pulizzi, il padre naturale di Denise.  Fonte: http://www.gazzettadelsud.it/NotiziaArchivio.aspx?art=53327&Edizione=12&A=20110413
Prossime udienze: 25 maggio - 29 giugno - 12 luglio.



Piera Maggio, mamma di Denise Pipitone, al Parlamento Europeo per task force minori scomparsi
"È fondamentale che ogni cittadino europeo abbia la possibilità di dare il suo contributo con una segnalazione non solo per i bambini scomparsi da poco, ma anche - come nel caso di Denise - , per quelli che mancano da molto tempo", ha dichiarato il 17 novembre 2010 al Parlamento europeo, a Bruxelles, Piera Maggio, mamma di Denise Pipitone, la bambina scomparsa il primo settembre 2004 da Mazara Del Vallo.
Piera Maggio, ospite a Bruxelles alla conferenza "Vulnerable Children on the run, a European Challenge", ha portato all'attenzione delle istituzioni comunitarie la proposta di creare una task force internazionale per dare maggior impulso alle ricerche dei minori scomparsi. Un progetto da lei lanciato tre mesi prima, il primo settembre 2010. Accanto alla Vicepresidente del Parlamento europeo Roberta Angelilli, Piera Maggio ha incontrato anche il capo di gabinetto della Commissaria Ue Viviane Reading che proprio nell'esecutivo Ue si occupa del fenomeno dei minori scomparsi.
Piera Maggio è intervenuta nella sala stampa del Parlamento europeo alla conferenza "Strategie europee contro il fenomeno dei minori scomparsi" proponendo la creazione di un nuovo organismo di Polizia interno ai singoli membri dell'Unione europea che possa intervenire tempestivamente in caso di scomparsa di minore e sulla costituzione di un gruppo operativo unico europeo per la ricerca dei bambini scomparsi attraverso i  mezzi di informazione a larga scala. Un sistema diverso da tutti quelli già esistenti e operativi sul territorio.
Attraverso una task force, il coinvolgimento nelle ricerche dei bambini scomparsi riguarderebbe non soltanto le Forze dell'Ordine e le autorità giudiziarie, ma anche diversi strati della popolazione con un uso diffuso di comunicazioni grazie a Gsm e ad altri strumenti, con informazioni lungo le autostrade e negli aeroporti.Roberta Angelilli ha ricordato che un ulteriore sostegno alla ricerca dei bambini scomparsi potrà arrivare da "Child Alert System": la creazione di sistemi transfrontalieri di allerta minori per fornire informazioni in tempo reale. Al Progetto al momento hanno aderito Stati membri come Portogallo, Francia, Lussemburgo, Belgio, Grecia, Germania, Gran Bretagna e Olanda. E presto si unirà anche l'Italia.
Accanto alla Angelilli, alla conferenza stampa hanno partecipato, fornendo il loro sostegno, anche il vicepresidente Gianni Pittella e l'eurodeputato Salvatore Iacolino. Fonte: http://www.cronaca-nera.it/persone-scomparse/107-piera-maggio-mamma-denise-pipitone-parlamento-europeo-task-force-minori-scomparsi.html

 

Martedi, Aprile 12, 2011
DENISE: NONA UDIENZA DEL PROCESSO. IN AULA IL PADRE NATURALE.

NONA UDIENZA DEL PROCESSO. IN AULA IL PADRE NATURALE.
Mazara del Vallo, 12 Aprile 2011
Si terrà oggi presso il Tribunale di Marsala, la nona udienza del processo per il rapimento di Denise, che vede imputati la sorellastra Jessica Pulizzi per sequestro di minorenne e il suo ex-ragazzo Gaspare Ghaleb per falsa testimonianza ai PM. Tra i testi citati dall'accusa sarà in aula Piero Pulizzi, il padre naturale di Denise.
Ufficio Pubblica Informazione
Associazione Cerchiamo Denise
ufficiostampa@cerchiamodenise.it


Mercoledi, Marzo 16, 2011
Polemiche: di come i media stanno gestendo il caso Yara, cosa ne pensa Piera Maggio, dell'informazione al grande pubblico nei casi di scomparsa.

(Polemiche caso Yara) - Non manca nemmeno il procuratore di fare un appunto agli organi di stampa e alle modalità con cui stanno gestendo le notizia sul caso di Yara: "Non sono contrario sul dare la notizia dei fatti ma su questa vicenda è stata oltrepassata la misura: non è possibile andare avanti per mesi sentendo queste chiacchiere pubbliche e mi riferisco soprattutto alle emittenti televisive. Vorrei che tenessimo conto che siamo di fronte a una tragedia e a delle persone che stanno soffrendo" Si potrebbe concordare sull'eccessivo risalto mediatico o sul generarsi di illazioni infondate, ma forse non è da trascurare in fattore per cui una ridondante visibilità conduce l'opinione pubblica a interrogarsi, a porsi domande, a confrontarsi su sistemi che oggettivamente potrebbero non aver dato i risultato sperati e che portano alla luce una triste verità: il corpo della povera Yara è stato ritrovato per un caso fortuito a soli 12 km da casa.
Quello che ci si augura è che almeno l'identificazione dell'assassino sia un iter meno fortuito e più investigativo; intanto, a tutti i cittadini di Brembate e d'Italia non resta che associarsi all'appello rivolto all'omicida di Suor Carla Lavelli, preside della scuola media Maria Regina frequentata dalla vittima: "Quando ti guardi allo specchio vedi una persona umana? Vai in fondo al tuo essere persona e verifica se stai bene con te stesso, poi decidi". (estrapolato dalla fonte): http://www.giornaledipuglia.com/2011/03/yara-uccisa-chignolo-poche-ore-dopo-la.html

Caso Yara: mamma Denise Pipitone, addolorata per genitori so cosa si prova
Palermo, 1 mar. - (Adnkronos) - "La notizia del ritrovamento del cadavere della piccola Yara mi ha molto addolorata. Avrei sperato in un esito positivo della vicenda e sono vicina ai genitori della bambina, per i quali si e' spenta una speranza". A dirlo e' Piera Maggio, la mamma di Denise Pipitone, inghiottita nel nulla a Mazara del Vallo (Trapani) il primo settembre del 2004, quando aveva quattro anni. "So cosa si prova - aggiunge - e so che al dolore presto si aggiungera' la rabbia per quello che magari non si e' fatto". Sulla scelta del silenzio stampa invocata dai genitori di Yara, mamma Piera, da anni pronta ad andare in tv e a fare appelli perche' chi sa parli, non ha dubbi: "E' stata una scelta soggettiva ed io penso che bisogna rispettarla. Non mi sento di dare giudizi, evidentemente hanno ritenuto opportuno fare cosi'". "Io - prosegue - penso che di questi bimbi scomparsi bisogna parlare sempre e dovunque. Le loro foto devono essere note al grande pubblico per non dimenticarli, pero' - precisa - e' necessaria una corretta informazione, un'informazione che aiuti le ricerche e le indagini, e non un stillicidio di notizie, talvolta infondate, fatte di commenti affrettati e di un accanimento che reca ulteriore dolore. Bisognerebbe sempre ricordare - conclude - che dietro un bambino rapito c'e' un'intera famiglia che vive un dramma e che puo' essere marchiata a vita con giudizi infamanti". continua..... da http://informazione.cerchiamodenise.it/
15 marzo 2011 - I Dolori di una madre "Nonostante io osservi una attenzione da parte della magistratura a risolvere pienamente il caso", commenta Piera Maggio, la mamma di Denise, "per una madre gli anni trascorsi sono una attesa interminabile che giorno dopo giorno devasta l'animo e ogni pensiero. In questo periodo di particolari sconvolgimenti per quanto riguarda la cronaca nazionale relativa ai minori scomparsi, ho voluto astenermi a partecipare a trasmissioni televisive, intensificando invece quella parte di solito trascurata che concerne l'approfondimento della tematica a livello europeo, per una più ampia personale comprensione".  Piera Maggio aggiunge che
"sono particolarmente vicina a tutti i genitori che hanno subito il trauma di un minore scomparso o ucciso, perchè conosco da vicino quali atroci sofferenze colpiscono queste persone. Nonostante ciò ritengo che sia sempre importante perseguire l'obiettivo della ricerca e della giustizia, favorendo la diffusione delle immagini dei bambini e incentivando le campagne di sensibilizzazione mediatica e le strategie operative".


Martedi, Marzo 15, 2011
Denise: ottava udienza del processo. I pensieri di una madre.


Denise: ottava udienza del processo. I pensieri di una madre.
Mazara del Vallo, 15 Marzo 2011
.  Si terrà oggi alle ore 15:00, presso il Tribunale di Marsala, la ottava udienza del processo per il rapimento di Denise, che vede imputati la sorellastra Jessica Pulizzi per sequestro di minorenne e il suo ex-ragazzo Gaspare Ghaleb per falsa testimonianza ai PM. "Nonostante io osservi una attenzione da parte della magistratura a risolvere pienamente il caso", commenta Piera Maggio, la mamma di Denise, "per una madre gli anni trascorsi sono una attesa interminabile che giorno dopo giorno devasta l'animo e ogni pensiero. In questo periodo di particolari sconvolgimenti per quanto riguarda la cronaca nazionale relativa ai minori scomparsi, ho voluto astenermi a partecipare a trasmissioni televisive, intensificando invece quella parte di solito trascurata che concerne l'approfondimento della tematica a livello europeo, per una più ampia personale comprensione". Piera Maggio aggiunge che "sono particolarmente vicina a tutti i genitori che hanno subito il trauma di un minore scomparso o ucciso, perchè conosco da vicino quali atroci sofferenze colpiscono queste persone. Nonostante ciò ritengo che sia sempre importante perseguire l'obiettivo della ricerca e della giustizia, favorendo la diffusione delle immagini dei bambini e incentivando le campagne di sensibilizzazione mediatica e le strategie operative". 

Ufficio Pubblica Informazione
Associazione Cerchiamo Denise
ufficiostampa@cerchiamodenise.it


 

Martedi, Marzo 01, 2011
Caso Yara: mamma di Denise Pipitone, addolorata per genitori so cosa si prova
Palermo, 1 mar. - (Adnkronos) - "La notizia del ritrovamento del cadavere della piccola Yara mi ha molto addolorata. Avrei sperato in un esito positivo della vicenda e sono vicina ai genitori della bambina, per i quali si e' spenta una speranza". A dirlo all'ADNKRONOS e' Piera Maggio, la mamma di Denise Pipitone, inghiottita nel nulla a Mazara del Vallo (Trapani) il primo settembre del 2004, quando aveva quattro anni. "So cosa si prova - aggiunge - e so che al dolore presto si aggiungera' la rabbia per quello che magari non si e' fatto". Sulla scelta del silenzio stampa invocata dai genitori di Yara, mamma Piera, da anni pronta ad andare in tv e a fare appelli perche' chi sa parli, non ha dubbi: "E' stata una scelta soggettiva ed io penso che bisogna rispettarla. Non mi sento di dare giudizi, evidentemente hanno ritenuto opportuno fare cosi'". "Io - prosegue - penso che di questi bimbi scomparsi bisogna parlare sempre e dovunque. Le loro foto devono essere note al grande pubblico per non dimenticarli, pero' - precisa - e' necessaria una corretta informazione, un'informazione che aiuti le ricerche e le indagini, e non un stillicidio di notizie, talvolta infondate, fatte di commenti affrettati e di un accanimento che reca ulteriore dolore. Bisognerebbe sempre ricordare - conclude - che dietro un bambino rapito c'e' un'intera famiglia che vive un dramma e che puo' essere marchiata a vita con giudizi infamanti". (01 marzo 2011 ore 21.02)
fonte: http://palermo.repubblica.it/dettaglio-news/21:01/3926307  http://www.cerchiamodenise.it/public/casoyara.pdf 


 

Lunedi, Febbraio 28, 2011

  www.cerchiamodenise.it   Home Page siti ufficiali:   www.cerchiamodenise.org   


Associazione "Cerchiamo Denise" onlus
(Difendere i Bambini è un nostro dovere, NOI ci stiamo provando) e tu?
Visita il nostro sito - aiutaci a sostenerci
http://www.cerchiamodenise.it/associazione/asscerchiamodenise.htm
IL DIRITTO DI GRIDARE: "MOSTRO !"
Se vuoi scrivere un commento vai sulla bacheca: Amici di Denise/Denise's Friends


Ci sono reati che vengono commessi contro la persona. E sono gravi.
Ma ci sono azioni che pur danneggiando una o più specifiche persone, sono da considerare reati contro l'umanità.
Tutto ciò per la gravità e l'efferatezza che li caratterizza.
Non è necessario essere un dittatore di qualche sperduto paese per commettere questo tipo di reati.
Basta agire e pensare contro il senso proprio dell'esistenza di un altro individuo, senza rispetto per la dignità della persona e per il diritto alla vita. E se l'individuo danneggiato è un bambino indifeso, non esiste più alcuna attenuante per chi ha commesso questo atto ignobile.
 La vergogna profonda del nostro silenzio è il male del nostro tempo, perché le nostre città sono culla di mostri senza pietà, rigidamente freddi nel perseguire il loro intento criminale, e spietati nelle loro azioni.
Non importa che dall'altra parte vi sia una vittima innocente, l'importante per queste non-persone è soddisfare il loro smisurato bisogno di vendetta e di orrore.
E nessuno ha il coraggio di dire basta, perché se si leva la protesta, giusta e sensata, la comune codardia leva la sua voce ancora più cinica e insensata: "è un fatto che riguarda loro, la loro famiglia, ecco perché è successo".
E così di famiglia in famiglia, i mostri vagano indisturbati, rubando e uccidendo, senza alcun freno né morale, perché essi sono disumani, né materiale, perché tanto "sono questioni private".
E così è normale che una ragazza si liberi della sorellina sgradita, magari perché è figlia di un'altra madre. Appunto. si tratta solo di "questioni nella famiglia".
Così tacitiamo la nostra paura di venire un giorno coinvolti in questi sgraditi affari, perché noi siamo "diversi" da "quelle famiglie là".
Ci sentiamo immunizzati contro il male, protetti dallo scudo del nostro buon senso e dalle nostre più che riconosciute "buone frequentazioni".
Ecco perché i mostri esistono. Perché non li vogliamo vedere.
Possiamo convivere con l'idea che i mostri possono colpire anche noi? Possiamo accettare la nostra fragilità di fronte al male ignobile che pervade la loro logica incoscienza?
Noi rivendichiamo il diritto di esprimere la nostra paura. La nostra voce si leva per focalizzare il punto di origine che determina il male che a noi perviene.
E' un invito rivolto a chiunque, un appello al senso della libertà e della giustizia: non abituiamoci ai mostri.
Quando ne riconosciamo uno, abbiamo il coraggio di gridare: "mostro!". Perché forse, oltre a noi, anche qualcun altro potrà vederlo.
 http://www.cerchiamodenise.it/associazione/gridaremostro.pdf


Martedi, Gennaio 25, 2011
Processo Denise, ascoltato il perito
Processo Denise, ascoltato il perito conferma la frase "A casa c'a purtai" ("A casa gliela portai")
Mazara Del Vallo 25/01/2011 - Il perito Roberto Genovese, ascoltato dal Tribunale di Marsala nel processo per il sequestro della piccola Denise Pipitone, scomparsa da Mazara del Vallo (Tp) l'1 settembre 2004, quando aveva poco meno di quattro anni, conferma La frase "A casa c'a purtai" ("A casa gliela portai") Jessica Pulizzi la pronunciò nel contesto di un dialogo riferendosi a Denise, con la madre Anna Corona, all'interno del commissarito del PS. di Mazara del Vallo, 11 giorni dopo il sequestro della bambina.  Prossima udienza il 15 marzo alle 15, il processo continuerà il 12 aprile per l'intera giornata.


 

Lunedi, Gennaio 24, 2011
Denise: domani il pronunciamento del perito

Domani il pronunciamento del perito
Mazara del Vallo, 24/01/2011. 
  Martedì 25 Gennaio si terrà presso il Tribunale di Marsala la settima udienza del processo per il rapimento di Denise, che vede imputati la sorellastra Jessica Pulizzi per sequestro di minorenne e il suo ex-ragazzo Gaspare Ghaleb per falsa testimonianza ai PM. In questa occasione si terrà il dibattimento circa la perizia rilasciata dal Dott. Genovese, riguardante la frase intercettata il giorno 11 Settembre 2004 nel commissariato di Mazara del Vallo, nel dialogo tra Jessica e la madre Anna Corona, dove la ragazza ha detto "A casa c'a purtai". Il perito Genovese il 23 Dicembre scorso ha depositato la perizia che conferma l'esistenza di tale frase, contrariamente a quanto sostenuto dalla difesa, quindi ciò è diventato elemento di prova ed oggetto dell' udienza. Nella stessa giornata saranno ascoltati anche ulteriori testi per l'accusa.

Ufficio Pubblica Informazione
Associazione Cerchiamo Denise
ufficiostampa@cerchiamodenise.it


Venerdi, Gennaio 14, 2011


Hai Visto questo Minore? E' questa donna?  http://www.cerchiamodenise.it/cronaca.htm
SEI PIPITONE DENISE? (COMPARAZIONE FATTA DAI R.I.S)
(1°Parte) Sei Denise Pipitone?
http://www.youtube.com/watch?v=88qJjFHy1Fo 
(2°Parte)
http://www.youtube.com/watch?v=Y1txDc4csl0
Polizia Di Stato sezione minori bambiniscomparsi.it Denise Pipitone


         


    
Video montaggi di Denise Pipitone04 caricati su You Tube
Per scrivere commenti andate sulla bacheca del Forum/Pour tous ceux qui aimeraient envoyer un message de solidarité à la fillette, le forum est actif http://friends.cerchiamodenise.it . Amici di Denise/Denise's friends"
Su Facebook ci troviamo sui seguenti profili: Fans Missing Denise Pipitone Mp
http://www.facebook.com/missing.d.mp#!/pages/Fans-Missing-Denise-Pipitone-Mp/301565724282 oppure
(Gruppo) Missing Denise Pipitone Mp (Una Mano in Più)
http://www.facebook.com/missing.d.mp#!/group.php?gid=80318663328 

Missing Denise Pipitone Mp http://www.facebook.com/missing.d.mp#!/missing.d.mp


Sabato, Gennaio 08, 2011

Video trasmissione "Quarto Grado", puntata del 7 gennaio 2011, Intervista a Piera Maggio. I casi di Sarah Scazzi, Yara Gambirasio, Denise Pipitone, Angela Celentano. http://www.video.mediaset.it/video/quarto_grado/full/202270/puntata-del-7-gennaio.html  per vedere diretto spostare il cursore 20:58 /01:54:43

Intervista fatta a Piera Maggio, da Piera Pipitone. 05/01/2011 sito http://www.teleibs.it - 
(parte1) http://dailymotion.virgilio.it/video/xgh7dr_crash-5-intervista-a-piera-maggio-parte1_news 
(parte2) http://dailymotion.virgilio.it/video/xgh7un_crash-5-intervista-a-piera-maggio-parte2_news  
(parte3) http://dailymotion.virgilio.it/video/xgh9rq_crash-5-intervista-a-piera-maggio-parte3_news 


Giovedi, Gennaio 06, 2011

www.cerchiamodenise.it   Home Page siti ufficiali:   www.cerchiamodenise.org  
http://friends.cerchiamodenise.it   http://informazione.cerchiamodenise.it



PIERA MAGGIO, RINGRAZIA TUTTI, PER IL CALORE, LA SOLIDARIETA' E LA VICINANZA ESPRESSA, "SAPERVI VICINI CI RENDE PIU' FORTI GRAZIE DAL PROFONDO DEL CUORE"
  (canzone per Denise)
http://www.youtube.com/watch?v=8SZpIWdH1aE


 

Martedi, Gennaio 04, 2011

Traduction de "Chi l'ha Visto" - 22 décembre 2010 - DENISE PIPITONE
par Valérie Raeli-Margjoni,
Federica :
Des jours sont passés, puis des semaines, des mois et des années et Denise Pipitone est encore une enfant disparu. Il y a un procès, il y a déjà eu quelques audiences, il y a un procès pour le séquestre de la petite Denise et l'accusée est Jessica, la demi-sour, sour, de Denise Pipitone. Mais de Denise. toujours rien.
La maman, Piera Maggio assiste à toutes les audiences, mais Jessica, accusée de cet horrible délit, n'y est pas allée.  Les témoins ont défilé et un témoignage nous a particulièrement marqués, celui de la cousine qui tenait par la main la petite Denise, et qui a dit, j'ai vu Jessica qui regardait la petite avec haine.
Donc, Jessica savait qu'elle était sa demi-sour. Donc une haine qui vient de loin.
Mais une autre chose importante a eu lieu ces jours, qui a été confirmé par tous, également par l'expert qui fait partie de la défense. Que la célèbre phrase dite lors d'un enregistrement de micros cachés « A la maison, je l'ai amenée »  ou alors « à la maison, je la lui ai amenée » comme le dit une professeur qui nous a à peine téléphoné.
Cette phrase a été prononcée, elle a été prononcée dans un contexte, un contexte dans lequel, on parlait de Denise Pipitone. Où est-ce que ça s'est passé. ce jour. Ca ressemble vraiment à une scène de film, car ça se passe au commissariat de Mazara del Vallo, 11 jours seulement après la disparition de Denise. Au commissariat ont été convoquées Jessica ainsi que sa maman Anna Corona, car Piera Maggio avait de suite indiqué ces deux femmes.  Elle avait dit, « ce sont deux personnes qui peuvent me détester, qui peuvent m'avoir fait ça ». Dans ce commissariat, elles commencent à parler, ensuite le père entrera, ensuite un agent et tout a été enregistré. Il y a un micro quelque part dans la pièce, mais il y a aussi une fenêtre ouverte, malheureusement, et aussi l'appareil d'air conditionné est allumé, ces enregistrements sont donc pas tout clairs. A travail difficile a été fait pour déchiffrer cette phrase mais à ce qu'il semble, maintenant est sûre. « A la maison je l'ai amenée » a été dit, alors commençons par-là,  dans ce commissariat.
Vidéo
Anna :
« Tu l'as vu Gaspare ce matin ? »
Jessica : « Non ! »
Anna : « Non. tu dois me répondre qu'une seule fois. Tu l'as vu Gaspare ? »
Jessica : « Maman. Je m'en vais ! »
Anna : « Non, toi, tu ne vas nulle part ! Tu l'as vu Gaspare ? »
Jessica : « Non ! »
Anna : « Oh ! Cette enfant toi, tu l'as vue ? »
Jessica : « Non ! »
Journaliste :
Anna Corona demande avec insistance à sa fille, ce qu'elle a fait le 1er septembre, le jour où Denise a disparu, elle a été enlevée.  Ensuite Anna insiste sur un autre détail ou plutôt sur deux ! Le premier sur le fait si Jessica, a vu, rencontré son fiancé qui s'appelle Gaspare et surtout, si Jessica, ce matin-là s'est retrouvée près de l'habitation de la sour de Gaspare, c'est important car la sour de Gaspare habite peu de mètre de là ou Denise a disparu et donc de la maison de Piera Maggio
Anna : La sour de Gaspare, ce matin-là tu l'as vue ?
Jessica : Non, je ne lui parle même pas
Anna : Tu ne lui parle pas ? Mais tu t'es arrêtée chez elle !
Jessica : Non !
Anna : Non ? Mais Denise. tu l'as vue cette fillette ?
Journaliste :
Maintenant écoutons un autre passage de la conversation.  Anna Corona est toujours très pressante, à un moment elle introduit un autre personnage qui s'appelle Peppe.
D'après ce que nous avons compris, ce Peppe, est un policier qui aurait dit à Jessica, qu'elle aurait été vue par quelques témoins.
Jessica : C'est Peppe qui dit que je parlais avec la petite. Moi je lui ai dit de m'amener des témoins.
Anna : C'est qui Peppe ?
Jessica : Peppe, celui qui est là-dedans.
Anna : Oui eh bien laisse tomber ce que dit Peppe. Devant Dieu. toi tu as parlé avec la petite ?
Jessica : Non ! Moi je ne lui ai jamais parlé et pas seulement ce jour là
Anna : Tu ne lui as jamais parlé.et tu n'as jamais fait ce chemin ?
Jessica : Non !
Passons maintenant à un autre passage de cette conversation. Il est particulièrement significatif car des questions posées par Anna à sa fille Jessica, on comprend la qualité du rapport existant entre Jessica Pulizzi et Denise Pipitone. En pratique, on comprend que Piero Pulizzi, père biologique de Denise qui est aussi le papa de Jessica aimerait faire rencontrer les deux sours, les faire passer du temps ensemble.
Anna : T'es en ordre avec ta conscience ?
Jessica : Oui !
Anna : Ah ! Il suffit que tu sois en ordre avec ta conscience.
Jessica : Et papa dit qu'il  doit amener la petite pour qu'on fasse connaissance, qu'elle était ma sour
Anna : Papa devait te l'amener. mais pourquoi ? Papa ne t'a jamais dit qu'elle est ta sour ?
Jessica : Non !
Anna : Et alors ?...
Jessica : Il me l'a juré. Pour ne pas amener des drames en famille, il a admis qu'elle est sa fille.
Anna : Il l'a admis ? Et toi ?
Jessica : Eh bien moi. Je n'ai qu'une seule sour.  Lui, il m'a dit. si je te l'apporte, toi tu l'emmèneras promener la petite ?
Anna : S'il l'amène en disant qu'elle est sa fille, disons que tu as une demi-sour et c'est tout.
Retour au studio.
Federica : Se sont toutes des choses extrêmement  importantes car Jessica durant les premiers interrogatoires n'avait pas dit être allée au marché qui justement est près de la maison de Denise, donc les agents lui disent, mais quelques témoins t'ont vue. Elle a été vue au marché, mais pas vue avec la petite bien sûr.  Vous allez entendre maintenant la phrase « principale », peut-être la plus importante. Bien sûr ce ne sont que des extraits de ces très longues conversations,  les protagonistes de cette affaire sont restés là durant plusieurs heures. « A la maison, je l'ai emmenée ! », on l'entend très doucement, quasiment  chuchoter, car Jessica, cette phrase elle la dit vraiment très doucement, à voix basse et ensuite, remarquez ce qu'il va se passer.
Vidéo.
Anna :
Pourquoi tu m'as demandé comment sont ses yeux ?
Jessica : Pourquoi, excuse. regarde-moi
Anna : Des problèmes, en as-tu, Jessica, avec Dieu ?
Jessica : Moi, à la maison je l'ai emmenée.
Anna : Ok, je te dis, toi des problèmes avec Dieu, tu en as ?
Jessica : Non, mais je l'ai déjà dit.
Anna : Jessica, regarde-moi dans les yeux, moi je suis une personne croyante, je crois en Dieu.
Journaliste : Quand Jessica Pulizzi prononce la phrase «  à la maison je l'y ai emmenée », elle baisse le ton de sa voix, tandis que sa mère, au lieu d'approfondir, demander des explications, elle change de sujet et elle commence à parler de conscience et de dieu. Nous à ce stade, nous nous posons une question très simple, mais Anna Corona, savait qu'elle était sous écoute ?
(Reconstitution en italien, car original en dialecte serré)
Jessica :
Mes yeux ressemble à qui ? Je ne les ai pas comme toi les yeux ? Petits.
Anna : Mais oui, pourquoi, tu ressembles à qui toi ?
Jessica : Je suis comme la petite
Anna : Et si tu es comme la petite.
Jessica : Par contre moi j'ai de petits yeux
Anna : Ca, ce sont des choses que ton père sait, toi tu ne peux pas les savoir.
Jessica : Mais mon père, lui, a de petits yeux. Et la petite a de grands yeux.
Anna : Pourquoi tu me demande comment tu as les yeux ?
Jessica : Pourquoi. excuse, regarde-moi
Anna : Des problèmes, en as-tu, Jessica, avec Dieu ?
Jessica : Moi, à la maison je l'ai emmenée.
Anna : Ok, je te dis, toi des problèmes avec Dieu, tu en as ?
Jessica : Non, mais je l'ai déjà dit.
Anna : Jessica, regarde-moi dans les yeux, moi je suis une personne croyante, je crois en Dieu, et moi en tant que mère, je te dis. problèmes de conscience, tu en as ? Devant Jésus-Christ, t'es en tranquille ? T'es sereine ?
Journaliste : Ecoutons un autre extrait de cette conversation, un agent de police entre dans la salle d'attente et s'adressant aux deux femmes, il dit que le matin de la disparition, Jessica a été vue par quelques personnes dans un petit marché qui se trouve à peu de distance de la maison de Piera Maggio. C'est un détail important que Jessica Pulizzi a caché durant les interrogatoires précédents.
Anna : Admettons qu'elle a oublié, supposons que c'est un oubli.
Journaliste : Dans la salle d'attente du commissariat de Mazara del Vallo, arrive entre temps Piero Pulizzi. Piero Pulizzi est le père de Jessica et le papa biologique de Denise Pipitone. Ils sont seuls car Anna Corona n'est pas dans la pièce. De cette conversation on comprend que Jessica, non seulement aux enquêteurs, mais aussi à son père a caché que le jour de la disparition, elle était près de la maison de Denise Pipitone.
Piero : Tu m'avais dit qu'au marché, tu n'y es pas allée.
Jessica : Non, car j'ai mangé un sandwiches là
Piero : Mais pourquoi tu ne dis pas toute la vérité au lieu de dire des bêtises, « je suis ici, je suis là. »
Jessica : Qu'est-ce que je dois dire ? A eux, j'ai dit toutes les vérités.
Piero : T'es sûre ? Ça fait 11 jours que je suis ici dedans, 9h par jour, 11 jours ici, policiers, Marsala et tout le monde.  Tu le comprends ?
A ce point, Anna Corona entre dans la salle d'attente, elle est contrariée car elle veut être présente durant la conversation que lui a, avec leur fille Jessica.
Anna : Moi, je veux être présente ici.
Piero : Mais si jamais nous ne disons rien.
Anna : je m'en fiche, moi, je veux être présente ici, vu qu'elle est trop stressée et fatiguée.
Piero : Et moi, je suis plus stressé qu'elle.
Anna : Moi, je n'en ai rien à faire de toi.
Retour au studio.
Federica :
Ceci s'est passé au commissariat de Mazara del Vallo, 11 jours après la disparition de Denise Pipitone. Les années passent, maintenant nous en sommes à un procès, mais de Denise, aucune trace. Mais une chose maintenant est certaine, la phrase « à la maison je l'y ai emmenée » est réelle, elle a été prononcée par Jessica pendant qu'elle parlait de Denise Pipitone.
Walter Rizzo est allé à l'audience pour nous, il y avait les avocats de Jessica et de Piera Maggio et Piera Maggio.
Vidéo.
Journaliste
: Comment allez-vous ?
Avocat de Jessica, Gioacchino Sbacchi : Bien, bien, ça me fait plaisir de vous voir. Je me souviens.
Journaliste : Je suis de « Chi l'ha visto » .
Sbacchi : Je n'approuve pas la façon.
Journaliste : vous n'approuvez pas le style, mais j'aimerais savoir une chose, il y a cet enregistrement, point central de ce procès. Cet enregistrement où à un certain point Jessica dit « A la maison je l'y ai emmenée. »  Qui. en sicilien veut dire, je l'ai apportée à la maison. Quel est votre avis sur ça.
Sbacchi : Il faut voir le résultat de l'enquête et ensuite nous en parlons.
Journaliste : Oui mais c'est Jessica qui dit cette phrase. Vous êtes d'accord avec ça non ?
Sbacchi : Et vous avec ça, vous tirez la conclusion que c'est elle qui a pris la petite ?
Journaliste : Non, je ne dis pas ça.

Avocat Frazzitta : Le tribunal lui aussi a écouté et transcrit la phrase « à la maison je l'y ai emmenée » et en a conclu qu'elle a été prononcée dans un contexte d'arguments qui ont justement à voir avec Denise Pipitone.
Journaliste : Donc on peut dire que l'expert certifie que l'accusée, qu'avec cette phrase elle faisait référence à Denise.
Avocat Frazzitta : Exactement. Car dans le commissariat de Mazara del Vallo, à ce moment-là  il était exclusivement question de ce sujet. Nous, nous n'avons jamais douté de cette logique de raisonnement. Mais il est clair que maintenant l'expert vient confirmer plus sévèrement ce raisonnement.
Piera Maggio : L'expert, dit maintenant, que cette phrase prononcée par Jessica se réfère à Denise, elle parle de ma fille, et elle n'a pas éclairé sa position dès le début, elle s'est donc octroyée la faculté de non réponse du moment où on lui a contesté justement cette discussion qui a eu lieu au commissariat de Mazara del Vallo, entre elle est la mère.  Donc, sauf erreur c'était le 11 septembre, 11 jours après le séquestre de ma fille.  Donc moi j'ai une confirmation de ce qui a toujours été mes soupçons et qui continue à l'être. Malheureusement, mon regret en tant que mère est que cette confirmation arrive seulement 6 ans après que ma fille manque.  Aujourd'hui, que savons-nous de Denise ? Que Denise a été séquestrée et nous ne savons pas où elle est.
Retour au studio.
Federica :
Au procès, les témoins défilent et il y a un détail vraiment important, c'est la cousine de Denise qui nous le raconte, écoutons.
Vidéo.
Journaliste :
Vous avez rapporté un épisode important, aujourd'hui. Qui a à voir avec la rencontre que vous avez eu avec Jessica, vous et Denise.
Cousine de Denise, Fiorella Marino : Oui
Journaliste : Pouvez-vous nous raconter ce qui s'est passé ce matin-là ? 
Fiorella : Alors. ce matin-là, je me souviens, nous regardions des habits car nous avons une boutique et je mettais des habits dehors pour les mettre en vente. La petite était avec moi. Jessica est passée à côté de moi et a regardé mal la petite, c'est-à-dire avec rage, on voyait bien qu'elle en avait après la petite.
Journaliste : Et vous, qu'avez-vous pensé à ce moment-là ?
Fiorella : Mais moi, j'ai attiré près de moi la petite, car je n'ai pas du tout aimé son regard envers Denise, je n'ai pas du tout aimé car elle a eu une expression de méchanceté envers la petite, comme si elle était fâchée.
Journaliste : Vous êtes sûre que c'était contre la petite.
Fiorella : oui car elle a regardé seulement la petite.
Journaliste : Et quand Denise a disparu vous avez pensé à Jessica
Fiorella : Ah oui, je l'ai même rapporté.
Journaliste : Mais qu'avez-vous pensé ? Que Jessica le savait déjà ?
Fiorella : Elle avait la rage. Et oui, elle le savait déjà d'avant que Denise était sa sour. Autrement elle n'aurait pas eu autant de rage envers une fillette qu'elle ne connaissait pas. C'est mon avis.
Studio
Federica :
Ensuite, il y a le témoignage de Tony Pipitone, l'ex-mari de Piera Maggio qui confirme la haine envers Piera, cette fois de la part d'Anna Corona, la maman de Jessica.
Ecoutons cet extrait de l'interrogatoire. Nous n'avons pu enregistrer que l'audio, écoutons.
Marsala, 20 décembre 2010 - Tony Pipitone ex-mari de Piera Maggio répond aux questions du Ministère Public, concernant les menaces qu'Anna Corona aurait adressées à Piera Maggio.
Ministère Public : Episode de la rencontre entre Anna Corona et votre beau-père.
Tony Pipitone : J'ai su qu'elle disait «  comme j'ai souffert durant 4 ans, elle aussi souffrira durant 4 ans »
Ministère Public : A cette occasion, contre vous à votre beau-père, Anna Corona dit-elle quelque chose ?
Tony Pipitone : De moi. comme je vous l'ai dit : « je vous la fait payer », peut-être qu'elle parlait au pluriel, je ne me souviens pas précisément des mots utilisés. Mais il me semble qu'elle a parlé au pluriel. « Je vous la ferai payer » ou «  je la lui ferai payer » quelque chose du genre, je ne m'en souviens pas précisément. Mais il me semble que c'était au pluriel. «  Je la ferai payer à tous les deux ! ».
Federica : Nous continuerons bien sûr à suivre le cas de Denise Pipitone. Je vous demande votre aide. Prenez des notes. Vous pouvez revoir toutes les photos qui sont sur notre site."

Association Rita
Pour ne pas oublier nos enfants disparus
association_rita@yahoo.fr


Sabato, Gennaio 01, 2011


Archivio Blog Gen 2007 - Dic 2007 - Archivio Blog Gen 2008 - Dic 2008 - Archivio Blog Gen 2009 - Dic 2009 - Archivio Blog Gen 2010 - Dic 2010



Ogni bimbo che... è lontano possa ritrovar la mano di una mamma triste e sola che nessuno più consola! C'è una stella in qualche posto che risplende di calore c'è una bimba che vuol solo tanto amore! Ciao Denise, dolce tesoro!
Auguro a tutti! che la vita porti gioia ad ogni tetto, porti pace in ogni cuore, anche a chi non ha più amore!  (Piera Maggio)

  
Vi ringraziamo per tutti i messaggi, sms, lettere di solidarietà e affetto ricevuti - Per scrivere commenti andate sulla bacheca del Forum/Pour tous ceux qui aimeraient envoyer un message de solidarité à la fillette, le forum est actif http://friends.cerchiamodenise.it . Amici di Denise/Denise's friends"

Su Facebook ci troviamo sui seguenti profili: Fans Missing Denise Pipitone Mp http://www.facebook.com/missing.d.mp#!/pages/Fans-Missing-Denise-Pipitone-Mp/301565724282 oppure (Gruppo) Missing Denise Pipitone Mp (Una Mano in Più)
http://www.facebook.com/missing.d.mp#!/group.php?gid=80318663328 
Missing Denise Pipitone Mp
http://www.facebook.com/missing.d.mp#!/missing.d.mp



Locandina Universale Multilingua:
 Locandina Missing Denise EUR - Ita-Ing-Fra - Age progression 2008 (jpg)

 Tutte le locandine, gli stampati e foto di DENISE da scaricare 
 Denise's posters, printouts and photos dowload


Locandina Italiano EUR con numeri utili  (jpg) foglio orizzontale   Poster EUR - Age progression 2008 (jpg)
      
Clicca sui loghi
Se vuoi contribuire in aiuto a Denise, puoi farlo anche tu, vai su:  Iniziative pubbliche per Denise  segui semplicemente le istruzioni. Ringraziamo anticipatamente coloro che parteciperanno all'iniziativa.
Nessuno è inutile a questo mondo se alleggerisce un pò il fardello altrui. Charles Dickens (1812 - 1870)
***
Per ogni dettaglio relativo al caso di Denise, sono consultabili i siti ufficiali: http://www.cerchiamodenise.it    e   http://informazione.cerchiamodenise.it Inoltre per coloro che intendano inviare un messaggio di solidarietà per la bimba, è attivo il forum:  http://friends.cerchiamodenise.it  /- FotoAlbum Denise: http://fotoalbum.cerchiamodenise.it -  (Associazione "Cerchiamo Denise" onlus) http://www.cerchiamodenise.it/associazione/asscerchiamodenise.htm  /- You Tube Denise Pipitone: http://www.youtube.com/user/denisepipitone04  -

        
**********************************************************************************************************